Vertebre Toraciche: Cosa Sono? Anatomia, Funzione e Patologie di Antonio Griguolo

Generalità

Le vertebre toraciche sono le 12 vertebre che compongono il segmento toracico della colonna vertebrale, interponendosi tra le 7 vertebre toraciche e le 5 vertebre lombari.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/11/26/vertebre-toraciche-orig.jpeg
(fonte: Shutterstock)

Le vertebre toraciche hanno il compito di proteggere il midollo spinale toracico e contribuire alla formazione della gabbia toracica, attraverso l'ancoraggio delle costole.
Identificate dalla lettera maiuscola T e un numero da 1 a 12 a seconda del posizionamento cranio-caudale, le vertebre toraciche sono vertebre le cui dimensioni sono superiori a quelle delle vertebre cervicali, ma inferiori a quelle delle vertebre lombari.
Le vertebre toraciche possono essere protagoniste di un condizione medica denominata ipercifosi o cifosi patologica.

Cosa sono le Vertebre Toraciche?

Le vertebre toraciche sono le 12 vertebre che seguono le 7 vertebre toraciche e precedono le 5 vertebre lombari.
Le vertebre toraciche sono gli elementi costituenti il cosiddetto tratto (o segmento) toracico della colonna vertebrale.
Le vertebre toraciche sono identificate con la lettera maiuscola T (che sta per "toracica"), più un numero compreso tra 1 e 12, che ne indica il posizionamento cranio-caudale lungo la colonna vertebrale (chiaramente, il numero 1 identifica la prima vertebra toracica, il numero 2 la seconda vertebra toracica ecc.).

Per capire: ripasso della Colonna Vertebrale e delle Vertebre

  • La colonna vertebrale, o rachide, è la struttura ossea che:
    • Percorre verticalmente il centro della schiena;
    • Costituisce l'asse portante del corpo umano;
    • Ospita a protegge il midollo spinale (il quale, con l'encefalo, compone il sistema nervoso centrale).
  • Partendo dall'apice, la colonna vertebrale è suddivisibile in 5 segmenti (o tratti): il segmento cervicale, il s. toracico, il s. lombare, il s. sacrale e il s. coccigeo;
  • La colonna vertebrale è composta da 33-34 ossa irregolari sovrapposte, chiamate vertebre, le quali sono separate tra di loro da una sottile struttura di fibrocartilagine denominata disco intervertebrale;
  • Delle 33-34 vertebre costituenti il rachide, 7 appartengono al tratto cervicale, 12 al tratto toracico, 5 al tratto lombare, 5 al tratto sacrale e 4/5 al tratto coccigeo;
  • Sebbene la loro anatomia specifica vari in relazione al tratto di colonna vertebrale considerato, tutte le vertebre presentano:
    • Un elemento di forma cuboide in posizione ventrale, chiamato corpo vertebrale;
    • Una formazione arcuata in posizione dorsale, denominato arco vertebrale;
    • Un foro compreso tra l'arco e il corpo, il cui nome è foro vertebrale;
    • Una prominenza al centro del bordo esterno dell'arco, chiamata processo spinoso;
    • Una prominenza per ogni lato esterno dell'arco vertebrale, denominata processo trasverso.
https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/11/26/vertebre-lombari-ripasso-della-colonna-vertebrale-orig.jpeg
(fonte: Shutterstock)

Anatomia

Le vertebre toraciche sono vertebre la cui dimensione è una via di mezzo tra quella delle vertebre cervicali e quella delle vertebre lombari; se le si osserva accuratamente, è possibile notare che sono gradatamente più grandi mano a mano che si avvicinano al tratto lombare della colonna vertebrale (in altri termini, a partire dall'alto, divengono progressivamente più grandi).
Le vertebre toraciche prendono parte alla costituzione della gabbia toracica, assieme alle 12 paia di costole – le quali emergono ai lati delle stesse vertebre toraciche – e allo sterno.

Qual è la funzione della gabbia toracica?

Costituita dalle 12 vertebre toraciche, lo sterno e le 12 paia costole (o coste), la gabbia toracica è la struttura scheletrica della parte alta del tronco, che ha il compito di:

  • Racchiudere e proteggere organi vitali, quali cuore, polmoni, esofago e midollo spinale;
  • Racchiudere e proteggere importanti vasi sanguigni, come l'aorta, le prime diramazioni dell'aorta, la vena cava superiore e la vena cava inferiore;
  • Sostenere il peso del corpo, soprattutto attraverso la componente vertebrale;
  • Consentire, attraverso il movimento delle costole, l'espansione dei polmoni durante il processo di respirazione.

