Farmaci per la Cura dell'Herpes Zoster - Fuoco di Sant'Antonio

Farmaci per la Cura dell'Herpes Zoster - Fuoco di Sant'Antonio
Ultima modifica 15.02.2021
INDICE
  1. Definizione
  2. Cause
  3. Sintomi
  4. Farmaci per la Cura dell'Herpes Zoster - Fuoco di Sant'Antonio

Definizione

Che cos'è il Fuoco di Sant'Antonio?

Il fuoco di Sant'Antonio è una patologia infettiva provocata dall'Herpes virus umano 3 (HSV-3) o Varicella-Zoster Virus (VZV), lo stesso responsabile della varicella. Quest'ultima rappresenta la fase acuta di infezione primaria del virus in questione, mentre il fuoco di San'Antonio - o herpes zoster - rappresenta la riattivazione del virus dalal fase latente in cui si trova.

Per approfondire: Fuoco di Sant'Antonio - Herpes zoster

Cause

Quali sono le Cause dell'Herpes zoster o Fuoco di Sant'Antonio?

Il fuoco di Sant'Antonio è una possibile conseguenza della varicella, malattia infettiva  tipica dell'età infantile. Dopo aver curato la varicella, il virus non viene eliminato dall'organismo, ma vi permane all'interno rifugiandosi nelle terminazioni nervose per sfuggire al sistema immunitario dell'ospite (latenza).

L'infezione può riattivarsi nuovamente in determinate condizioni ad essa favorevoli: calo delle difese immunitarie (AIDS, chemioterapia, corticosteroidi, ecc.), età avanzata, stress psicofisico, ecc.

Alla luce di quanto appena detto, pertanto, apapre chairo come chi non ha mai avuto la varicella non potrà contrarre il fuoco di Sant'Antonio.

 

Sintomi

Come si Manifesta il Fuoco di Sant'Antonio o Herpes Zoster?

Il fuoco di sant'Antonio esordisce con la comparsa di macchie rosse che poi si trasformano in vescicole o bolle, localizzate il più delle volte sulla zona toracica e più raramente sul viso. Tale sfogo cutaneo causa spesso prurito e talvolta anche dolore. In alcuni casi, addirittura, il dolore può precedere l'insorgenza delle macchie e delle vescicole.

L'eruzione cutanea di cui sopra, oltre ad essere dolorosissima e fastidiosa, può essere accompagnata anche da altri sintomi, quali: brividi, febbre, mal di stomaco, mal di testa e malessere.

Farmaci per la Cura dell'Herpes Zoster - Fuoco di Sant'Antonio

Nel fuoco di Sant'Antonio, è possibile ridurre la sintomatologia, la durata della malattia e le eventuali complicazioni annesse tramite una terapia farmacologica antivirale sistemica: la cura, per essere efficace, dev'essere iniziata non oltre le 72 ore dalla manifestazione dei primi prodromi (rush cutaneo), e va protratta per 7-10 giorni, a seconda del tipo di terapia scelta.

Nei soggetti immunocompromessi, è preferibile una terapia farmacologica per via parenterale, onde evitare il rischio di sviluppare un'infezione estesa di seria entità.

NOTA BENE

Le informazioni sui farmaci per la cura dell'Herpes Zoster - Fuoco di Sant'Antonio non intendono sostituire il rapporto diretto tra professionista della salute e paziente. Consultare sempre il proprio medico curante e/o lo specialista prima di assumere qualsivoglia tipo di farmaco.

Di seguito sono riportati i farmaci maggiormente impiegati contro l'Herpes Zoster - Fuoco di Sant'Antonio; tuttavia, spetta al medico scegliere il principio attivo e la posologia più indicati per il paziente, in base alla gravità della malattia, allo stato di salute del malato e alla sua risposta alla cura.

Farmaci Antivirali

Fra i farmaci antivirali maggiormente impiegati nel trattamento dell'Herpes zoster o fuoco di Sant'Antonio, ritrociamo:

I primi due - valaciclovir e famciclovir - hanno dimostrato di possedere migliore biodisponibilità dopo somministrazione orale rispetto all'aciclovir ed è per questo motivo che, quando possibile, si predilige il loro impiego.

Ad ogni modo, come accennato, la somministrazione orale è reagionevole nei pazienti non gravemente immunocompromessi; mentre nei pazienti che presentano una compromissione immunitaria grave, si preferisce ricorrere alla somministrazione di antivirali per via endovenosa.

Altri Antivirali

Nel trattamento precoce delle infezioni acute da herpes zoster negli adulti immunocompetenti è altresì possibile che il medico ricorra all'uso della brivudina.

Trattamento Sintomatico

Per alleviare la sensazione di dolore, può essere utile ricorrere all'uso di impacchi umidi. Tuttavia, quando il dolore è mal sopportato, è particolarmente intenso e/o il rimedio non farmacologico appena descritto non conferisce sollievo, il medico può decidere di ricorrere alla prescrizione di farmaci analgesici per via sistemica.

Lo stesso dicasi per gli altri sintomi che possono manifestarsi in presenza di fuoco di Sant'Antonio: se il medico lo ritiene utile e necessario, può decidere di prescrivere farmaci per il trattamento sintomatico della malattia (ad esempio, antipiretici contro la febbre).

Vaccino Herpes Zoster Vivo Attenuato

Il vaccino herpes zoster vivo attenuato (Zostavax®) è indicato per prevenire l'herpes zoster e la nevralgia post-erpetica associata all'herpes zoster. Più nel dettaglio, l'uso di questo vaccino è indicato per l'immunizzazione di pazienti aventi età pari o suiperiore ai 50 anni.

NOTA BENE

Il trattamento dell'herpes zoster oftalmico e quello dell'herpes zoster otico richiedono il consulto e l'intervento, rispettivamente, del medico oculista e del medico otorinolariongoiatra.

Autore

Dott.ssa Ilaria Randi

Dott.ssa Ilaria Randi

Chimica e Tecnologa Farmaceutica
Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’Abilitazione alla Professione di Farmacista