Ultima modifica 30.11.2020
INDICE
  1. Generalità
  2. Cos'è
  3. Perché si Misura
  4. Valori normali
  5. Saturazione di Ossigeno Alta
  6. Saturazione di Ossigeno Bassa
  7. Come si misura
  8. Preparazione
  9. Interpretazione dei Risultati

Generalità

La saturazione di ossigeno è un indice ematico che riflette la percentuale di emoglobina satura di ossigeno rispetto alla quantità totale di emoglobina presente nel sangue.
In condizioni normali, durante il passaggio nei polmoni, i globuli rossi ricchi di emoglobina si caricano o saturano di ossigeno, che verrà poi trasportato e ceduto ai vari tessuti dell'organismo.

Saturaizone di ossigeno

Cos'è

La saturazione di ossigeno è un parametro che riflette la percentuale di molecole di ossigeno legate all'emoglobina (ossiemoglobina), permettendo così di stabilire lo stato di ipossiemia (ridotta quantità di O2 disponibile nel sangue).

La saturazione di ossigeno si misura con uno strumento elettromedicale transcutaneo, chiamato saturimetro (ossimetro o pulsiossimetro), dalla forma simile a quella di una molletta.

Questo dispositivo è dotato di una sonda e di due diodi foto-emittenti (sensori che emettono raggi luminosi di lunghezze d'onda diverse fra loro e comunicano con una fotocellula). L'indice ematico viene quindi stimat tramite l'assorbimento della luce emessa dal saturimetro applicato su un dito della mano o un lobo dell'orecchio (regioni anatomiche ricche di capillari).
L'elemento utile per la valutazione della saturazione dell'ossigeno è il colore del sangue, che, quando è ossigenato, è di una tinta rosso brillante, viceversa, è più scuro.

Il saturimetro o pulsossimetro è un oggetto estremamente semplice e piccolo. Questo non stupisce se si pensa che per utilizzarlo generalmente è sufficiente alloggiare il dito al suo interno e nulla più. I modelli di saturimetro o pulsossimetro si assomigliano molto tra di loro. Sicuramente il più comune è quello da dito, ma esistono anche versioni da polso, pensate essenzialmente per rilevare anche altri parametri durante il sonno e quindi con la necessità di essere ben fissati al braccio di chi lo utilizza.

Il pulsossimetro permette di rilevare in maniera precisa il livello di SpO2 e la frequenza cardiaca. I dati vengono poi visualizzati su uno schermo al LED, sia in forma di barre, sia con espressione numerica. Consumano pochissima energia, tanto più che sono pensati per andare in stand by o spegnersi quando non li si utilizza.

Pulsossimetro Wawech

Particolarmnete adatto per monitorare i parametri di salute anche a casa, il pulsossimetro proposto da Wawech è un dispositivo che consente di misurare in modo preciso la saturazione di ossigeno nel sangue, la frequenza del polso e l'intensità del polso. Basta inserire il dito e premere il pulsante, per visualizzare rapidamente i dati sul luminoso display a LED. Facilissimo da utilizzare, funziona con 2 batterie AAA che garantiscono un'autonomia di circa 30 ore. Inoltre il dispositivo può anche essere appeso o messo in tasca per tenerlo sempre a portata di mano.

Pulsossimetro OCS.tec

Il pulsossimetro di OCS.tec misura i livelli di SpO2 e frequenza cardiaca in soli 8 secondi. Si usa in maniera estremamente semplice, basta inserire il dito all'interno perché i parametri vengano rilevati da questo strumento. Se per 8 secondi il pulsossimetro non riceve alcun tipo di sollecitazione si spegne, consentendo di risparmiare batterie. E' raccomandato per uso domestico e sportivo, ma non per uso medico. Il pulsossimetro di OCS.tec ha un display ampio e quindi di facile lettura, pesa appena 49 gr e pertanto può essere portato ovunque.

Saturimetro da dito KARAEASY

Accurato e affidabile, il saturimetro di Karaeasy è adatto sia per gli sportivi che per i soggetti di ogni età. Il dispositivo può misurare in modo preciso i livelli di saturazione di ossigeno nel sangue, restituendo una lettura facile sullo schermo LED. Usarlo è semplicissimo: basta inserire il dito e accendere il saturimetro premendo il pulsante. Dotato di funzione di spegnimento automatico dopo 8 secondi dalla misurazione, è leggero e compatto e può essre portato sempre con sé. 

Saturimetro da Dito Metene

Il saturimetro di Metene consente invece di misurare sia i livelli di saturazione di ossigeno nel sangue, che le pulsazioni e il battito cardiaco. Il dispositivo garantisce risultati precisi anche grazie a un principio fotoelettrico più avanzato e a un pannello acrilico trasparente che permette di giudicare se l'ambiente di misurazione è idoneo per la misurazione, evitando l'influenza di una forte luce sui risultati. Dotato di un unico pulsante di funzionamento, si spegne automaticamente dopo 8 secondi e vanta un ampio display a LED  con retroilluminazione. 

