Ultima modifica 21.05.2020
INDICE
  1. Informazioni su Omega 3 Plus - ProAction
  2. Caratteristiche del prodotto Omega 3 Plus - ProAction
  3. Modo d'uso consigliato dalla ditta - Omega 3 Plus - ProAction
  4. Modo d'uso nella pratica sportiva - Omega 3 Plus - ProAction
  5. Sinergie - Omega 3 Plus - ProAction
  6. Effetti Collaterali Omega 3 Plus - ProAction
  7. Precauzioni per l'utilizzo Omega 3 Plus - ProAction

Informazioni su Omega 3 Plus - ProAction

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2020/05/21/omega-3-plus-pro-action-orig.jpeg

OMEGA 3 PLUS- PROACTION

Integratore alimentare di acidi grassi essenziali omega 3

FORMATO
Confezione da 60 capsule

COMPOSIZIONE

Olio di pesce concentrato in EPA+DHA.
Gelatina alimentare; agente di resistenza: glicerolo E422, olio essenziale di limone, D-alfa-tocoferil-acetato(Vitamina E acetato).
Contiene tracce di lecitina.

INFORMAZIONI NUTRIZIONALI

Analisi Media

Per dose giornaliera (2 cps)

% RDA

Valore Energetico

22 Kcal / 90,75 Kj

-
Proteine

0,438 g

-
Carboidrati

0,224 g

-

Grassi

  di cui:

2,220 g

-
  Saturi

0,040 g

-
  Monoinsaturi

0,358 g

-
  Polinsaturi

1,598 g

-
EPA

0,600 g

-
DHA

0,400 g

-
Vitamina E

10 mg

100
Olio di pesce

2,22 g

-

Caratteristiche del prodotto Omega 3 Plus - ProAction

Caratteristiche del prodotto: Omega 3 Plus fornisce acidi grassi omega 3, estratti attraverso distillazione molecolare da olio di pesce dei mari del nord, ed addizionati con olio di limone e con vitamine E  per proteggerli dall'ossidazione. Il suddetto prodotto garantisce una titolazione in EPA e DHA del 50%, quindi per ogni capsula da 1 grammo ne ritroveremo circa 500 mg. Purtroppo, anche in questo caso non si ha certificazione IFOS che attesti la qualità del prodotto e l'assenza di inquinanti e metalli pesanti.

Acidi grassi omega 3 - caratterizzati dalla presenza di doppi legami, pertanto definiti polinsaturi, sono particolarmente importanti dal punto di vista biologico, tanto da esser definiti come essenziali per la salute umana.

Il nostro organismo è caratterizzato dalla presenza di vie biochimiche in grado di garantire la sintesi di omega-tre, tuttavia insufficiente per soddisfare le richieste giornaliere. L'alimentazione rimane quindi la principale fonte di approvvigionamento di questi nutrienti, permettendo mediamente di coprirne il fabbisogno giornaliero - stimato intorno ai  2 grammi - semplicemente attraverso il consumo di 4 pasti settimanali a base di pesce.
La loro importanza per la salute umana è associata ad alcuni specifici acidi grassi, noti come EPA, acido eicosapentanoico e DHA, docosaesaeonico, particolarmente presenti nei pesci e in piccolissima parte sintetizzati dall'organismo umano a partire dall'acido alfa linolenico.

Diverse sono le evidenze scientifiche che sostengono il ruolo benefico, terapeutico e preventivo di queste molecole, pur non avendone caratterizzato totalmente il meccanismo molecolare d'azione.
Particolarmente ricercati sono gli effetti:

  • Antinfiammatorii ed anticoagulanti: grazie alla modulazione dei segnali intracellulari e all'aumentata sintesi di prostaglandinee leucotrieni con attività anticoagulante ed antinfiammatoria;
  • Neurotrofici e neuroprotettivi: attraverso la protezione delle strutture nervose e all'azione terapeutica nei confronti della depressionemaggiore;
  • Cardioprotettivi ed antiaritmogeni: probabilmente associati al ruolo strutturale di questi acidi grassi nella formazione delle membrane plasmatiche;
  • Preventivi: diversi studi hanno notato come la corretta assunzione di omega 3 possa determinare una protezione nei confronti delle patologie cardiovascolari, del diabete di tipo 1e di alcuni tumori.

