Glucosammina: Cos'è? Funzioni e Integratori

Glucosammina: Cos'è? Funzioni e Integratori
Ultima modifica 02.10.2019
INDICE
  1. Generalità
  2. A Cosa Serve
  3. Integratori
  4. Efficacia
  5. Rischi e Controindicazioni

Generalità

Che cos'è la Glucosammina?

La glucosammina (o glucosamina) è un ammino-monosaccaride naturalmente presente nell'organismo umano. Essa è un elemento costituzionale di preziose molecole facenti parte della matrice extracellulare.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/10/02/integratori---glucosammina-orig.jpeg Shutterstock
Glucosammina - Struttura Chimica

Dal punto di vista chimico, la glucosammina è un prodotto che può derivare dal glucosio per sostituzione del gruppo ossidrilico (-OH) in posizione 2 con un gruppo amminico (-NH₂). Sempre in ambito chimico, generalmente, il termine "glucosammina" viene utilizzato per indicare qualsiasi molecola appartenente alla cosiddetta classe dei regioisomeri ammino-deossiglucosio. Tuttavia, nella stragrande maggioranza dei casi, con questo nome si vuole indicare la 2-D-(+)-glucosamina (anche nota come chitosammina o come 2-ammino-2-deossi-D-glucosio).

In virtù delle funzioni che essa svolge all'interno dell'organismo e che verranno di seguito brevemente descritte, questa molecola ha suscitato notevole interesse ed è stata oggetto di diversi studi allo scopo di indagarne proprietà e determinarne possibili usi terapeutici.

A Cosa Serve

Funzioni della Glucosammina nell'Organismo

Come accennato, la glucosammina è una molecola naturalmente presente nell'organismo; più precisamente, essa rientra nelle catene polisaccaridiche dei glicosaminoglicani della matrice cartilaginea (acido ialuronico incluso) e del liquido sinoviale.

La glucosammina e le molecole nelle quali rientra come componente sono implicate nell'attività strutturale e nel mantenimento delle funzionalità di tessuti sottoposti a continue sollecitazioni, quali sono quelli articolari.

È proprio il ruolo esercitato dalla glucosammina a livello di articolazioni e cartilagine ad aver risvegliato interesse nei confronti di questa molecola.

Curiosità

La glucosammina è uno dei componenti dell'esoscheletro dei crostacei (da cui viene per altro estratta), del guscio di altri artropodi e del lipopolisaccaride dei batteri Gram-negativi.

Integratori

Integratori di Glucosammina: cosa sono e a cosa servono

Gli integratori di glucosammina vengono proposti come prodotti potenzialmente utili nella gestione delle patologie che interessano cartilagini e articolazioni.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/10/02/integratori-glucosammina-orig.jpeg Shutterstock

Oltre a rientrare nella composizione dei glicosaminoglicani della matrice cartilaginea, infatti, alcuni studi hanno mostrato che la glucosamina è in grado di favorirne la sintesi da parte dei condrociti, così come è in grado di stimolare la sintesi di proteoglicani, sempre da parte dei condrociti, e di favorire la sintesi di acido ialuronico da parte dei sinoviociti. Oltre a ciò, sembra che questo ammino-monosaccaride sia in grado di esercitare anche una modesta attività antinfiammatoria. Tutte queste attività, pertanto, dovrebbero salvaguardare la funzionalità delle articolazioni preservandone l'integrità.

All'interno degli integratori, la glucosammina può trovarsi sia da sola (in forma di cloridrato, di solfato o di N-acetil-glucosammina), oppure in associazione a condroitina solfato.

Per approfondire: Glucosamina e Condroitina Solfato

Lo sapevi che…

La glucosammina, in forma di glucosammina solfato o glucosammina cloridrato, è reperibile anche all'interno di veri e propri farmaci che, per essere venduti, necessitano di presentazione di ricetta medica ripetibile. Tali farmaci vengono impiegati per alleviare la sintomatologia delle artrosi primarie o secondarie, nella maggior parte dei casi (ma non esclusivamente), che interessano il ginocchio.

Efficacia

Efficacia degli Integratori di Glucosammina

Diversi studi hanno dimostrato le capacità della glucosammina di stimolare la sintesi di glicosamminoglicani e proteoglicani e di esercitare azioni benefiche in presenza di patologie che interessano le articolazioni e la cartilagine. In particolare, alcuni trials clinici hanno evidenziato che la somministrazione di glucosammina può ridurre il dolore e l'infiammazione nei pazienti affetti da artrosi, migliorare la mobilità articolare delle aree colpite e ridurre la quantità di farmaci antinfiammatori somministrati per controllare questo tipo di patologie.

Nonostante ciò, se da un lato diversi studi confermano le proprietà di questa molecola, dall'altro lato sono in molti a nutrire dubbi in merito all'efficacia degli integratori di glucosammina e a ritenere che l'uso di simili prodotti debba essere considerato più che altro come un rimedio coadiuvante le tradizionali strategie terapeutiche messe in atto in presenza delle suddette patologie articolari.

Per approfondire: Glucosammina: Funziona?

Da non dimenticare, inoltre, che gli studi che confermano le proprietà della glucosammina sono stati condotti utilizzando determinate concentrazioni della molecola, con una frequenza di somministrazione e durata del trattamento ben definite.

A questo proposito, è importante ricordare che, quando si decide di acquistare integratori di glucosammina, è importante leggere con attenzione l'etichetta e scegliere prodotti in cui le concentrazioni di sostanze attive sono espresse in maniera chiara ed esplicita. In qualsiasi caso, prima di assumere integratori a base di glucosammina, è opportuno parlarne con il proprio medico.

Rischi e Controindicazioni

Rischi e Controindicazioni connessi all'uso di Integratori di Glucosammina

Benché la glucosammina sia una molecola naturalmente presente all'interno dell'organismo, l'impiego di integratori che la contengono non è certo esente da rischi.

Innanzitutto, la glucosammina contenuta in questi prodotti viene ottenuta dall'esoscheletro di piccoli crostacei, questa caratteristica rende tali integratori controindicati negli individui con allergia a questo tipo di animali.

Inoltre, l'assunzione di glucosammina potrebbe dare origine a effetti indesiderati, soprattutto di natura gastrointestinale, così come potrebbe causare interazioni con farmaci, quali ad esempio gli ipoglicemizzanti. A tal proposito, si ricorda che l'integrazione con questo ammino-monosaccaride è controindicata nei pazienti con diabete di tipo 2 o con sindrome metabolica.

L'assunzione durante la gravidanza e l'allattamento, invece, è sconsigliata a causa della mancanza di dati certi in merito alla sicurezza d'uso.

In qualsiasi caso, si ribadisce nuovamente l'importanza di rivolgersi al proprio medico prima di assumere integratori di glucosammina.

Autore

Ilaria Randi
Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’Abilitazione alla Professione di Farmacista