Quarta Dose vaccino anti-COVID (second booster): chi deve farla e perché

Quarta Dose vaccino anti-COVID (second booster): chi deve farla e perché
Ultima modifica 13.07.2022
INDICE
  1. Quarta dose o Second booster
  2. Chi può fare la Quarta Dose?
  3. Quando farla?
  4. Quali Vaccini si utilizzano?
  5. Come si prenota la Quarta Dose?
  6. Perché fare la Quarta Dose?

La fonte utilizzata per la stesura di questo articolo è il sito ufficiale del Ministero della Salute dedicato al nuovo Coronavirus.

Quarta dose o Second booster

La seconda dose booster (o di rinforzo) - comunemente chiamata "quarta dose" di vaccino anti COVID - è raccomandata per alcune di categorie di pazienti ritenute fragili.

Quarta dose Shutterstock

Difatti, visto l'andamento della pandemia e il continuo circolare del virus SARS-CoV-2 in diverse varianti, nell'ottica di un ulteriore consolidamento della protezione conferita dai vaccini e nel rispetto del principio di massima precauzione, si è deciso di raccomandare la somministrazione di una ulteriore dose di vaccino per i soggetti che possono essere a maggior rischio di contrarre l'infezione e sviluppare la malattia in forma grave.

La somministrazione delle quarte dosi è iniziata nel mese di aprile 2022.

Premesso che l'andamento della pandemia è in continua evoluzione, in questo articolo verranno riportate le informazioni aggiornate ai primi giorni di luglio 2022.

Chi può fare la Quarta Dose?

La somministrazione della quarta dose di vaccino è raccomandata nelle seguenti categorie:

  • Persone dagli 80 anni di età in poi;
  • Ospiti dei presidi per anziani (CRA ed RSA), indipendentemente dall'età;
  • Persone dai 60 anni di età in poi che presentano fragilità motivata da patologie concomitanti o preesistenti;
  • Familiari e affini delle persone delle categorie destinatarie.

Per quel che concerne il penultimo punto, la Circolare 8 aprile 2022 del Ministero della Salute definisce quali sono le condizioni e le patologie che possono determinare elevata fragilità negli individui aventi età uguale o superiore ai 60 anni. Entrando nel dettaglio, esse sono:

Il testo completo della Circolare è consultabile cliccando qui.

Aggiornamento Luglio 2022: estensione della quarta dose agli over 60 e ai pazienti fragili dai 12 anni

In data 11 luglio 2022, il Ministero della Salute - di concerto con l'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) - ha diffuso la circolare con la quale viene estesa la possibilità di somministrazione della quarta dose - o second booster - anche ai cittadini con età uguale o superiore ai 60 anni e a tutti gli individui fragili di età uguale o maggiore a 12 anni.

La decisione arriva rispettando il principio di massima precauzione, in seguito alla nota congiunta rilasciata dall'Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) e dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) e al parere espresso dal Comitato tecnico-scientifico di AIFA tenendo conto:

  • Della situazione attuale in cui si assiste ad un aumento della circolazione del coronavirus SARS-CoV-2 associata ad un aumento dei posti letto occupati nelle aree mediche e in terapia intensiva (benché, in quest'ultimo caso, in minor misura);
  • Delle evidenze disponibili sull'efficacia della quarta dose di proteggere dallo sviluppo di forme gravi di COVID-19 sostenute dalle varianti che attualmente sono maggiormente circolanti (come Omicron 2, Omicron 3, Omicron 4 e Omicron 5).

La quarta dose potrà essere effettuata nelle suddette categorie purché siano trascorsi almeno 120 giorni dalla somministrazione della prima dose booster (altrimenti chiamata "terza dose") o dall'ultima infezione successiva al richiamo (data del test diagnostico positivo).

Per leggere la circolare completa e consultare la tabella contenente le condizioni concomitanti/preesistenti che determinano condizioni di fragilità per le quali la seconda dose booster viene raccomandata negli individui dai 12 anni di età in poi, clicca qui.

Quando farla?

La quarta dose di vaccino può essere effettuata nelle categorie di pazienti riportate nel soprastante capitolo solo se è trascorso un intervallo minimo di tempo di almeno quattro mesi (120 giorni) dalla somministrazione della prima dose booster.

Quarta dose e persone che hanno contratto l'infezione da SARS-CoV-2

Attualmente, l'indicazione per la somministrazione della seconda dose booster, o quarta dose che dir si voglia, NON si applica agli individui che hanno contratto l'infezione da SARS-CoV-2 dopo la somministrazione della prima dose booster, a meno che non siano trascorsi almeno 120 giorni.

Ad ogni modo, i guariti dalla COVID-19 dovranno chiedere informazioni al proprio medico per sapere se e quando potranno sottoporsi alla somminsitrazione della quarta dose.

Soggetti immunocompromessi: quarta dose o prima dose booster?