Le vertebre toraciche appartengono alla particolare categoria di vertebre, che, oltre ai classici processi trasversi e spinoso, presenta anche i due processi articolari superiori e i due processi articolari inferiori.
Le vertebre toraciche differiscono tra loro non soltanto a livello dimensionale: come si vedrà più avanti, le vertebre toraciche T1, T9, T10, T11 e T12 ( le cosiddette vertebre toraciche atipiche) presentano un corpo vertebrale differente dalle vertebre toraciche della sezione T2-T8 (cioè le vertebre toraciche da T2 a T8).
Le vertebre toraciche costituiscono il segmento di colonna vertebrale deputato a proteggere la porzione toracica del midollo spinale, sezione dalla quale emergono le 12 paia di nervi spinali toracici.

Localizzazione delle Vertebre Toraciche

  • Il tratto di colonna vertebrale che comprende le vertebre toraciche inizia più o all'altezza delle spalle (base posteriore del collo) e termina poco più in basso del diaframma.

Caratteristiche delle componenti delle Vertebre Toraciche

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/11/26/vertebre-toraciche-gabbia-toracica-orig.jpeg
(fonte: Shutterstock)

CORPO VERTEBRALE

Il corpo vertebrale, o semplicemente corpo, delle vertebre toraciche è una formazione ossea che, se osservata dall'alto, ha l'aspetto di un cuore.
Piatto sia sopra che sotto, il corpo vertebrale delle vertebre toraciche è convesso anteriormente e concavo posteriormente.
Analizzando il segmento toracico della colonna vertebrale in direzione cranio-caudale (cioè dall'alto verso il basso), è possibile notare che il diametro dei corpi vertebrali delle vertebre toraciche aumenta progressivamente, arrivando alla sua dimensione maggiore a livello della vertebra toracica T12.
In modo del tutto unico rispetto ai corpi vertebrali delle altre vertebre, ai lati del corpo vertebrale delle vertebre toraciche trovano spazio delle depressioni circolari (faccette) o semi-circolari (semi-faccette), tappezzate di cartilagine, il cui destino è quello di ancorare la testa delle costole (cioè la porzione iniziale delle costole). In particolare:

  • Dalla vertebra toracica T2 alla vertebra toracica T8, il corpo vertebrale ospita, al confine superiore e al confine inferiore di entrambi i suoi lati, due depressioni semi-circolari (semi-faccette superiori e inferiori), le quali completano l'aspetto circonferenziale con delle depressioni semicircolari analoghe presenti sul corpo dell'elemento vertebrale soprastante e sul corpo dell'elemento vertebrale sottostante.
    Da questa particolare disposizione delle semi-faccette risulta che, per le vertebre toraciche da T2 a T8, la sede di ancoraggio per la testa delle costole, nello specifico delle costole dalla II alle IX, è compresa fra due corpi vertebrali adiacenti (cioè coinvolge due corpi vertebrali sovrapposti).
    È importante segnalare che una siffatta architettura coinvolge anche i corpi vertebrali delle vertebre toraciche T1 e T9, in quanto confinanti rispettivamente con T2 e T8 (questo spiega il coinvolgimento delle costole II e IX);
https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/11/26/vertebre-toraciche-t2-t8-orig.jpeg
(fonte: Shutterstock)
  • Nella vertebra toracica T1, il corpo vertebrale presenta, su entrambi i lati, una depressione circolare in posizione centrale (faccetta) e una depressione semi-circolare al confine inferiore (semi-faccetta inferiore), la quale completa il proprio aspetto circonferenziale con la depressione semi-circolare situata al confine superiore (semi-faccetta superiore) del corpo vertebrale della vertebre toracica T2.
    La depressione circolare in posizione centrale fissa la testa della I costola (quindi, il rapporto vertebra-costola, in questo frangente, non è condiviso con altri elementi vertebrali), mentre la depressione semi-circolare al confine inferiore fissa, con l'aiuto della depressione semi-circolare superiore presente sulla vertebra toracica T2, la testa della II costola (in questo caso si ripete quanto affermato per le vertebre toraciche da T2 a T8);
  • Nella vertebra toracica T9, il corpo vertebrale presenta, lateralmente, soltanto una semi-faccetta, quella superiore, il cui destino è collaborare con la semi-faccetta inferiore del corpo vertebrale della vertebra toracica T8 al fissaggio della testa della IX costola;
  • Nelle vertebre toraciche T10, T11 e T12, il corpo vertebrale è dotato, sui entrambi i lati, più o meno in posizione centrale, di un'unica faccetta circolare.
    Tale architettura comporta che, per le vertebre toraciche T10, T11 e T12, il fissaggio della testa delle costole avvenga totalmente in corrispondenza dei corpi vertebrali (e non tra i corpi delle vertebre adiacenti); nello specifico, T10 ospita la testa della X costola, T11 la testa della XI costola e T12 la testa della XII costola.
https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/11/26/vertebre-toraciche-vertebra-t12-orig.jpeg
(fonte: Shutterstock)

