Codeina: A Cosa Serve, Come si Assume, Controindicazioni

Codeina: A Cosa Serve, Come si Assume, Controindicazioni
Ultima modifica 28.09.2020
INDICE
  1. Generalità
  2. A Cosa Serve?
  3. Avvertenze e Precauzioni
  4. Interazioni
  5. Effetti Collaterali
  6. Come Agisce
  7. Dosaggio e Modo d'uso
  8. Gravidanza e Allattamento
  9. Controindicazioni

Generalità

Che Cos'è la Codeina e Caratteristiche generali

La codeina è un alcaloide naturale che si estrae dal papavero da oppio

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2020/09/28/codeina---struttura-chimica-orig.jpeg Shutterstock
Codeina - Struttura Chimica

Dal punto di vista chimico, la codeina può essere considerata come un derivato della morfina (altro alcaloide naturale presente nel papavero da oppio).

Nonostante la sua disponibilità in natura, attualmente, la codeina viene prodotta soprattutto per via sintetica.

Questo principio attivo è impiegato in campo farmaceutico per le sue proprietà analgesiche (a tale scopo viene generalmente utilizzata in associazione ad altri principi attivi, quali FANS e paracetamolo) e antitussive (impiegata in forma di diidrocodeina, sia da sola che in associazione ad altri principi attivi; oppure in forma di bromidrato neutro di codeina biidrato in associazione ad estratti di edera - Hedera elix).

La codeina è disponibile in medicinali per uso orale (compresse, compresse e granulato effervescenti, gocce orali, sciroppo) e rettale (supposte).

Tutti i suddetti medicinali necessitano di ricetta medica per poter essere dispensati, di tipo ripetibile (RR) o non ripetibile (RNR) a seconda dei casi. Alcuni sono classificati come farmaci di fascia A, quindi il loro costo può essere rimborsato dal Sistema Sanitario Nazionale (potrebbe essere comunque necessario corrispondere un ticket), mentre altri sono classificati come farmaci di fascia C, pertanto, il loro costo è a totale carico del cittadino.

Esempi di Medicinali contenenti Codeina

  • Brufecod® (in associazione a ibuprofene)
  • Codamol® (in associazione a paracetamolo)
  • Co-Efferalgan® (in associazione a paracetamolo)
  • Hederix plan® (in associazione a estratto di edera)
  • Lonarid® (in associazione a paracetamolo)
  • Padeina® (in associazione a paracetamolo)
  • Paracodina® (sotto forma di diidrocodeina)
  • Parycod® (in associazione a paracetamolo)
  • Tachidol® (in associazione a paracetamolo)
  • Tachidolene® (in associazione a paracetamolo)
  • Zeuseff® (in associazione a paracetamolo)

A Cosa Serve?

Indicazioni Terapeutiche della Codeina: quando e perché si usa?

Come accennato, la codeina viene utilizzata per le sue proprietà analgesiche e antitussive. Il suo impiego è perciò indicato:

L'uso dei medicinali contenenti codeina è generalmente indicato solo nei pazienti adulti e negli adolescenti con più di 12 anni di età.

Avvertenze e Precauzioni

Cosa bisogna sapere prima di assumere la Codeina

Poiché la codeina può causare dipendenza, durante il trattamento con il farmaco, è assolutamente necessario seguire scrupolosamente le indicazioni fornite dal medico, sia per quanto riguarda la quantità di farmaco da assumere, sia per quanto riguarda la frequenza delle somministrazioni e la durata dello stesso trattamento.

La codeina, una volta assunta, viene convertita in morfina a livello epatico da uno specifico enzima. La morfina è la diretta responsabile dell'azione terapeutica della codeina. Alcuni pazienti, tuttavia, possono avere variazioni di questo enzima che influenzano la risposta individuale all'assunzione del principio attivo:

  • In alcuni pazienti la morfina non viene prodotta o viene prodotta in quantità molto piccole, pertanto, non sarà sufficiente per esercitare la sua azione;
  • In altri pazienti, invece, la morfina può essere prodotta in quantità eccessive con conseguente elevata probabilità di andare incontro ad effetti indesiderati. Per tale ragione, se si nota la comparsa di effetti indesiderati quali respirazione lenta o superficiale, confusione, sonnolenza, miosi, nausea o vomito, stipsi, mancanza di appetito, è necessario interrompere il trattamento e contattare subito il medico.

