Dolore al Ginocchio Esterno: Cos'è, Cause, Sintomi associati e Cura di A.Griguolo

Generalità

Il dolore al ginocchio esterno è un sintomo molto comune, che può dipendere da varie condizioni.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/04/13/dolore-al-ginocchio-esterno-orig.jpeg
(fonte: Shutterstock)

Tra le cause di dolore al ginocchio esterno, infatti, figurano: l'artrosi al ginocchio, gli infortuni al legamento collaterale laterale, gli infortuni al menisco laterale, l'artrite reumatoide, la sindrome della bandelletta ileo-tibiale e le contusioni al ginocchio mediale.

Il Ginocchio: un breve richiamo di Anatomia

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/05/27/artrosi-al-ginocchio-anatomia-del-ginocchio-orig.jpeg
(fonte: Shutterstock)

Il ginocchio è l'importante articolazione sinoviale del corpo umano, posta tra femore (superiormente), tibia (inferiormente) e rotula (anteriormente).
La sua anatomia è alquanto complessa e comprende:

  • La cartilagine articolare, che ricopre la superficie inferiore del femore, il lato interno della rotula e il centro della superficie superiore della tibia, proteggendo tutte queste ossa dallo sfregamento reciproco;
  • La membrana sinoviale, che tappezza l'articolazione dall'interno e produce il liquido sinoviale, un fluido con un'azione lubrificante per tutte le strutture interne del ginocchio;
  • I legamenti collaterali, i legamenti crociati e il tendine rotuleo, i quali, tutti assieme, garantiscono la stabilità dell'articolazione e il giusto allineamento tra femore e tibia;
  • Le borse sinoviali, che sono piccole sacche di membrana sinoviale, ripiene di un liquido lubrificante molto simile al liquido sinoviale;
  • Il menisco interno (o menisco mediale) e il menisco esterno (o menisco laterale), che sono dei cuscinetti di cartilagine con funzione ammortizzante e anti-sfregamento, situati ai lati della superficie superiore della tibia.

Grazie alla sua posizione strategica e alla sua particolare anatomia, il ginocchio gioca un ruolo fondamentale nel sostenere il peso del corpo e nel permettere i movimenti di estensione e flessione della gamba, durante una camminata, una corsa, un salto ecc.

Cos'è il Dolore al Ginocchio Esterno?

"Dolore al ginocchio esterno" è l'espressione che indica la sensazione dolorosa avvertita sul lato esterno del ginocchio o, se si preferisce, sulla porzione di ginocchio che guarda verso l'esterno.

Nel linguaggio anatomico, il lato esterno del ginocchio corrisponde al fronte laterale del ginocchio, dove il termine "laterale" sta a indicare lontananza dal piano sagittale.
Alla luce di ciò, la definizione più corretta di dolore al ginocchio esterno è dolore al ginocchio laterale o dolore al ginocchio in sede laterale.

A ogni modo, seppur gergale, l'espressione "dolore al ginocchio esterno" è quella che meglio descrive la dolenzia a cui si riferisce e che è più facilmente interpretabile da parte del comune lettore.

Il piano sagittale è l'asse antero-posteriore che separa simmetricamente il corpo umano  in due parti, dando luogo a una metà destra e una metà sinistra.

Epidemiologia. Chi soffre maggiormente di Dolore al Ginocchio Esterno?

Il dolore al ginocchio esterno è un sintomo comune, che può riguardare persone di ogni età, ma interessa soprattutto:

  • Coloro che praticano sport in cui sono previsti cambi di direzione durante la corsa, salti, balzi ecc. (quindi calcio, rugby, basket ecc.);
  • Gli anziani.

Cause

Il dolore al ginocchio esterno è un sintomo che, negli adulti e negli anziani, ha come cause più comuni:

  • L'artrosi al ginocchio;
  • Gli infortuni al legamento collaterale laterale;
  • Gli infortuni al menisco laterale;
  • L'artrite reumatoide;
  • La sindrome della bandelletta ileo-tibiale;
  • Le contusioni al ginocchio mediale senza danni per le componenti articolari.

Artrosi al Ginocchio

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/05/27/artrosi-al-ginocchio-orig.jpeg
(fonte: Shutterstock)

Conosciuta anche come gonartrosi, l'artrosi al ginocchio è l'infiammazione cronica del ginocchio, che risulta dalla degenerazione della cartilagine articolare presente sul femore e/o sulla tibia.
L'artrosi al ginocchio è, purtroppo, una condizione irreversibile e progressiva; produce, infatti, lesioni alle cartilagini articolari del ginocchio impossibili da recuperare e con la tendenza a peggiorare con il tempo.
A favorire la comparsa dell'artrosi al ginocchio sono vari fattori, tra cui: la predisposizione familiare alla problema suddetta, l'età avanzata, l'obesità e una storia passata di infortuni al ginocchio (in particolare ai menischi e al legamento crociato anteriore).