Per comprendere al meglio l'importanza di una corretta integrazione è necessario considerare che questi effetti si raggiungono unicamente attraverso il riequilibrio del rapporto tra acidi grassi omega 6 ed acidi grassi omega 3. Più precisamente, recenti studi hanno stimato che questo rapporto nella popolazione occidentale si aggira intorno a 20:1, decisamente superiore rispetto a quello ottimale di 3:1, e probabilmente responsabile dell'elevata incidenza di malattie cardiovascolari.

Acidi Grassi Omega 3 e Sport

Diverse sono le possibili applicazioni degli acidi grassi omega 3 nella dietetica sportiva. Nella maggior parte dei casi, si ricorre alla loro somministrazione a fini preventivi, per scongiurare il danno indotto dall'esercizio fisico intenso e preservare le strutture muscolari e tendinee dall'infortunio. Recenti evidenze suggeriscono anche una serie di effetti sistemici molto interessanti per il benessere dell'atleta; i vantaggi derivati dalla corretta assunzione di questi nutrienti si concretizzano in:

  • Migliorata funzionalità cardiaca e vascolare: garantita dall'effetto cardio-stabilizzante ed anticoagulante;
  • Migliorata capacità ventilatoria, necessaria a sostenere l'ossigenazione dell'atleta;
  • Prevenzione dagli infortuni, realizzata attraverso una modulazione dei processi infiammatori ed una significativa riduzione degli insulti tissutali;
  • Miglioramento delle capacità reattivee di concentrazione.

A questi effetti se ne aggiunge uno, non ancora del tutto caratterizzato, che risulterebbe particolarmente importante per la salute dell'atleta UOMO, e che si esplicherebbe attraverso l'inibizione dell'enzima alfa 5 reduttasi ( responsabile della conversione del testosterone in diidrotestosterone) e la conseguente riduzione di alcuni degli effetti androgeni potenzialmente dannosi, responsabili ad esempio dell'ipertrofia prostatica e della caduta dei capelli.

Modo d'uso consigliato dalla ditta - Omega 3 Plus - ProAction

Si consigliano 2 capsule al giorno, prese durante o dopo i pasti.

Modo d'uso nella pratica sportiva - Omega 3 Plus - ProAction

Nonostante molte case produttrici suggeriscano un dosaggio ottimale compreso tra i 2 ed i 6 grammi al giorno, con un optimum a 2.4 g secondo la letteratura scientifica, affinché il protocollo integrativo risulti realmente efficace, è necessario adattare la quota a quella assunta attraverso l'alimentazione, rapportandola al contenuto dietetico di omega 6. Ricordiamo infatti che affinché l'integrazione possa garantire dei risultati tangibili, è importante il riequilibrio del rapporto omega 6/omega3. In ogni caso, l'assunzione dovrebbe essere preferita durante i pasti, in maniera da ottimizzare i processi digestivi e di assorbimento, e protratta per tutto il tempo necessario a ristabilire il suddetto rapporto, facilmente riequilibrabile anche attraverso una sana alimentazione.

Sinergie - Omega 3 Plus - ProAction

Diversi studi mostrano una maggior efficacia d'azione associando agli omega 3 sostanze antiossidanti in grado di coadiuvarne l'azione protettiva sulla stabilità delle membrane plasmatiche.
Inoltre, affinché la supplementazione possa garantire gli effetti descritti, è necessario che anche la dieta segua i principi generali di una sana alimentazione e sia accompagnata da esercizio fisico controllato.

Effetti Collaterali Omega 3 Plus - ProAction

L'eccessiva assunzione di omega 3 può associarsi a fenomeni immediati come nauseavomitobruciori gastrici ed eritemi, e ad effetti sistemici di diversa natura.
In letteratura sono descritti casi di sanguinamento (dovuti all'azione anticoagulante degli omega 3); pertanto occorre prestare attenzione ad eventuali interazioni con aspirina o altri anticoagulanti, ed in caso di patologia emofiliaca o alterazioni del profilo glicemico in pazienti affetti da patologia diabetica non insulino-dipendente.
Occorre ribadire che la dose tra i 2 ed i 5 grammi al giorno sembra essere alquanto sicura, e sprovvista dei suddetti effetti collaterali.