Semplificando…

  • I corpi vertebrali delle vertebre toraciche fissano, in corrispondenza di apposite depressioni ricoperte di cartilagine, la testa delle 12 paia costole;
  • Per alcune specifiche costole, il fissaggio alle vertebre toraciche avviene interamente su un corpo vertebrale; per le costole rimanenti, invece, ha luogo su i corpi vertebrali di due vertebre toraciche adiacenti;
  • A determinare la sede di fissaggio è, di fatto, la particolare disposizione, sui corpi delle vertebre toraciche, delle depressioni ricoperte di cartilagine: laddove la depressione appartiene a un unico corpo vertebrale, il fissaggio costale avviene interamente su quest'ultimo; laddove invece la depressione è in condivisione con due corpi vertebrali, il fissaggio costale avviene su due corpi vertebrali;
  • Il corpo vertebrale di T1 fissa la testa della I costola e parte della testa della II costola;
  • I corpi vertebrali da T2 a T9 fissano la testa delle costole dalla II alla IX;
  • I corpi vertebrali di T10, T11 e T12 fissano, rispettivamente, la testa della X costola, la testa della XI costola e la testa della XII costola.

ARCO VERTEBRALE

Di norma, l'arco vertebrale di una generica vertebra è costituito da:

  • I due peduncoli, che costituiscono il punto di raccordo tra l'arco e il corpo vertebrale,
  • I due fori intervertebrali, che sono i canali adibiti al passaggio dei nervi spinali in uscita dal midollo spinale, e   
  • La lamina, che è il segmento osseo ricurvo che decorre da peduncolo a peduncolo e da cui traggono origine, appena dopo i sopraccitati peduncoli, i processi trasversi, e, a metà strada, il processo spinoso.

Nell'arco vertebrale delle vertebre lombari, i due peduncoli sono orientanti leggermente verso l'alto e dotati di una larga superficie inferiore; la lamina è spessa e imbricata con la lamina dell'elemento vertebrale sottostante (con un esempio, "imbricata" significa che è disposta come le tegole dei tetti); infine, i fori intervertebrali sono piccoli e circolari.
A ciò è doveroso aggiungere che l'arco vertebrale delle vertebre lombari ospita anche i due cosiddetti processi articolari superiori e i due cosiddetti processi articolari inferiori: queste 4 proiezioni ossee emergono dalla lamina, all'incirca dove nascono i processi trasversi.

Cos'è il foro intervertebrale? Qualche dettaglio in più

Il foro intervertebrale è un'apertura laterale pari della colonna vertebrale, che origina dalla sovrapposizione di due vertebre.
Attraverso i fori intervertebrali passa il primissimo segmento (la cosiddetta radice) dei nervi spinali.

PROCESSO SPINOSO

Con origine dalla lamina dell'arco vertebrale, il processo spinoso delle vertebre toraciche è una proiezione ossea lunga e diretta, con un andamento obliquo, verso il basso. È da segnalare che i processi spinosi delle vertebre toraciche T5, T6, T7 e T8 sono imbricati, cioè disposti come le tegole dei tetti.
Il processo spinoso delle vertebre toraciche serve, come in tutte le vertebre, all'ancoraggio di muscoli e/o legamenti della schiena.

