Carta igienica: sai che può influenzare la salute intima?

Carta igienica: sai che può influenzare la salute intima?
Ultima modifica 02.04.2024
INDICE
  1. Cosa può fare la carta igienica alle parti intime?
  2. Irritazioni alla vulva: potrebbe essere la carta igienica a causarle?
  3. Cistite
  4. Vulvovaginite
  5. Reazione allergica
  6. Candida
  7. Microtagli

Cosa può fare la carta igienica alle parti intime?

La carta igienica è un insidioso, quanto banale colpevole di irritazioni intimi. Dopotutto, la si usa tutti i giorni proprio per mantenere il benessere delle proprie parti intime; per questo motivo, non si considererebbe mai la carta igienica come il motivo di infiammazione, cistite o infezioni (o quanto meno potrebbe essere l'ultima cosa a cui si attribuisce la colpa). Eppure: vuoi per predisposizione a particolari condizioni (vulvite, allergie a profumi ecc.), vuoi per il fatto che si usa in modo non corretto per la fretta o altro motivo, la carta igienica può rivelarsi un fattore di rischio per il benessere di vulva e vagina.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2024/04/02/carta-igienica-e-salute-intima-orig.jpeg Shutterstock

Carta igienica: come influenza la salute intima

Avere una vagina comporta alcune verità inevitabili: per esempio, meglio sapere che giorno del mese sia per non farsi cogliere impreparati all'arrivo delle mestruazioni (a tal proposito, vedi come usare correttamente il calendario mestruale), così come è bene sapere che cos'è la sindrome da shock tossico se si usano gli assorbenti interni.

Tuttavia, esistono alcuni aspetti igienici che potrebbero essere trascurati o dati per scontati: tra le domande che (forse) non ci si sarebbe mai poste potrebbero essere correlate all'uso della carta igienica? Ad esempio: la carta igienica può provocare dei micro tagli sulla vulva o scatenare una reazione allergica? Sembra un dubbio estremizzato, ma, in breve, sì: la carta igienica può effettivamente danneggiare vulva (genitali esterni) e vagina (genitali interni) in più di un modo. Chiaramente, non è un evento che può capitare tutti i giorni, ma proprio come qualsiasi cosa che viene a contatto con le parti intime, c'è la possibilità che causi irritazione o infezione, semplicemente seguendo i passaggi routinari, ovvero asciugandosi dopo aver usato il bagno.

Prosegui con la lettura per sapere quali cose strane - ma assolutamente realistiche - può fare l'insospettabile carta igienica alla salute intima.

Glossario

Irritazioni alla vulva: potrebbe essere la carta igienica a causarle?

Se laggiù la carta igienica irrita, probabilmente se ne è già consapevoli, ma si potrebbe aver attribuito il dolore o l'infiammazione a qualcos'altro.

  • La prima cosa che si può fare per sentirsi meglio è, ovviamente, acquistare della carta igienica più morbida.
  • La seconda cosa da tentare, se la morbidezza non funziona, è acquistare della carta igienica più semplice, cioè senza additivi, fragranze o coloranti, che potrebbero facilitare irritazioni intime senza che si sappia.

Ecco un riepilogo di ciò che serve sapere sulla relazione inaspettata tra la carta igienica e le parti intime.

Cistite

Carta igienica: può causare un'infezione del tratto urinario

Dopo la minzione e/o le evacuazioni, asciugare la cute e le mucose sempre dalla parte anteriore a quella posteriore, in modo da mantenere i batteri nella parte posteriore dove dovrebbero rimanere (mai viceversa, cioè da dietro in avanti). Quando ci si pulisce al contrario, cioè tamponando la carta igienica dal perineo alla vulva, si rischia di trascinare batteri e particelle fecali verso l'uretra, dove i potenziali patogeni possono viaggiare fino alla vescica e causare un'infezione delle vie urinarie. Ricordiamo, infatti, che le donne sono più suscettibili, dal punto di vista epidemiologico, alla cistite: le ragioni sono soprattutto anatomiche; rispetto agli uomini, nel sesso femminile l'uretra è più breve e gli orifizi dell'ano e dell'uretra sono più vicini tra loro. Di conseguenza, gli agenti infettivi possono risalire con più facilità lungo fino alla vescica.

