Proprietà della Papaya in Erboristeria: Quali Sono?

Proprietà della Papaya in Erboristeria: Quali Sono?
Ultima modifica 02.11.2020
INDICE
  1. Nome Scientifico
  2. Famiglia
  3. Origine
  4. Parti Utilizzate
  5. Costituenti Chimici
  6. Proprietà della Papaya in Erboristeria
  7. Interazioni Farmacologiche
  8. Effetti Collaterali
  9. Controindicazioni

Nome Scientifico

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2020/11/02/papaya-in-erboristeria-orig.jpeg Shutterstock

Carica papaya

Famiglia

Caricaceae

Origine

La pianta di papaya è originaria delle isole Molucche, ma attualmente è coltivata in tutte le regioni tropicali.

Parti Utilizzate

La droga è costituita dalle folgie, dai frutti e dal lattice estratto da questi ultimi.

Costituenti Chimici

Fra i costituenti chimici presenti nel frutto di papaya e nel lattice da esso ricavato ritroviamo la papaina grezza (una miscela di enzimi proteolitici).

Fra i costituenti chimici contenuti nelle foglie di papaya, invece, ricordiamo:

Proprietà della Papaya in Erboristeria

La miscela di enzimi proteolitici nota come papaina che si estrae dal lattice ottenuto per incisione del frutto immaturo di papaya viene utilizzata come ausilio per la digestione proteica e trova impiego anche nel campo dell'industria alimentare.

Attività Biologica

La papaina grezza è una miscela contenente le diverse proteasi presenti all'interno del lattice estratto dal frutto immaturo della papaya. I principali componenti di questa miscela sono la papaina pura, la chimopapaina A e B e la papaina proteasi.

Come accennato, la papaina estratta dalla papaya viene utilizzata come adiuvante della digestione proteica. Non a caso, essa viene considerata come una sorta di analogo della pepsina umana; analogia, questa, che le ha permesso di acquisire il nome di "pepsina vegetale".

Alla papaina, inoltre, sono attribuiti effetti anti-ulcera e proprietà antimicrobiche e antielmintiche. Tuttavia, questa sostanza rimane comunque priva di indicazioni terapeutiche ufficiali.

Nonostante ciò, la papaina è utilizzata spesso nel campo dell'industria alimentare, dove viene impiegata per chiarificare le bevande e per ammorbidire le carni.

In commercio, poi, vi sono numerosi integratori alimentari a base di papaya fermentata, ossia a base di un particolare estratto che si ottiene facendo fermentare (tramite fermentazione microbica) il frutto della papaya polverizzato. Alla papaya fermentata vengono attribuite proprietà antiossidanti e anti-età.

Benché l'utilizzo della papaya fermentata come antiossidante non sia stato ufficialmente autorizzato, questa sua interessante proprietà è stata oggetto di vari studi in cui ne vengono analizzati gli effetti in pazienti affetti da disturbi o patologie caratterizzati da stress ossidativo, come, ad esempio, il morbo di Alzheimer.

NOTA BENE

Quando la papaya viene utilizzata per scopi simil-terapeutici, è essenziale utilizzare preparazioni definite e standardizzate in principi attivi (papaina), poiché solo così si può conoscere la quantità esatta di sostanze attive che si stanno assumendo.

Quando si utilizzano preparazioni a base di papaya, le dosi di prodotto da assumere possono variare in funzione della quantità di papaina contenuta. Tale quantità, solitamente, è riportata direttamente dall'azienda produttrice sulla confezione o sul foglietto illustrativo dello stesso prodotto, pertanto, è molto importante seguire le indicazioni da essa fornite.

In qualsiasi caso, prima di assumere per fini terapeutici un qualsiasi tipo di preparazione contenente papaya, è bene rivolgersi preventivamente al proprio medico.

Papaya nella Medicina Popolare e in Omeopatia

La papaya e la papaina sono spesso impiegate nella medicina popolare per contrastare i disturbi digestivi.

Le foglie della papaya, invece, vengono utilizzate all'interno di preparazioni per il trattamento dei disturbi legati al tratto gastroenterico e per contrastare le infestazioni intestinali da parassiti, ma non solo. Infatti, le foglie di papaya trovano impiego - soprattutto nella medicina indiana - anche nel trattamento delle emorroidi, della tosse, delle bronchiti e dei calcoli renali.

In omeopatia, la papaya è utilizzata come rimedio per rafforzare le difese immunitarie. È disponibile in diverse preparazioni sotto forma di soluzioni o globuli. La posologia di prodotto può variare in funzione della diluzione omeopatica che si utilizza.

NOTA BENE

Le applicazioni della papaya per il trattamento dei suddetti disturbi non sono né approvate, né supportate dalle opportune verifiche sperimentali, oppure non le hanno superate. Per questo motivo, potrebbero essere prive di efficacia terapeutica o risultare addirittura dannose per la salute.

Interazioni Farmacologiche

La Papaya e i suoi estratti possono interferire con l'azione di Medicinali?

Gli estratti di papaya e le sostanze in essi contenuti possono interferire con l'azione di farmaci anticoagulanti e aumentare il rischio di sanguinamento. Per tale ragione, qualora ci si stia sottoponendo a trattamenti farmacologici con questo tipo di medicinali, è assolutamente necessario informarne il medico prima di assumere la papaya in qualsiasi sua forma.

Effetti Collaterali

La Papaya e i suoi estratti possono causare Effetti Indesiderati?

In seguito all'assunzione della papaya, dei suoi estratti e dei prodotti che li contengono potrebbero insorgere manifestazioni allergiche, inclusi attacchi di asma.

Controindicazioni

Quando NON assumere la Papaya e i suoi estratti

La papaya, i suoi estratti e i prodotti che li contegono non devono essere assunti in caso di allergia nota verso uno o più componenti. L'utilizzo del frutto immaturo e della papaina è altresì controindicato in gravidanza poiché può avere effetti tossici sul feto. Allo stesso modo, anche le foglie della pianta e la papaya fermentata sono controindicate in gravidanza e durante l'allattamento.

Autore

Ilaria Randi
Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’Abilitazione alla Professione di Farmacista