Tinture per capelli di Redazione MyPersonalTrainer

« tinture per capelli

Tinture permanenti

Queste tinture sono molto particolari, quindi bisogna capirne bene il meccanismo di funzionamento. Innanzitutto dobbiamo tener presente che per conferire la colorazione desiderata devono reagire chimicamente con altre sostanze.

Le tinture permanenti contengono vari composti in grado di reagire tra loro per dare polimeri colorati. Di per sé, quindi, questi composti non sono colorati ma acquisiscono tale caratteristica soltanto dopo una reazione chimica in situ, quindi all'interno del capello.

Le tinture permanenti presentano dei vantaggi e degli svantaggi. Gli aspetti positivi sono:

  1. Ampio range di colorazioni e sfumature;
  2. Coprono perfettamente i capelli bianchi;
  3. Sono prodotti economici;
  4. Sono molto facili da utilizzare.

Tinture permanenti per capelliL'unico svantaggio è che possono causare allergie o irritazioni. Non a caso, le tinture permanenti non devono essere utilizzate attorno agli occhi, quindi per scurire ciglia o sopracciglia.
La concentrazione delle sostanze coloranti si aggira attorno al 6%; tale percentuale dev'essere abbastanza costante, proprio per il pericolo di tossicità.
Le tinture permanenti hanno come struttura molecolare di partenza il benzene, che presenta dei sostituenti in posizione para e in posizione meta, con gruppi elettrondonatori come ad esempio gruppi ammidici od ossidrili. Dobbiamo tenere in considerazione che le tinture permanenti sono sempre formate da una coppia di reagenti, un colorante intermedio primario ed un colorante detto copulante. I coloranti intermedi primari sono la p-fenildiammina e il p-amminofenolo, mentre i copulanti o coloranti intermedi secondari sono gli 1-naftoli, le m-diammine, gli m-amminofenoli, i resorcinoli ed i pirazoloni.
Le formulazioni delle tinture permanenti che si trovano in commercio sono, in linea di massima, così composte: una parte in cui si trovano i coloranti primari (che sono sempre para), i copulanti (che sono sempre meta), l'ammoniaca, delle sostanze tampone per mantenere un pH basico, e un antiossidante per evitare l'ossidazione dei coloranti; la seconda parte è invece composta da agenti ossidanti come l'acqua ossigenata pura o addizionata con urea (la preferita).


Come si fa a formare e ad applicare il colore sul capello?


Prima di tutto si devono miscelare le due parti del kit. A questo punto avviene una reazione di ossidazione a carico dell'intermedio primario, che produce una specie molecolare molto reattiva. Questa specie reattiva è in grado di legare l'intermedio secondario o copulante. Si genera una molecola formata da due benzeni legati tra di loro da un gruppo - NH. Dopodiché avviene un'altra ossidazione, perché abbiamo nella miscela l'acqua ossigenata, da cui origina una molecola colorante ad alto peso molecolare (indo-colorante). Quest'ultima può ulteriormente reagire con altri copulanti, generando composti complessi. Si ricorda che tutta questa reazione avviene sul capello (in situ). I due intermedi, essendo a basso PM, riescono a penetrare nel capello e, ossidandosi, originano una molecola colorata ad alto PM, la quale rimane intrappolata nella struttura del capello conferendogli la colorazione voluta.

 

Tinture capelli

 

Una volta formata la pasta colorante, la si applica sul capello lasciandola agire per un tempo che varia dai 20 ai 30 minuti, in modo da consentire la penetrazione degli intermedi nella struttura del capello. L'assorbimento delle sostanze è facilitato dal mantenimento di un pH basico elevato, il quale aumenta la permeabilità del capello stesso. Al termine del tempo di applicazione si procede con un lavaggio del capello con tensioattivi, per eliminare i vari precursori che non hanno reagito; dopodiché si procede con asciugatura ed acconciatura.
Nella tabella successiva vengono fatti alcuni esempi di colorazione generati dall'interazione tra copulanti e intermedi primari.

 

COLORAZIONE CONFERITA DALLA REAZIONE TRA COLORANTI PRIMARI E COPULANTI
COPULANTI P-FENILENDIAMMINA            P-AMMINOFENOLO
Resorcinolo Verde - marrone Giallo - marrone
m-fenilendiammina Blu - viola Violetto
m- amminofenoli Rosso - marrone Arancio chiaro
1-naftolo Blu - viola Rosso - viola
2-amminopiridina Grigio scuro - blu Grigio chiaro - verde

 

Come possiamo evincere dall'analisi della tabella, a seconda della reazione tra copulante e intermedio primario possono nascere colorazioni diverse. Ad esempio, il resorcinolo può dare una colorazione verde - marrone se reagisce con la p-fenilendiammina, o una colorazione più accettabile, giallo - marrone, se reagisce con il p-amminofenolo.


Tinture semipermanenti »