PROCESSI TRASVERSI

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/12/01/vertebre-toraciche-processi-orig.jpeg
(fonte: Shutterstock)

Situati posteriormente ai processi articolari superiori, i processi trasversi delle vertebre toraciche sono formazioni spesse, lunghe e molto resistenti, orientate  all'indietro e leggermente in obliquo verso l'esterno.
Diversamente dai processi trasversi delle altre vertebre, i processi trasversi delle vertebre toraciche presentano, alle estremità, delle zone concave tappezzate di cartilagine, il cui compito è ancorare il cosiddetto tubercolo delle costole.

Cos'è il tubercolo delle costole?

Il tubercolo delle costole è un processo osseo dall'aspetto tozzo, presente in tutte le costole, eccetto l'XI e la XII costola, che prende vita subito poco dopo il tratto denominato testa.

PROCESSI ARTICOLARI SUPERIORI

I processi articolari superiori delle vertebre toraciche sono due formazioni ossee alquanto definite, che si proiettano verso l'alto rispetto ai peduncoli, da cui traggono origine;
All'estremità libera, i due processi articolari superiori delle vertebre toraciche sono forniti di una regione liscia, ricoperta di cartilagine ialina, che serve all'ancoraggio di una vertebra toracica all'elemento vertebrale immediatamente superiore.

PROCESSI ARTICOLARI INFERIORI

I processi articolari inferiori delle vertebre toraciche sono due escrescenze ossee meno definite dei processi articolari superiori, che si sviluppano verso il basso rispetto alla lamina, da cui emergono.
All'estremità libera, i due processi articolari inferiori delle vertebre toraciche sono dotati di una regione liscia, il cui destino è fissare una vertebra toracica all'elemento vertebrale immediatamente inferiore.

FORO VERTEBRALE

Le vertebre toraciche formano un foro vertebrale dal diametro inferiori rispetto alle vertebre lombari e cervicali.
Nel foro vertebrale costituito dalle vertebre toraciche trova spazio la sezione toracica del midollo spinale.

  • Nella vertebra toracica T9, il corpo vertebrale presenta, lateralmente, soltanto una semi-faccetta, quella superiore, il cui destino è collaborare con la semi-faccetta inferiore del corpo vertebrale della vertebra toracica T8 al fissaggio della testa della IX costola;
  • Nelle vertebre toraciche T10, T11 e T12, il corpo vertebrale è dotato, sui entrambi i lati, più o meno in posizione centrale, di un'unica faccetta circolare.
    Tale architettura comporta che, per le vertebre toraciche T10, T11 e T12, il fissaggio della testa delle costole avvenga totalmente in corrispondenza dei corpi vertebrali (e non tra i corpi delle vertebre adiacenti); nello specifico, T10 ospita la testa della X costola, T11 la testa della XI costola e T12 la testa della XII costola.

Funzione

Le vertebre toraciche ricoprono due funzioni:

  • Contribuiscono all'azione di sostegno svolta dalla colonna vertebrale nei confronti del peso del corpo;
  • Proteggono la porzione toracica del midollo spinale.

Lo sapevi che…

Le vertebre che contribuiscono maggiormente a supportare il peso del corpo sono le vertebre lombari. Questo spiega per quale motivo queste vertebre sono le più voluminose di tutte.

Patologie

Le vertebre toraciche possono essere protagoniste di una condizione medica conosciuta propriamente come ipercifosi o cifosi patologica.

In anatomia, il termine "cifosi" identifica la curva fisiologica formata dalle vertebre toraciche, lungo il tratto toracico della colonna vertebrale.

Cos'è l'Ipercifosi  e cosa la causa?

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/12/01/vertebre-toraciche-patologie-orig.jpeg
ipercifosi (fonte: Shutterstock)

L'ipercifosi è l'accentuazione eccessiva della curvatura normalmente presente lungo il tratto di colonna vertebrale comprensivo delle vertebre toraciche.
Chiamata erroneamente cifosi (la cifosi è una curvatura naturale), l'ipercifosi fa apparire anormalmente curva la schiena di una persona della colonna vertebrale.
L'ipercifosi riconosce varie cause; può essere dovuta, infatti, all'invecchiamento, all'osteoporosi, a una cattiva postura, a una qualche malattia che altera la morfologia dei corpi vertebrali delle vertebre toraciche oppure a una qualche anomalia congenita a carico della colonna vertebrale.

Antonio Griguolo

L'autore

Antonio Griguolo

Laureato in Scienze Biomolecolari e Cellulari, ha conseguito un Master specialistico in Giornalismo e Comunicazione istituzionale della scienza