L'artrosi al ginocchio è causa di dolore al ginocchio esterno quando la sua azione degenerativa incide soprattutto sulla porzione laterale della cartilagine articolare del ginocchio.

Infortuni al Legamento Collaterale Laterale

Il legamento collaterale laterale, o legamento collaterale esterno, è il legamento del ginocchio situato sul versante esterno dell'articolazione, con origine sul cosiddetto epicondilo laterale del femore e con termine sul cosiddetta testa del perone.

Gli infortuni al legamento collaterale laterale consistono in stiramenti o, nella peggiore delle ipotesi, lacerazioni del tessuto connettivo-fibroso costituente il legamento in questione.
Di norma, gli stiramenti e le lacerazioni del legamento collaterale laterale sono l'esito di una distorsione a carico del ginocchio, successiva a un trauma brusco e improvviso (brutta caduta, torsione anomala ecc.).

Il dolore al ginocchio esterno dovuto a un infortunio del legamento collaterale laterale localizza nel segmento anatomico in cui transita il suddetto legamento.

In medicina, il termine "distorsione" indica un infortunio a carico dell'apparato locomotore, che si caratterizza per un'alterazione temporanea dei rapporti anatomici interni a un'articolazione e per i conseguenti danni, più o meno profondi, a una o più componenti articolari.

Infortuni al Menisco Laterale

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/04/13/menisco-laterale-orig.jpeg
(fonte: Shutterstock)

Il menisco laterale, o menisco esterno, è lo strato di cartilagine fibrosa, dalla forma circolare, che prende posto sulla porzione laterale della superficie superiore della tibia e che serve, principalmente, ad assorbire gli urti a carico dell'articolazione.

Gli infortuni al menisco laterale consistono in lesioni, lacerazioni e spaccature dello strato di cartilagine fibrosa.
Nella maggior parte dei casi, gli infortuni al menisco laterale sono il risultato di una distorsione a carico del ginocchio, successiva a un evento traumatico brusco e improvviso; più raramente, derivano da ripetute sollecitazioni improprie dell'articolazione, che, alla lunga, sono dannose per il menisco laterale.

Il dolore al ginocchio esterno dovuto a un infortunio del menisco laterale ha sede poco sotto ed esternamente alla rotula.

Artrite Reumatoide

L'artrite reumatoide è una malattia infiammatoria cronica delle articolazioni sinoviali, che ha come bersaglio principale la membrana sinoviale e che, col tempo, determina l'alterazione della capsula articolare, dei legamenti e della cartilagine articolare.
L'artrite reumatoide è una condizione medica che trae origine da un malfunzionamento del sistema immunitario; ciò è alla base del motivo della sua inclusione nell'elenco delle malattie autoimmuni.
L'esatta causa dell'artrite reumatoide è incerta; è un dato di fatto, però, che alla comparsa della malattia in questione contribuiscano fattori come: l'appartenenza al sesso femminile, l'età superiore ai 40 anni, il fumo di sigaretta e l'essere entrati a contatto con alcuni patogeni come l'herpes virus o il virus di Epstein Barr.

Sindrome della Bandelletta Ileo-Tibiale

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/04/14/dolore-al-ginocchio-esterno-sindrome-ilio-tibiale-orig.jpeg
(fonte: Shutterstock)

Conosciuta anche come "ginocchio del corridore", la sindrome della bandelletta ileo-tibiale è la condizione che scaturisce dall'infiammazione della banda di tessuto fibroso situata lungo l'esterno coscia e che decorre, sostanzialmente, dall'anca (cresta iliaca) fino alla porzione appena inferiore al ginocchio (condilo laterale della tibia).
La sindrome della bandelletta ileo-tibiale è una patologia da sovraccarico funzionale, cioè è frutto della continua ripetizione di un movimento che sollecita in modo improprio la banda di tessuto fibroso sopra descritta (che è poi la bandelletta ileo-tibiale).

Contusioni al Ginocchio in sede Laterale

Le contusioni al ginocchio in sede laterale sono infortuni della porzione esterna del ginocchio che non compromettono l'integrità delle strutture articolari, ma che sono comunque responsabili di dolore.
In genere, all'origine delle contusioni al ginocchio esterno ci sono cadute o colpi involontari che interessano direttamente il lato esterno dell'articolazione.