La somministrazione della quarta dose di vaccino deve essere promossa ed è raccomandata in tutti i soggetti con marcata compromissione della risposta immunitaria, per cause legate alla presenza di patologie di base o a trattamenti farmacologici, e ai soggetti sottoposti a trapianto di organo solido. In questa categoria di soggetti, infatti, la somministrazione della quarta dose deve essere considerata come l'equivalente di una dose di richiamo, poiché per loro il ciclo di vaccinazione primaria consiste di tre dosi.

Quali Vaccini si utilizzano?

Analogamente a quanto avviene per la prima dose booster (o terza dose), i vaccini utilizzati per la quarta dose (o seconda dose booster) sono quelli ad mRNA attualmente disponibili nel nostro Paese.

Entrando nello specifico, la quarta dose - nei soggetti adulti con età uguale o superiore ai 18 anni - potrà essere effettuata con:

  • Il vaccino Comirnaty di Pfizer/BioNTech che verrà somministrato al dosaggio di 30 mcg in 0,3 ml;
  • Il vaccino Spikevax di Moderna che verrà somministrato al dosaggio di 50 mcg in 0,25 ml.

Per i soggetti dai 12 ai 17 anni di età, invece, la quarta dose potrà essere effettuata con:

  • Il vaccino Comirnaty di Pfizer/BioNTech che verrà somministrato al dosaggio di 30 mcg in 0,3 ml.

Come si prenota la Quarta Dose?

La modalità di accesso alla somministrazione della quarta dose di vaccino può variare da una Regione all'altra. In alcune Regioni è possibile prenotare l'appuntamento per ricevere la seconda dose booster telefonando ai numeri dedicati o tramite sportelli CUP; in altre Regioni, invece, i pazienti che possono riceverla potranno essere avvisati mediante ricezione di un SMS.

Pertanto, si raccomanda di consultare le indicazioni fornite dalla propria ASL di riferimento. In alternativa, le informazioni possono essere richieste al proprio medico o al farmacista.

Perché fare la Quarta Dose?

La decisione di raccomandare l'esecuzione della quarta dose in pazienti ritenuti fragili, come accennato nei precedenti capitoli, si basa principalmente sul principio della massima precauzione, tenendo al contempo in considerazione l'andamento del quadro epidemiologico e la diminuzione delle misure restrittive cui si sta andando gradualmente incontro e iniziata a partire dal 1 aprile 2022.

Nel prendere la decisione di raccomandare la somministrazione della quarta dose nelle categorie sopra descritte, inoltre, si sono presi in considerazione anche i dati forniti dallo studio israeliano. Tali dati, infatti, mostrano una riduzione dell'80% della mortalità per COVID a seguito della somministrazione della seconda dose booster in soggetti di età superiore ai 60 anni.

Oltre a ciò, si è tenuto anche in considerazione l'indiscutibile aumento progressivo del rischio di andare incontro a conseguenze gravi con l'aumentare dell'età.

Per approfondire: Dose Booster anti COVID-19: Quando Farla?

Campagna di comunicazione per la Quarta dose del vaccino contro il COVID-19

Nei primi giorni di luglio 2022 la Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Ministero della Salute hanno dato il via ad una campagna istituzionale per la quarta dose del vaccino contro COVID-19, ossia per la somministrazione del cosiddetto second booster.

L'obiettivo che si prefigge la campagna - caratterizzata da uno spot diffuso sulle reti Rai (spot tv e radio), sul web e sui social media - è quello di aumentare il numero dei vaccinati con la cosiddetta quarta dose, allo scopo di proteggere la popolazione più fragile e ridurre il numero dei ricoveri.

Puoi visualizzare lo spot sul sito ufficiale della Presidenza del Consiglio dei Ministri cliccando qui.

Perché è necessario fare subito la Quarta Dose invece di aspettare l'autunno?

La campagna di comunicazione promossa dal Governo arriva in piena estate, a poco più di due mesi di distanza dall'inizio delle somministrazioni delle quarte dosi, poiché il tasso di vaccinazione con second booster risulta essere piuttosto basso anche fra gli individui anziani con più di 80 anni di età e fra gli individui fragili con compromissione del sistema immunitario.

L'obiettivo che si prefigge la campagna, come già detto, è quello di aumentare le somministrazioni della seconda dose di rinforzo per rinnovare l'immunità nei soggetti ritenuti fragili, ma - vista la scarsa adesione ricevuta fino ad ora - si teme che la percentuale di vaccinati con quarta dose non aumenti di molto durante i mesi estivi.

Tuttavia, abbassare la guardia in questo momento sembra non essere la strategia più corretta: i contagi continuano ad aumentare, il quadro epidemiologico è in continua mutazione, così come continua è la comparsa di nuove varianti che sembrano possedere una maggior capacità di fuga immunitaria (fra cui Omicron 4 e l'ormai prevalente Omicron 5). A tutto ciò consegue un inevitabile aumento dei contagi e della diffusione del coronavirus che, per i soggetti particolarmente fragili, può costituire un importante rischio per la salute.

Autore

Ilaria Randi
Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’Abilitazione alla Professione di Farmacista