Ultima modifica 20.09.2019
INDICE
  1. Cos'è
  2. Cause
  3. Sintomi
  4. Farmaci e Cura
  5. Rimedi Naturali

Cos'è

Che cos'è la Cistite?

La cistite è una malattia infiammatoria che coinvolge la mucosa vescicale, generalmente provocata da infezioni di natura batterica.

Cause

Quali sono le Cause della Cistite?

La principale causa di cistite è rappresentata da infezioni batteriche che possono essere sostenute da diversi tipi di microorganismi. Nonostante ciò, l'Escherichia coli sembra essere il responsabile dell'infezione nella maggior parte dei casi.

I principali fattori di rischio per la cistite, sono: sesso femminile (l'infiammazione colpisce più frequentemente le donne), uso di contraccettivi orali, rapporti sessuali non protetti.

Sintomi

Sintomi della Cistite: quali sono

Fra i principali sintomi della cistite, ricordiamo:

Altri sintomi che possono comunemente manifestarsi in caso di cistite consistono in: sangue nelle urine, febbre, disuria, tenesmo vescicale, urine scure e/o maleodoranti.

Per approfondire: Cistite

Le informazioni sui Farmaci per la Cura della Cistite non intendono sostituire il rapporto diretto tra professionista della salute e paziente. Consultare sempre il proprio medico curante e/o lo specialista prima di assumere qualsiasi farmaco per curare la cistite.

Farmaci e Cura

Cura e Farmaci per Cistite

Poiché alla base dell'infiammazione vi è un'infezione di natura batterica, la terapia per la cistite prevede l'uso di farmaci antibiotici.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/07/20/farmaci-per-la-cura-della-cistite-orig.jpeg Shutterstock

Oltre alla terapia farmacologica, per favorire la guarigione della cistite, è importante adottare alcuni accorgimenti comportamentali, quali:

Di seguito sono riportati i principi attivi maggiormente impiegati nella terapia contro la cistite ed alcuni esempi di specialità medicinali; spetta al medico scegliere il principio attivo e la posologia più indicati per il paziente, in base alla gravità della malattia, allo stato di salute del malato ed alla sua risposta alla cura.

Antibiotici per la Cistite

Per curare la cistite, si possono impiegare diversi principi attivi antibiotici. La scelta di quale antibiotico utilizzare dipende dal tipo di microorganismo che sostiene l'infezione. Per questa ragione, è sempre opportuno recarsi dal medico per ottenere un'accurata diagnosi.

Ad ogni modo, fra i principali farmaci antibiotici che si possono impiegare nella cura della cistite, ricordiamo:

  • Fosfomicina (Monuril®, Berny®, Danifos®): la fosfomicina è un antibiotico di origine naturale ad ampio spettro d'azione. I medicinali che la contengono possiedono indicazioni terapeutiche specifiche per il trattamento delle infezioni delle vie urinarie, fra cui le cistiti batteriche acute. Il principio attivo è disponibile per la somministrazione orale sotto forma di granulato per sospensione orale. La dose solitamente impiegata negli adulti è di 2-3 grammi di fosfomicina, da assumersi in un'unica dose giornaliera. La durata del trattamento, solitamente, non supera i tre giorni.
  • Ampicillina (Amplital®): l'ampicillina è un antibiotico beta-lattamicoad ampio spettro d'azione appartenente alla classe delle penicilline . È un principio attivo largamente impiegato nella cura della cistite, acuta e cronica. L'ampicillina è disponibile in formulazioni farmaceutiche adatte sia alla somministrazione orale che a quella parenterale. Per via orale, la dose solitamente impiegata negli adulti è di 2-3 grammi di principio attivo al giorno, da assumersi in due o tre dosi frazionate. Nei bambini di età compresa fra 5 e 11 anni, la dose impiegata è di 250-500 mg di ampicillina; mentre nei bambini da 0 a 5 anni di età, la dose di principio attivo raccomandata è di 100 mg/kg di peso corporeo al giorno, da somministrare in 4 dosi frazionate.
  • Amoxicillina (Amox®, Zimox®): l'amoxicillina è un altro antibiotico beta-lattamico appartenente alla classe delle penicilline. Presenta indicazioni per il trattamento delle infezioni genitourinarie, nell'ambito delle quali viene solitamente somministrata per via orale. La dose abitualmente impiegata negli adulti è di circa 1-2 grammi di amoxicillina al dì, da assumersi in dosi frazionate. In qualsiasi caso, la posologia esatta sarà stabilita dal medico su base individuale per ciascun paziente. Agli opportuni dosaggi - variabili in funzione dell'età e del peso corporeo - l'amoxicillina può essere utilizzata anche per la cura della cistite nei bambini. Si raccomanda di seguire le istruzioni del pediatra.
  • Levofloxacina (Levoxacin®, Tavanic®): la levofloxacina è un antibiotico appartenente alla classe dei fluorochinoloni. Può essere utilizzata nel trattamento delle infezioni urinarie, in particolare, quando complicate. La posologia varia in funzione della gravità della cistite. Ad ogni modo, quando somministrata per via orale, la dose solitamente utilizzata varia dai 250 mg ai 500 mg al giorno.
  • Ciprofloxacina (Ciproxin®, Eoxin®): anche la ciprofloxacina è un fluorochinolone che può essere impiegato nel trattamento delle infezioni urinarie - complicate e non - sia in adulti che in bambini e adolescenti. Quando impiegata per via orale nei pazienti adulti, le dosi abitualmente utilizzate sono di 250-500 mg una o due volte al dì, a seconda della gravità della malattia. Nella popolazione pediatrica, invece, il dosaggio di ciprofloxacina da somministrare varia in funzione dell'età e del peso corporeo del paziente. Pertanto, si raccomanda di seguire le indicazioni fornite dal pediatra o dal medico e di leggere le istruzioni riportate sul foglietto illustrativo del medicinale che si deve assumere.
  • Lomefloxacina (Chimono®, Uniquin®): la lomefloxacina è un altro antibiotico appartenente alla classe dei fluorochinoloni che può essere utilizzato nel trattamento delle infezioni delle vie urinarie. Viene impiegato solo nei pazienti adulti e somministrato per via orale alla dose abituale di 400 mg una volta al dì. La durata del trattamento dipende dalla gravità dell'infezione.
  • Nitrofurantoina (Furedan®, Furadantin® - quest'ultimo, non più in commercio): la nitrofurantoina è un antibiotico appartenente alla classe dei nitrofurani. Possiede indicazioni per il trattamento della cistite, sia acuta che cronica. Viene somministrata per via orale alla dose di 200-400 mg al giorno, da assumersi in tre quattro dosi frazionate. Non viene impiegata nei bambini.
  • Sulfametossazolo e trimetoprim (Bactrim®): anche l'associazione sulfametossazolo (un sulfamidico) e trimetoprim (un antibatterico di sintesi ad attività batteriostatica) può essere utilizzata nel trattamento della cistite, sia negli adulti che nei bambini, naturalmente, agli opportuni dosaggi. La posologia deve essere stabilita dal medico su base individuale per ciascun paziente.

