Prurito al Naso: cosa significa quando il naso prude e come alleviarlo

Prurito al Naso: cosa significa quando il naso prude e come alleviarlo
Ultima modifica 27.01.2023
INDICE
  1. Cos’è
  2. Cause
  3. Quando preoccuparsi
  4. Diagnosi
  5. Trattamento e rimedi

Cos’è

Cosa s’intende per Prurito al naso?

Il prurito al naso è un sintomo riferito come una sensazione pruriginosa all'interno del naso o un pizzicore.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/01/27/prurito-al-naso-orig.jpeg Shutterstock

Diverse condizioni possono causare prurito nasale: nella maggior parte dei casi, questa manifestazione dipende da infiammazioni o irritazioni. Rinite allergica, allergie alimentari, sinusite e polipi nasali sono solo alcuni dei motivi più comuni all'origine del prurito al naso.

Il prurito è spesso associato alla risposta immunitaria e al rilascio di mediatori del sistema immunitario, inclusa l'istamina.

Cause

Prurito al naso: quali sono le cause?

Rinite allergica stagionale o perenne

Il più delle volte, il prurito al naso è provocato da una reazione allergica a pollini o altri allergeni, ma può essere scatenato da diverse altre condizioni. I sintomi di un'allergia stagionale includono tipicamente: prurito nasale, congestione, starnuti, naso che cola, mal di gola, affaticamento, tosse e respiro sibilante. La rinite allergica perenne è molto simile alle forme stagionali, ma le manifestazioni sono presenti tutto l'anno. Questa condizione può essere innescata, infatti, da un'allergia a peli di animali domestici, alimenti, acari della polvere o muffe che tendono ad essere presenti nell'ambiente tutto l'anno.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/01/27/prurito-al-naso-rinite-allergica-orig.jpeg Shutterstock

Raffreddore e sinusite

Non è raro, però, che alcuni processi infiammatori a carico delle prime vie respiratorie (es. raffreddore) esordiscano proprio con la sensazione del naso che pizzica o prude. Anche la sinusite (infiammazione dei seni nasali) può presentarsi con prurito al naso.

Polipi nasali

I polipi nasali possono impedire il corretto drenaggio dei seni e contribuire alla sinusite.

Emicrania

Molte persone che soffrono di emicrania soffrono anche di rinite allergica, il cui sintomo è il prurito nasale.

Tumori nasali

I tumori nella cavità nasale o nei seni paranasali sono estremamente rari. I sintomi possono includere congestione, dolore alla fronte, al viso, agli occhi o intorno alle orecchie, infezioni alle orecchie, frequenti epistassi, perdita dell'olfatto e del gusto e perdita dell'udito.

Altre possibili cause

Il prurito all'esterno del naso può manifestarsi nell'ambito di alcune condizioni dermatologiche, come l'eczema o la dermatite da contatto. Tale manifestazione può essere indotta, ad esempio, dall'uso di cosmetici e prodotti per la cura personale che contengono ingredienti a cui si è sensibili (es. detergenti, creme per il viso, shampoo).

Talvolta, la comparsa di vescicole o lesioni cutanee pruriginose sulla punta del naso è conseguenza dell'infezione da herpes simplex virus o della riattivazione del virus varicella-zoster (fuoco di Sant'Antonio).

Altre possibili cause del prurito al naso sono:

  • Scarsa umidità negli ambienti in cui si soggiorna
  • Inalazione di piccoli corpi estranei
  • Esposizione a fumo di sigaretta, polvere, prodotti chimici industriali e altre sostanze che possono determinare l'irritazione dei passaggi nasali.

Quando preoccuparsi

Prurito al naso: quando preoccuparsi?

Alcune condizioni responsabili di prurito nasale si attenuano da sole entro poche settimane, ad esempio quando provocate da un virus respiratorio o da un'aria estremamente secca. Tuttavia, se i sintomi peggiorano o il prurito persiste, è bene consultare sottoporsi ad una visita per stabilire quali siano le cause sottostanti.

Il medico va consultato tempestivamente, invece, se la sensazione di prurito al naso dura per più di una settimana e se è accompagnata da altri sintomi, come:

Diagnosi

Prurito al naso: esami per la diagnosi

Le condizioni che causano prurito al naso sono valutate dal medico di base o dall'otorinolaringoiatra (medico specializzato in disturbi dell'orecchio, del naso e della gola). Per indirizzare alla corretta diagnosi, è importante iniziare l'anamnesi riferendo quali siano le caratteristiche del prurito nasale e quali altri sintomi sono presenti:

  • Il prurito al naso è intermittente o persistente?
  • Il naso ha iniziato a prudere all'improvviso o in modo graduale?
  • Il prurito al naso si associa a rinorrea o a segni cutanei?

Successivamente, il medico esaminerà il naso, controllando il flusso aereo attraverso ciascuna narice ed osserverà le dimensioni, il colore e la condizione della mucosa dei turbinati (di norma, di colore rosa pallido).

A seconda del sospetto diagnostico, è possibile siano indicati ulteriori esami, come analisi del sangue, test allergologico, tomografia computerizzata e tampone rinofaringeo per confermare o escludere alcune delle cause infettive più comuni.

Trattamento e rimedi

Il trattamento è adattato alla condizione di base che causa il prurito al naso. Per esempio: gli antistaminici possono essere utilizzati per controllare le reazioni allergiche, mentre la chirurgia può essere necessaria per rimuovere polipi nasali o tumori. A seguito della visita, il medico può raccomandare alcuni rimedi per gestire la secchezza dei passaggi nasali, che possono esacerbare il prurito nasale, come il ricorso ad uno spray salino nasale o alle inalazioni di vapore (suffumigi).

Se il medico prescrive decongestionanti nasali e spray nasali steroidei, attenersi a tempi e modalità raccomandate.

Il prurito al naso va via da solo?

In alcuni casi, un prurito al naso può autolimitarsi: ad esempio, se la causa sottostante è un'infezione virale, questa in genere si risolve da sola nel giro di pochi giorni (indicativamente entro 7-10 giorni).

Cosa fare per alleviare il Prurito al naso

Per prevenire il prurito nasale, possono essere prese le seguenti misure:

  • Bere molta acqua e/o tisane, brodi e zuppe di verdure calde (non bollenti) nel corso della giornata;
  • Evitare gli sbalzi di temperatura e cercare di non esporsi a correnti d'aria;
  • Identificare ed evitare le sostanze a cui si è allergici;
  • Ridurre il rischio di infezioni respiratorie evitando le persone raffreddate o influenzate, lavando frequentemente le mani, riducendo lo stress e dormendo a sufficienza;
  • Evitare il fumo di sigaretta.

Cosa succede se il ​​Prurito nasale non viene trattato?

Dipende dalla causa sottostante del prurito nasale. In alcuni casi, come la rinite allergica, il mancato trattamento della condizione potrebbe portare ad un peggioramento dei sintomi.

Autore

Dott.ssa Giulia Bertelli

Dott.ssa Giulia Bertelli

Biotecnologa Medico-Farmaceutica
Laureata in Biotecnologie Medico-Farmaceutiche, ha prestato attività lavorativa in qualità di Addetto alla Ricerca e Sviluppo in aziende di Integratori Alimentari e Alimenti Dietetici