Amebe: cosa sono e quali malattie provocano?

Amebe: cosa sono e quali malattie provocano?
Ultima modifica 07.03.2023
INDICE
  1. Cosa sono
  2. Caratteristiche
  3. Dove si trovano
  4. Malattie da Amebe

Cosa sono

Cosa sono le Amebe?

Le amebe sono organismi unicellulari che presentano forma varia e non stabile, grazie alla loro capacità di cambiare conformazione, principalmente estendendo e ritraendo gli pseudopodi (cioè "falsi piedi", estroflessioni temporanee utilizzate per il movimento ameboide e la fagocitosi).

Non a caso, il termine amoeba deriva dal greco antico ἀμοιβή che significa "cambio, trasformazione".

In alcuni casi, le amebe riescono a penetrare nel corpo umano e causare malattie.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/03/07/amebe-orig.jpeg Shutterstock

Caratteristiche

  • Le amebe sono organismi unicellulari che si muovono strisciando sul substrato, utilizzando pseudopodi, e si nutrono per fagocitosi o pinocitosi. Una delle caratteristiche più particolari è che l'ameba riesce a mutare continuamente forma a causa del loro citoplasma privo di scheletro.
  • Le amebe coprono una vasta gamma di dimensioni, che vanno da diversi a migliaia di micrometri; la loro dimensione determina principalmente la loro predazione che, in generale, comprende batteri, alghe, flagellati e ciliati.

Classificazione delle Amebe

La tassonomia delle amebe è piuttosto complessa. Un naturalista tedesco, August Johann Rösel von Rosenhof, registrò la prima ameba conosciuta nel 1755 come "der kleine Proteus" (cioè il piccolo Proteus, come il dio del mare mutaforma della mitologia greca), simile nell'aspetto a quella ora conosciuta come Amoeba proteus. La classificazione tradizionale collocava le amebe nel gruppo Sarcodina in base alla morfologia e le suddivideva ulteriormente in Rhizopodea e Actinopodea, a seconda del tipo di pseudopodi. Tale classificazione era ampiamente accettata e utilizzata perché conveniente e all'epoca non esisteva alcun sistema alternativo.

Tuttavia, studi filogenetici molecolari che utilizzano geni marcatori come l'RNA ribosomiale (rRNA 18S) hanno dimostrato che Sarcodina non è un gruppo monofiletico, quindi le amebe sono ampiamente distribuite nella filogenesi degli eucarioti e mostrano una grande diversità. Per semplificare, oggi le amebe vengono generalmente raggruppate nel clade degli amebozoi.

Struttura dell'Ameba

L'ameba ha fondamentalmente 3 componenti principali: il citoplasma, lo strato plasmatico e il nucleo. Il citoplasma può essere separato in 2 strati: l'ectoplasma esterno e l'endoplasma interno. Lo strato di plasma è uno strato estremamente fragile, a due strati, costituito da proteine ​​e lipidi.

La maggior parte delle amebe presenta i seguenti elementi:

  • Lo sviluppo e la locomozione avvengono utilizzando pseudopodi, dove il citoplasma spinge lo strato di plasma (membrana a doppio strato estremamente sottile, costituita da particelle proteiche e lipidiche) verso l'esterno o verso l'interno, formando proiezioni simili a dita. Le amebe non sono le uniche cellule che si muovono così: anche i globuli bianchi del nostro sistema immunitario lo fanno, per esempio.
  • Le amebe usano gli pseudopodi anche per catturare il cibo: si avvicinano ai rifiuti organici o ad un organismo con uno pseudopodo, quindi quest'ultimo racchiude questa particella e la consuma attraverso un processo chiamato fagocitosi.
  • L'ameba contiene anche altri organelli cellulari come un vacuolo contrattile, mitocondri, apparato di Golgi e globuli di grasso.
  • L'ameba si riproduce tramite fissione binaria (modalità di riproduzione asessuata).

La vita di un'ameba dura in media 2 giorni, ma poiché si divide per scissione binaria, le cellule figlie risultanti sono equivalenti alla sua cellula madre, quindi in effetti l'ameba può essere definita immortale.