Precauzioni per l'utilizzo Omega 3 Plus - ProAction

Il prodotto è controindicato nei casi di patologia renale o epatica, cardiovasculopatie e/o ipertensioneallergie e patologie autoimmuni, in gravidanza, durante l'allattamento, al di sotto dei 12 anni ed agli adolescenti non ancora formati.
In caso di uso prolungato (oltre le 6/8 settimane) è necessario il parere del medico.

Il presente articolo, elaborato sulla rilettura critica di articoli scientifici, testi universitari e pratica comune, ha solo scopo informativo e non ha pertanto valore di prescrizione medica. Si è quindi sempre tenuti a consultare il proprio medico, nutrizionista o farmacista prima di intraprendere l'uso di un qualsivoglia integratore. Ulteriori informazioni sull'analisi critica di Omega 3 Plus - ProAction.

BIBLIOGRAFIA

J Am Coll Nutr. 2009 Aug;28 Suppl:473S-481S.
Effect of omega-3 and policosanol supplementation on attention and reactivity in athletes.
Fontani G, Lodi L, Migliorini S, Corradeschi F.
Int J Sport Nutr Exerc Metab. 2009 Oct;19(5):536-46.

n-3 polyunsaturated fatty acids do not alter immune and inflammation measures in endurance athletes.

Nieman DC, Henson DA, McAnulty SR, Jin F, Maxwell KR.
Nutr Res. 2009 May;29(5):305-12.

Cardiovascular risk factors in young, overweight, and obese European adults and associations with physical activity and omega-3 index.

Ramel A, Pumberger C, Martinéz AJ, Kiely M, Bandarra NM, Thorsdottir I.
J Sci Med Sport. 2010 Mar;13(2):281-6. Epub 2009 Jun 12.

The effects of omega-3 supplementation on pulmonary function of young wrestlers during intensive training.

Tartibian B, Maleki BH, Abbasi A.
Clin J Sport Med. 2009 Mar;19(2):115-9.

The effects of ingestion of omega-3 fatty acids on perceived pain and external symptoms of delayed onset muscle soreness in untrained men.

Tartibian B, Maleki BH, Abbasi A.
Eur J Appl Physiol. 2008 Oct;104(3):455-61. Epub 2008 Jun 18.

Omega-3 fatty acid supplementation enhances stroke volume and cardiac output during dynamic exercise.

Walser B, Stebbins CL.
J Sci Med Sport. 2009 Jul;12(4):503-7. Epub 2008 Jun 13.

DHA-rich fish oil lowers heart rate during submaximal exercise in elite Australian Rules footballers.

Buckley JD, Burgess S, Murphy KJ, Howe PR.
Curr Sports Med Rep. 2007 Jul;6(4):230-6.

Omega-3 fatty acids and athletics.

Simopoulos AP.
Am J Clin Nutr. 2007 Mar;85(3):803-7.

n-3 Fatty acids are positively associated with peak bone mineral density and bone accrual in healthy men: the NO2 Study.

Högström M, Nordström P, Nordström A.
J Psychiatr Res. 2008 Jan;42(1):58-63. Epub 2006 Oct 30.

Omega-3 fatty acids on the forced-swimming test.

Huang SY, Yang HT, Chiu CC, Pariante CM, Su KP.
Eur J Appl Physiol. 2004 Aug;92(4-5):584-91. Epub 2004 Mar 30.

Effect of n-3 fatty acids on free tryptophan and exercise fatigue.

Huffman DM, Altena TS, Mawhinney TP, Thomas TR.
Crit Care Clin. 2010 Jul;26(3):501-514.

Fish Oil in Critical Illness: Mechanisms and Clinical Applications.

Stapleton RD, Martin JM, Mayer K.
J Alzheimers Dis. 2010 Jul 15. [Epub ahead of print]

Omega-3 Fatty Acids, Cognitive Decline, and Alzheimer's Disease: A Critical Review and Evaluation of the Literature.

Huang TL.
Cardiovasc Ther. 2010 Aug;28(4):202-15.

Nutraceuticals and atherosclerosis: human trials.

Badimon L, Vilahur G, Padro T.
Cell Mol Biol (Noisy-le-grand). 2010 Feb 25;56(1):28-37.

Omega-3 (n-3) fatty acids, cardiovascular disease and stability of atherosclerotic plaques.

Calder PC, Yaqoob P.
BMC Cardiovasc Disord. 2010 Jun 3;10:24.

Omega-3 fatty acids in high-risk cardiovascular patients: a meta-analysis of randomized controlled trials.