La codeina deve essere utilizzata con molta cautela nei pazienti anziani, poiché - in questa categoria di pazienti - potrebbe aggravare disturbi preesistenti (come, ad esempio, difficoltà di minzione, disturbi cerebrali, ecc.).

Prima di cominciare il trattamento con codeina è necessario informare il medico se si soffre di asma o enfisema polmonare, poiché il farmaco può aggravare le difficoltà respiratorie provocate da queste patologie.

Ad ogni modo, prima di assumere qualsiasi farmaco contenente codeina, è importante informare il medico del proprio stato di salute mettendolo a conoscenza della presenza di eventuali disturbi o malattie di qualsiasi tipo.

Nota Bene

La codeina può provocare effetti indesiderati come sonnolenza e sedazione, pertanto, si sconsiglia di guidare veicoli e/o di utilizzare macchinari dopo aver assunto il farmaco.

Codeina con Cibi, Bevande e Alcol

La codeina deve essere assunta a stomaco pieno.

Durante il trattamento con questo principio attivo, è necessario evitare il consumo di alcolici.

Interazioni

Interazioni Farmacologiche fra la Codeina e Altri Farmaci

La somministrazione concomitante di codeina e di altri analgesici oppioidi deve essere evitata. Anche l'assunzione contemporanea di codeina e di antidepressivi triciclici (come imipraminaclomipramina e amitriptilina) deve essere evitata.

Inoltre, l'utilizzo del principio attivo deve essere evitato se si assumono - o se sono stati assunti nelle ultime due settimane - farmaci inibitori delle monoammino ossidasi (o IMAO, farmaci impiegati nel trattamento della depressione e del morbo di Parkinson).

Va usata molta cautela e - se possibile - andrebbe evitata la somministrazione concomitante di codeina e di altri farmaci in grado di esercitare un'azione depressiva sul sistema nervoso centrale, come farmaci sedativo-ipnoticiansiolitici e antistaminici.

Da tenere in considerazione anche le possibili interazioni farmacologiche dei principi attivi associati alla codeina nel medicinale che si deve assumere. Per tale ragione, si raccomanda di leggere con attenzione il foglietto illustrativo del farmaco che si deve usare e di comunicare al medico se si stanno assumendo, sono stati recentemente assunti o si potrebbero assumere medicinali o prodotti di qualsiasi tipo - anche se non espressamente citati sopra - compresi i farmaci senz'obbligo di prescrizione medica (SOP), i farmaci da banco (OTC), i prodotti erboristici e fitoterapici, i prodotti omeopatici, ecc.

Effetti Collaterali

Quali Effetti Indesiderati può causare la Codeina?

La codeina può indurre diversi tipi di effetti collaterali, sebbene non tutti i pazienti li manifestino. Questo dipende dalla diversa sensibilità che ciascun individuo possiede nei confronti del farmaco. Pertanto, non è detto che gli effetti avversi si manifestino tutti e con la medesima intensità in ciascuna persona.

Di seguito sono elencati alcuni degli effetti indesiderati che possono insorgere durante il trattamento con codeina; tuttavia, tali effetti possono variare in funzione del medicinale preso in considerazione, quindi, in funzione della forma farmaceutica, della via di somministrazione, della concentrazione di principio attivo e della presenza di altri principi attivi in associazione. Pertanto, per informazioni specifiche e approfondite, si rimanda all'attenta lettura del foglietto illustrativo del medicinale contenente codeina che si deve assumere.

L'uso della codeina deve essere subito interrotto e il medico immediatamente contattato nel caso in cui compaiano:

Fra gli altri effetti indesiderati che potrebbero manifestarsi con l'assunzione della codeina, ricordiamo:

Per informazioni specifiche sugli effetti indesiderati di un determinato medicinale a base di codeina, si rinnova l'invito alla lettura del foglietto illustrativo corrispondente.

Sovradosagio da Codeina

Qualora si assumano dosi eccessive di codeina, possono insorgere sintomi quali:

In caso di sovradosaggio da codeina è fondamentale ripristinare subito la funzionalità respiratoria. L'antidoto per eccellenza, in questi casi, è il naloxone (un antagonista dei recettori oppioidi μ) che deve essere somministrato per via endovenosa.

In ogni caso, qualora si sospetti un iperdosaggio da codeina, è necessario contattare subito il medico e recarsi immediatamente nel più vicino centro ospedaliero.