In condizioni sfavorevoli, l'ameba può sostanzialmente trasformarsi in una sorta di "palla schermata", chiamata cisti microbica. In condizioni favorevoli, può nuovamente trasformarsi nel suo stadio di trofozoite e ricominciare a nutrirsi.

Dove si trovano

Amebe: dove si trovano?

Le amebe sono visibili ovunque e sono comuni nel suolo e nei corpi idrici come laghi e corsi d'acqua.

Questi organismi rappresentano, infatti, componenti essenziali degli ecosistemi acquatici e terrestri e svolgono un ruolo fondamentale nella dinamica delle comunità microbiche, nel ciclo dei nutrienti e nel flusso di energia. Le amebe sono anche una potenziale minaccia per la salute umana, in quanto alcuni di esse sono patogeni o addirittura letali per l'uomo.

Cosa sono le Amebe a vita libera?

Le amebe a vita libera sono organismi unicellulari che possono sopravvivere nell'ambiente senza alcun tipo di ospite.

Interazioni Batteri-Ameba

L'ameba può raccogliere e far crescere alcuni batteri, detti simbionti batterici: recentemente, le interazioni ameba-batterio hanno attirato un crescente interesse in una vasta gamma di discipline, tra cui biologia molecolare e cellulare, medicina, scienze ambientali, ecologia ed evoluzione.

Allo stesso modo, le amebe possono ospitare organismi microscopici che sono patogeni per le persone (es. Legionella) e può aiutare a diffondere tali microbi.

Malattie da Amebe

Amebe: quali malattie possono provocare?

Alcune amebe possono infettare altri organismi in modo patogeno, causando una serie di malattie umane:

  • Entamoeba histolytica è la causa dell'amebiasi o dissenteria amebica. E. histolytica può invadere la parete del colon e causare colite, in cui il rivestimento interno del colon s'infiamma, e il parassita può causare grave diarrea e dissenteria;
  • Naegleria fowleri, nota anche come ameba mangia cervello, è l'unica ameba che entra nel corpo umano attraverso il naso. Il tasso di mortalità di questa infezione è elevato, ovvero il 97%, in quanto danneggia direttamente il tessuto cerebrale;
  • Acanthamoeba può provocare cheratite amebica ed encefalite;
  • Balamuthia mandrillaris è, invece, la causa della meningoencefalite amebica granulomatosa (spesso fatale).

Le amebe possono anche ospitare batteri patogeni per l'uomo e aiutarli a diffondersi. I patogeni batterici, come la legionella, che può causare polmonite e malattie simil-influenzali, possono resistere alla digestione se consumati dalle amebe, secondo un rapporto del 2018 sulla rivista Front Cell Infection Microbiology. Invece, i batteri vengono rilasciati intatti dai vacuoli nel citoplasma di un'ameba, dove proliferano all'interno della cellula. In tali casi, i batteri possono diventare resistenti ai trattamenti progettati per controllarne il numero, compreso il trattamento con cloro dell'acqua.

Ameba: può essere pericolosa?

Le infezioni amebiche negli esseri umani sono rare, ma possono causare malattie neurologiche fatali. Purtroppo, le malattie causate dalle amebe sono difficili da trattare con i farmaci, perché sono molto più simili alle cellule umane nella struttura e nei meccanismi interni rispetto ai batteri.

In ogni caso, è bene ricordare che seppur possibili, la probabilità che un individuo subisca una tale infezione è molto bassa.

Per approfondire: Ameba Mangia Cervello (Naegleria fowleri): sintomi, come si contrae e dove si trova

Autore

Dott.ssa Giulia Bertelli

Dott.ssa Giulia Bertelli

Biotecnologa Medico-Farmaceutica
Laureata in Biotecnologie Medico-Farmaceutiche, ha prestato attività lavorativa in qualità di Addetto alla Ricerca e Sviluppo in aziende di Integratori Alimentari e Alimenti Dietetici