Per approfondire: Cistite Sintomi: quali sono e cosa fare per un sollievo immediato

Vulvovaginite

Carta igienica: può provocare o aggravare la vulvovaginite

La vulvovaginite è un'infiammazione che coinvolge la vagina e la vulva e comporta bruciore, prurito, eritema, edema e dolorabilità, spesso associati a perdite. Le cause che possono determinarne l'insorgenza sono diverse e comprendono infezioni da parte della flora microbica del tratto gastrointestinale, alterazioni ormonali ed altre situazioni che contribuiscono ad alterare l'ecosistema vaginale, rendendolo più vulnerabile. Altro fattore che favorisce frequentemente tale condizione, è la scarsa igiene perineale (es. abitudine errata di pulirsi dalla parte posteriore a quella anteriore dopo l'evacuazione; non lavarsi le mani dopo aver defecato; grattarsi in risposta al prurito ecc.).

Più semplicemente, la vulvovaginite può derivare da un'irritazione da contatto o per il contatto prolungato con un corpo estraneo, ed è qui che entra in gioco la carta igienica (o meglio nei residui che rimangono nell'area dopo l'uso dei servizi igienici). Se si pensa possa essere questa la causa, cioè ci si irrita quando ci si pulisce, considerare l'idea di passare ad una carta multistrato che non si disintegra in piccoli residui di carta attorno alla vulva, ma mantiene invece la sua forma e risulta performante nell'asciugare la zona senza conseguenza.

Reazione allergica

Carta igienica: può causare gonfiore o reazione allergica

La carta igienica può contenere additivi, coloranti, fragranze e altre sostanze chimiche, tutti potenziali irritanti per la pelle. Senza trascurare che, tecnicamente, si potrebbe essere allergici a determinate sostanze chimiche, come le fragranze, utilizzate nella carta igienica. Ciò può causare un caso di vulvite, una condizione che spesso si manifesta con prurito, bruciore, arrossamento o gonfiore della vulva.

Se la zona della vulva o dell'ano sta reagendo in questo modo anomalo dopo il passaggio della carta igienica e, di recente, si è passati ad una nuova tipologia di prodotto (soprattutto se profumato), vale la pena considerare di tornare o passare ad una variante ipoallergenica, senza additivi o fragranze aggiunte.

Candida

Carta igienica: può causare infezioni da lieviti

Altra questione da considerare è che la carta igienica con fragranze può alterare il normale pH vaginale. Se si soffre di ripetute infezioni da lieviti, come la Candida, e non si riesce a capire cosa si sta facendo di sbagliato, potrebbe essere il momento di prendere in considerazione il passaggio ad un tipo ipoallergenico di carta igienica. Meglio evitare, invece, la carta igienica profumata.

Microtagli

Carta igienica: può provocare tagli se strofinata vigorosamente

Potrebbe sorprendere, ma il tessuto attorno alla vulva è molto delicato e se si usa una carta igienica ruvida o ci si pulisce con una gestualità troppo brusca, è possibile provocarsi accidentalmente dei piccoli tagli. La carta igienica strofinata con vigore sui genitali potrebbe, infatti, provocare dei minuscoli e fastidiosi taglietti sulla vulva. Questi tagli di carta, anche se microscopici, potrebbero potenzialmente causare maggiore irritazione o gonfiore, motivo per cui idealmente si dovrebbe scegliere di tamponare, piuttosto che strofinare, dopo aver fatto pipì.

Riassumendo: le parti intime preferiscono una carta igienica morbida e delicata, ma resistente che non lasci residui; inoltre, sarebbe meglio optare per prodotti ipoallergenici, privi di sostanze chimiche come profumi o additivi. Se si nota che vagina e vulva presentano uno dei problemi sopra elencati e recentemente la marca di carta igienica abituale è stata sostituita, il primo passo è smettere di usare quella nuova. Se i disturbi persistono, potrebbe essere il momento di visitare il ginecologo che può prescrivere una terapia per alleviare i sintomi e verificare se il colpevole è qualcosa di più complesso della carta igienica.

Potrebbe interessare: Perché si dovrebbe fare Pipì dopo il Sesso?

Autore

Dott.ssa Giulia Bertelli

Dott.ssa Giulia Bertelli

Biotecnologa Medico-Farmaceutica
Laureata in Biotecnologie Medico-Farmaceutiche, ha prestato attività lavorativa in qualità di Addetto alla Ricerca e Sviluppo in aziende di Integratori Alimentari e Alimenti Dietetici