Il cuore d'atleta di Redazione MyPersonalTrainer

Il cuore di un atleta è ben diverso da quello ingrandito di un paziente cardiopatico. Il cuore, con le sue pareti ispessite (come conseguenza di un prolungato esercizio fisico) presenta un tipo di miosina a maggiore attività ATPasica, e la sua vascolarizzazione di tipo coronarico è migliore; migliore è quindi anche lo stato di nutrizione delle cellule.
Il maggiore contributo dell'aumento del volume del cuore, è dato soprattutto dalla dilatazione delle quattro camere cardiache (atri e ventricoli).
I principali adattamenti che si realizzano quando parliamo di cuore d'atleta possono essere così riassunti:


- bradicardia (dovuta, in parte all'abbassamento della frequenza intrinseca del segnalassi, in parte ad una diminuzione del tono simpatico);
- aumento della riserva coronarica (cioè della capacità del circolo coronarico di aumentare il flusso ematico in conseguenza dell'attività fisica);
- incremento del calibro delle arterie e delle vene a livello del circolo periferico.

Articoli correlati: Cuore d'atleta e adattamenti cardiocircolatori all'allenamento

Il Sistema cardiovascolare

Il cuore





Altri articoli su 'Il cuore d'atleta'

  1. sistema cardiovascolare
  2. esami cardiologici
  3. patologie cardiovascolari
  4. Stenosi aortica congenita; coartazione aortica; stenosi e insufficienza mitralica
  5. patologie cardiovascolari 3
  6. patologie cardiovascolari 4
  7. anomalie elettrocardiografiche
  8. anomalie elettrocardiografiche 2
  9. anomalie elettrocardiografiche 3
  10. cardiopatia ischemica
  11. screening anziani
  12. idoneita agonistica
  13. impegno cardiovascolare sport
  14. impegno cardiovascolare sport 2 e BIBLIOGRAFIA