Come Agisce

Come Funziona la Codeina e con quale Meccanismo d'Azione agisce?

La codeina, una volta assunta, subisce metabolismo epatico e viene convertita in morfina e altri metaboliti.

Sia la codeina, sia la morfina sono agonisti selettivi dei recettori oppioidi μ. Questi recettori sono coinvolti nella modulazione della neurotrasmissione del dolore e la loro attivazione induce analgesia. La codeina - e in particolar modo la morfina derivante dal suo metabolismo - in quanto agonista dei suddetti recettori, è in grado di attivarli esercitando, quindi, un'azione antidolorifica. Inoltre, la codeina agisce a livello centrale deprimendo il centro nervoso della tosse. Così facendo, il principio attivo espleta un'azione di tipo antitussivo.

Dosaggio e Modo d'uso

Come si Somministra la Codeina e in Quali Dosi?

La codeina è disponibile per la somministrazione orale (da sola o in associazione ad altri farmaci) sotto forma di compresse, gocce orali, sciroppo, compresse effervescenti e granulato effervescente e per la somministrazione rettale sotto forma di supposte in associazione all'estratto fluido di Edera helix (una pianta dotata di proprietà espettoranti) per il trattamento della tosse o in associazione a paracetamolo per il trattamento del dolore acuto.

Il tipo di medicinale da usare, la quantità di codeina da assumere, la frequenza delle somministrazioni e la durata del trattamento (quindi, la posologia) dovranno essere stabilite dal medico in funzione del tipo di affezione che si deve trattare (stati dolorosi o tosse) e in funzione dell'età del paziente. Pertanto, si raccomanda di seguire con scrupolosa attenzione le indicazioni fornite dal medico e le istruzioni riportate sul foglietto illustrativo del medicinale a base di codeina da esso prescritto e che si deve assumere.

Gravidanza e Allattamento

La Codeina può essere utilizzata durante la Gestazione e nelle Madri che Allattano al Seno?

La codeina è in grado di attraversare la placenta, perciò potrebbe provocare danni al feto; più nel dettaglio, potrebbe causare depressione respiratoria. Per questo motivo, il farmaco può essere utilizzato nelle donne in gravidanza solo in casi di assoluta necessità e solo sotto la stretta sorveglianza del medico.

Inoltre, la codeina è escreta nel latte materno, pertanto, il suo utilizzo da parte di madri che allattano al seno è controindicato.

Controindicazioni

Quando la Codeina NON deve essere usata?

L'utilizzo della codeina e dei medicinali che la contengono è controindicato in tutti i seguenti casi:

  • Allergia nota alla stessa codeina e/o ad uno o più degli altri componenti (eccipienti e altri principi attivi) ;
  • In pazienti affetti da grave insufficienza epatocellulare;
  • In pazienti con insufficienza respiratoria;
  • In pazienti che soffrono di stipsi cronica;
  • In pazienti che stanno assumendo altri analgesici oppioidi, inibitori delle monoammino ossidasi, antagonisti della morfina;
  • Nei pazienti che sano che metabolizzano molto rapidamente e in elevate quantità la codeina in morfina;
  • Nei bambini con meno di 12 anni di età;
  • Durante l'allattamento al seno.

Ricordiamo che a queste controindicazioni possono aggiungersene altre, variabili da un medicinale all'altro ed imputabili alla presenza di altri principi attivi e all'associazione stessa con la codeina. Pertanto, si invita nuovamente al consulto del foglietto illustrativo del medicinale che si deve assumere per informazioni più precise.

NOTA BENE

Nel corso di questo articolo si è cercato di riassumere le principali caratteristiche della codeina e i principali aspetti inerenti la sua assunzione. Tuttavia, tali caratteristiche - come ribadito più volte - possono variare in funzione del prodotto preso in considerazione. Pertanto, per maggiori e specifiche informazioni su indicazioni, avvertenze e precauzioni per l'uso, interazioni, modo d'uso e posologia, uso in gravidanza e allattamento, effetti indesiderati e controindicazioni di un dato medicinale contenente codeina, si rinnova ancora una volta l'invito all'attenta lettura del foglietto illustrativo del medicinale stesso.

In caso di dubbi, consultare il medico.

Autore

Dott.ssa Ilaria Randi

Dott.ssa Ilaria Randi

Chimica e Tecnologa Farmaceutica
Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’Abilitazione alla Professione di Farmacista