Il dolore al ginocchio esterno successivo a contusione rappresenta, nella maggior parte dei casi, una condizione di lieve rilevanza clinica.

Sintomi e Complicazioni

Il dolore al ginocchio esterno si presenta quasi sempre in associazione ad altri sintomi; la sintomatologia associata al dolore al ginocchio esterno dipende dalla causa scatenante e può comprendere, a seconda dei casi, manifestazioni come:

  • Rigidità articolare;
  • Riduzione della mobilità del ginocchio;
  • Gonfiore al ginocchio (ginocchio gonfio);
  • Instabilità del ginocchio (ginocchio instabile);
  • Emissione dal ginocchio, a ogni suo movimento, di scricchiolii o crepitii;:
  • Arrossamento e senso di calore a livello del ginocchio;
  • Formazione di osteofiti all'interno dell'articolazione;
  • Atrofia dei muscoli della coscia.

Complicazioni

Se la causa è una condizione clinicamente rilevante come l'artrosi al ginocchio o se il trattamento della causa scatenante è inappropriato, il dolore al ginocchio esterno può divenire un sintomo cronico, che affligge il paziente perfino durante lo svolgimento delle più banali attività quotidiane (es: salire le scale o entrare o uscire dall'automobile).

Quando rivolgersi al medico?

Il dolore al ginocchio esterno è un sintomo che deve preoccupare e indurre la persona interessata a consultare un medico, quando:

A Chi rivolgersi in caso di Dolore al Ginocchio Esterno?

Il dolore al ginocchio esterno e le sue cause sono materia per il medico ortopedico, ossia il medico specializzato nella diagnosi, nel trattamento e nella prevenzione delle patologie che possono colpire l'apparato muscolo-scheletrico.

Diagnosi

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/04/14/dolore-al-ginocchio-esterno-diagnosi-orig.jpeg
(fonte: Shutterstock)

Quando si parla di diagnosi di dolore al ginocchio esterno, l'oggetto di discussione è chiaramente l'individuazione della causa scatenante, ossia l'origine della sensazione dolorosa.
Fatta eccezione per i casi clinicamente meno gravi (per i quali non sempre serve rivolgersi a un medico ortopedico), le ricerche volte a stabilire le ragioni di un preoccupante dolore al ginocchio esterno iniziano con un'inchiesta relativa ai sintomi associati e con un accurato esame obiettivo, durante il quale il medico diagnosta effettua specifiche manovre manuali (es: test del cassetto anteriore, test di Apley ecc.); le indagini, quindi, proseguono con un'approfondita anamnesi e terminano, nella maggior parte dei casi, con la diagnostica per immagini, per la precisione con una risonanza magnetica al ginocchio.

Terapia

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/04/14/dolore-ginocchio-esterno-terapia-conservativa-orig.jpeg
(fonte: Shutterstock)

Molti episodi di dolore al ginocchio esterno traggono beneficio da una terapia conservativa realizzabile tranquillamente in ambito domestico, basata su:

  • Riposo da tutte quelle attività che favoriscono la sensazione dolorosa (riposo funzionale).
    In genere, le attività dannose per chi soffre di dolore al ginocchio esterna sono la camminata per lunghi tratti, la corsa, i salti ecc.;
  • Applicazione di ghiaccio sulla parte esterna del ginocchio.
    Il ghiaccio ha un potere antidolorifico e antinfiammatorio, che molte persone sottovalutano.
    Di norma, in presenza di dolore al ginocchio esterno, i medici consigliano di applicare il ghiaccio 4-5 volte al giorno, per almeno 15-20 minuti a impacco;
  • Assunzione di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS).
    Grazie al loro potere antinfiammatorio, i FANS alleviano la sensazione dolorosa;
  • Applicazione, attorno al ginocchio, di una fascia elastica compressiva.
    L'utilizzo di una fascia elastica compressiva serve a mitigare un eventuale gonfiore e un'eventuale senso di instabilità a livello del ginocchio;
  • Elevazione dell'arto inferiore.
    Mantenere elevato l'arto inferiore riduce l'afflusso di sangue al ginocchio; un minor afflusso di sangue a un ginocchio sofferente allevia il dolore e favorisce la risoluzione di un'eventuale gonfiore.

Cosa fare se la Terapia Conservativa fallisce?

