Artrite reumatoide: cos'è, cause e sintomi
Ultima modifica 28.11.2019
INDICE
  1. Generalità
  2. Cause e Fattori di Rischio
  3. Sintomi

Generalità

 

L'artrite reumatoide è una malattia infiammatoria cronica, sistemica potenzialmente invalidante, ad eziologia non chiaramente definita, ma verosimilmente di origine autoimmune.

La patologia colpisce prevalentemente le articolazioni in modo simmetrico, ma essendo sistemica può coinvolgere molti organi del corpo, per esempio cuore, polmone e reni.

Sintomi

I sintomi comunemente associati all'artrite reumatoide interessano le sedi articolari interessate da malattia e comprendono gonfiore, sensazione di calore, dolore, rigidità soprattutto mattutina e limitazione nei movimenti. Importanti anche le manifestazioni extra-articolari di cui parleremo nel prosieguo dell'articolo.

Epidemiologia

L'artrite reumatoide è da due a tre volte più frequente nelle donne rispetto agli uomini e, in generale, insorge a un'età compresa tra i 40 ed i 60 anni; può comunque iniziare in epoca più precoce o tardiva.

Colpisce circa l'1% della popolazione; è meno comune dell'artrosi, una malattia tipica dell'invecchiamento che determina la progressiva usura delle cartilagini articolari.

Trattamento

Molti sono oggi i farmaci che si possono utilizzare per curare l'artrite reumatoide. Attraverso un trattamento appropriato, mirato alla riduzione dell'infiammazione e conseguentemente del dolore, è comunque possibile convivere con la malattia e mantenere una buona qualità di vita.

Considerata la sua complessità, il trattamento dell'artrite reumatoide richiede la collaborazione di più figure professionali, tra le quali spicca quella del reumatologo, un medico specializzato nella cura delle persone affette da questa malattia.

Cause e Fattori di Rischio

Come anticipato, l'artrite reumatoide è una malattia multifattoriale, ciò significa che ha più di una causa.

La predisposizione genetica ed alcune infezioni virali sembrano giocare un ruolo importante nell'insorgenza e nel mantenimento della patologia.

Anche il fumo rappresenta una condizione predisponente.

L'artrite reumatoide si sviluppa perché, in un soggetto geneticamente predisposto, un evento scatenante ambientale attiva una risposta auto-immune; si assiste così a un'attivazione anomala del sistema immunitario, che colpisce le articolazioni causando infiammazione cronica e conseguente danno articolare.

Tra i possibili fattori ambientali scatenanti rientrano alcune infezioni virali (Human Herpes Virus 6 ed Epstein-Barr Virus), stress, fumo di tabacco e cattiva igiene orale (parodontiti con proliferazione di Porphyromonas gingivalis). Non è chiaro se bassi livelli di Vitamina D rappresentino un possibile fattore di rischio o una semplice conseguenza della malattia.

Approfondimenti

Sintomi

Per approfondire: Sintomi Artrite Reumatoide

I sintomi dell'artrite reumatoide sono vari e possono includere dolore, gonfiore e rigidità articolare: tali sintomi sono particolarmente presenti al mattino o comunque dopo un periodo di riposo; si segnala inoltre facile affaticabilità, astenia e malessere generale.

La diagnosi di artrite reumatoide può essere talvolta difficile, soprattutto nelle fasi iniziali, in quanto non esistono esami altamente specifici la cui presenza permette di riconoscere la malattia. Esistono criteri classificativi (ACR2010) che identificano alcuni sintomi ed esami bioumorali la cui presenza permette di individuare i pazienti affetti da tale patologia. 

Al suo esordio, l'artrite reumatoide tende a colpire prevalentemente le piccole articolazioni, come quelle di polsi, mani, piedi e caviglie, per poi estendersi con il passare del tempo a spalle, gomiti, ginocchia, anche e mandibola.

La malattia, essendo sistemica, può interessare regioni corporee esterne alle articolazioni e coinvolgere per esempio cute, polmoni, cuore, reni e occhi.

I segni ed i sintomi dell'artrite reumatoide possono variare per intensità e durata ed hanno generalmente un andamento ciclico recidivante. Periodi di esacerbazione si susseguono ad altri di relativa remissione, durante i quali gonfiore, dolore e disturbi vari tendono ad attenuarsi o a scomparire. Quando l'infiammazione è attiva insorgono solitamente sintomi simil-influenzali, accompagnati da senso di malessere generale, perdita di appetito e conseguente calo ponderale.

La sintomatologia riconducibile all'artrite reumatoide è piuttosto ampia e non mancano quadri atipici.

Altri articoli su Artrite Reumatoide

  1. Artrite reumatoide: diagnosi
  2. Artrite reumatoide: trattamento
  3. Artrite - Farmaci per la cura dell'Artrite Reumatoide
  4. Dieta e Artrite Reumatoide