Nota Bene

Benché la cistite tenda a manifestarsi con maggior incidenza nei pazienti di sesso femminile, la patologia con causa infettiva può interessare anche pazienti di sesso maschile. In questi casi, gli antibiotici per la cura della cistite nell'uomo sono gli stessi impiegati nella donna.

Uso indiscriminato di antibiotici per la cistite

In molti casi, purtroppo, si ricorrere all'uso di antibiotici per trattare la cistite - così come altri disturbi - con troppa leggerezza e in maniera non appropriata. Un uso indiscriminato e non idoneo di simili farmaci, infatti, porta inevitabilmente ad un aumento del fenomeno dell'antibiotico-resistenza, con formazione di ceppi batterici resistenti a un sempre maggiore numero di principi attivi ad azione antibiotica. Per questo motivo, i pazienti che presentano cistite devono evitare l'auto-diagnosi e l'auto-prescrizione di medicinali antibiotici e devono, invece, sempre rivolgersi al proprio medico. Quest'ultimo, dal canto suo, dovrebbe preoccuparsi di diagnosticare la patologia individuando con esattezza - anche mediante l'aiuto di apposite analisi - il microorganismo responsabile dell'infezione, in maniera tale da prescrivere la terapia farmacologica più idonea ed efficace.

Allo stesso modo, per ridurre il rischio dello sviluppo di antibiotico-resistenza, una volta che il medico ha prescritto una terapia antibiotica, questa deve essere portata a termine secondo le indicazioni ricevute, anche se i sintomi della cistite scompaiono.

Antibiotico per Cistite in Gravidanza

Anche le donne in gravidanza possono necessitare della somministrazione di antibiotici per il trattamento della cistite. Naturalmente, è sempre necessario il controllo del medico.

Per maggiori informazioni: Farmaci per Curare la Cistite in Gravidanza

Antispastici per la Cistite

In alcuni casi, quando la cistite provoca dolore e spasmi muscolari, potrebbe essere utile - sempre previo consiglio medico - ricorrere all'uso di farmaci antispastici. Il principio attivo maggiormente impiegato in caso di spasmi del tratto genitourinario è, con tutta probabilità, la scopolamina butilbromuro (Buscopan®). Tuttavia, l'utilizzo di questo tipo di farmaci per la cistite non sembra essere così diffuso.

Rimedi Naturali

Antibiotico Naturale per la Cistite

Negli ultimi tempi, non è insolito che i pazienti richiedano al medico di prescrivere loro un antibiotico naturale e rimedi fitoterapici per la cura della cistite. Benché alcune piante contengano effettivamente composti che possono vantare una certa azione antisettica e disinfettante delle vie urinarie, simili rimedi sembrano essere più che altro efficaci nell'ambito della prevenzione della cistite (soprattutto in soggetti predisposti) e non nella sua cura. Ricordiamo, infatti, che al fine di evitare l'insorgenza di complicazioni e recidive, la cistite deve essere trattata nel modo corretto e i batteri che la causano devono essere eliminati in maniera efficace.

Ad ogni modo, fra i rimedi naturali fitoterapici maggiormente utilizzati, ricordiamo l'uva ursina e il cranberry (anche noto come mirtillo rosso americano o ossicocco americano).

Per approfondire: Rimedi Naturali per la Cistite

Tuttavia, si ribadisce l'importanza del consulto preventivo con il proprio medico.

Autore

Ilaria Randi
Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’Abilitazione alla Professione di Farmacista