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/04/14/dolore-al-ginocchio-esterno-terapia-con-acido-ialuronico-orig.jpeg
(fonte: Shutterstock)

Se il dolore al ginocchio esterno persiste a dispetto della suddetta terapia conservativa, il medico indicherà cure, lievemente o significativamente (dipende dalla circostanza), più invasive, tra cui:

  • L'iniezione localizzata di corticosteroidi.
    I corticosteroidi sono farmaci antinfiammatori molto efficaci, che però pagano il loro potere terapeutico con diverse effetti collaterali, alcuni dei quali anche molto spiacevoli.
    In presenza di un dolore al ginocchio interno, i corticosteroidi trovano impiego quando i tradizionali metodi antinfiammatori e analgesici (ghiaccio e FANS) sono risultati inefficaci;
  • L'uso di un tutore per il ginocchio.
    Il tutore serve a dare stabilità all'articolazione.
    Il suo utilizzo si rende necessario, quando, a dispetto del riposo e della compressione dell'articolazione, l'instabilità e il gonfiore a carico del ginocchio persistono;
  • La fisioterapia.
    Fondamentale per quando il dolore al ginocchio esterno e i sintomi associati non risentono del riposo, la fisioterapia comprende esercizi propriocettivi ed esercizi di rinforzo e stretching per tutti i muscoli dell'arto inferiore sofferente; in particolare, è da segnalare l'importanza del rafforzamento dei muscoli del compartimento anteriore della coscia (quadricipite femorale).
  • L'infiltrazione di acido ialuronico.
    L'acido ialuronico è un fluido denso, sovrapponibile, anche in termini di composizione, al liquido sinoviale, ossia il liquido che serve a lubrificare le articolazioni come il ginocchio, l'anca ecc. e a proteggerne le cartilagini.
    Da quanto emerge da numerosi studi scientifici, le infiltrazioni di acido ialuronico in un ginocchio dolente avrebbero un effetto antidolorifico, favorirebbero la formazione di condrociti (le cellule della cartilagine articolare) e migliorerebbero la mobilità articolare.
    È da segnalare che, generalmente, l'effetto di una singola infiltrazione di acido ialuronico dura all'incirca 6 mesi.
  • Il trapianto di cellule mesenchimali staminali.
    Isolate dal grasso corporeo appartenente allo stesso paziente (da qui, l'uso del termine "trapianto), le cellule mesenchimali staminali hanno dimostrato di avere proprietà rigenerative nei confronti della cartilagine articolare usurata.
    Il trapianto di cellule mesenchimali staminali è una tecnica innovativa di medicina rigenerativa, che al momento sembra garantire risultati confortanti.
  • Il drenaggio del liquido in eccesso (artrocentesi terapeutica).
    Consiste nell'introdurre un ago apposito all'interno del ginocchio sofferente (per la precisione dove localizza il gonfiore) e aspirare.
    Spesso, all'aspirazione, il medico curante accompagna l'iniezione un farmaco antinfiammatorio appartenente alla categoria dei corticosteroidi e/o l'iniezione di un acido ialuronico.
  • L'intervento chirurgico.
    È la soluzione più invasiva in assoluto, anche se – è importante segnalarlo – oggi le tecniche operative sono molto meno cruente rispetto al passato.
    La chirurgia diviene l'unica strada percorribile, quando sono risultate inefficaci non solo le cure conservative, ma anche quelle appena menzionate (corticosteroidi, tutore per il ginocchio ecc.).

Come la Causa di Dolore al Ginocchio Esterno influisce sulla Terapia

Nella gestione terapeutica del dolore al ginocchio esterno, la causa della dolenza è importante, perché:

  • Incide sulla durata della terapia conservativa.
  • Incide sulla probabilità di successo della terapia conservativa.
  • È l'elemento su cui si basa la pianificazione di un'eventuale fisioterapia.

In modo simile al caso precedente, è l'elemento su cui si basa la pianificazione di un'eventuale intervento chirurgico.

Prognosi

La prognosi in presenza di un dolore al ginocchio esterno dipende dalla causa della dolenzia; infatti, se la causa è clinicamente poco rilevante (es: contusione), il dolore al ginocchio esterna si risolve in tempi rapidi; viceversa, se la causa è clinicamente importante (es: rottura del menisco laterale), il dolore al ginocchio esterno potrebbe scomparire solo dopo diverse settimane di cure o, addirittura, in presenza di una condizione incurabile come l'artrosi al ginocchio, non scomparire mai del tutto.

Importanza di un trattamento precoce

Di norma, quando la terapia è tempestiva, la gestione terapeutica del dolore al ginocchio esterno ha maggiori probabilità di successo, rispetto a quando c'è un ritardo nelle cure.

Antonio Griguolo

L'autore

Antonio Griguolo

Laureato in Scienze Biomolecolari e Cellulari, ha conseguito un Master specialistico in Giornalismo e Comunicazione istituzionale della scienza