IDOIT 3 in 1 Saturimetro Professionale

Il saturimetro professionale IDOIT 3 in 1 è adatto a sportivi, adulti, bambini e anche donne in gravidanza. Il dispositivo consente di misurare i livelli di saturazione di ossigeno nel sangue, la frequenza del polso e l'indice di perfusione che permette di rilevare la validità della misurazione. Facilissimo da usare, basta inserire il dito nel sensore fotoelettrico e premere il tasto: lo schermo mostra direttamente il valore misurato di frequenza del polso e la saturazione di ossigeno. Dotato di display OLED di alta qualità, si spegne automaticamente dopo 8 secondi se non viene rilevato alcun segnale per garantire un basso consumo energetico.

Saturimetro Da Dito Teaisiy

Professionale e affidabile, il saturimetro di Teaisiy permette di ottenere risultati molto accurati relativi alla frequenza cardiaca e ai livelli di saturazione di ossigeno nel sangue grazie al chip incorporato. Per utilizzarlo basta inserire il pollice nel sensore fotoelettrico e premere il tasto: i risultati vengono visualizzati in 8 secondi. Tra le sue caratteristiche anche la possibilità di ruotare lo schermo in verticale e in orizzontale così da facilitate la lettura delle misurazioni. 

Saturimetro da dito AGPTEK

Il pulsossimetro di AGPTEK è pensato sia per gli sportivi sia per chi desidera tenere sotto controllo i livelli di SpO2. La lettura è semplice e immediata grazie all'ampio schermo a LED che permette di visualizzazione i risultati in meno di 10 secondi. Dotato di funzione di spegnimento automatico, funziona con due batterie e ha un design leggero e portatile che consente di portarlo sempre con sé anche grazie al pratico cordoncino. 

Perché si Misura

Il monitoraggio non invasivo dei valori di saturazione d'ossigeno è importante sia in ambito domestico, sia in corso di emergenze sanitarie, per valutare rapidamente la necessità di ricorrere alla ventilazione assistita.
Il monitoraggio dei valori di saturazione di ossigeno non è importante a soli fini diagnostici, ma risulta essenziale anche per valutare l'efficacia delle terapie farmacologiche o di altri trattamenti intrapresi per riportare la saturazione di ossigeno a valori normali, o per curare la malattia sottostante (ad es. broncodilatatori).

Valori normali

La saturazione di ossigeno è considerata nella norma quando i valori risultano superiori al 95%, mentre inizia a diventare patologica se pari o inferiore al 90%.
Se il saturimetro evidenzia indici inferiori al 95%, si parla d'ipossia, che può essere lieve (tra 91-94%), moderata (tra 86-90%) e grave (pari o inferiori all'85%).

Saturazione ossigeno valori

Saturazione di Ossigeno Alta

Alti livelli di saturazione di ossigeno non sono associati, di solito, a problemi di tipo medico e/o a conseguenze patologiche, pertanto non vengono considerati clinicamente rilevanti.

Saturazione di Ossigeno Bassa

L'ipossemia, caratterizzata da bassi valori di saturazione d'ossigeno, è tipica di varie malattie:

Anche l'altitudine e l'anemia si associano a quadri di ipossia, per esempio tra i 5.000 e i 5.500 m di altitudine, la saturazione di ossigeno scende intorno all'85%.
L'ipossia si osserva anche nei pazienti con aterosclerosi, angina, infarto, ictus, trauma cranico e fratture costali. Inoltre, una carenza di ossigeno può verificarsi in caso di un'intossicazione da farmaci, da monossido di carbonio o da metalli pesanti (come il mercurio).

Come si misura

La saturazione di ossigeno può essere determinata su un campione di sangue arterioso, in genere prelevato dall'arteria radiale del polso.
L'esame non è doloroso, anche se alcuni pazienti lo considerano un po' più fastidioso rispetto ai classici prelievi venosi da una vena dell'avambraccio.
La saturazione di ossigeno può essere misurata anche in maniera non invasiva attraverso apparecchi portatili chiamati pulsossimetri (od ossimetri o saturimetri), che permettono di stimare rapidamente la quantità di emoglobina legata all'ossigeno applicando l'apposito sensore a un dito della mano o al lobo di un orecchio.

Preparazione

La misurazione della saturazione di ossigeno si effettua ambulatorialmente e non richiede una particolare preparazione.
La rimozione dello smalto dalle unghie prima dell'esame è importante, per non alterare i risultati.

L'ampiezza del segnale del pulsossimetro può essere condizionata da aritmie, ipotensione o profonda vasocostrizione sistemica.

Interpretazione dei Risultati

La saturimetria permette di sapere se i valori di ossigenazione del sangue sono normali o inferiori alla norma. I risultati permettono di individuare se vi è un'insufficienza respiratoria e di quale entità, per impostare un'eventuale ossigenoterapia.
Una ridotta quantità di ossigeno nel sangue può determinare l'ipossiemia. Tale condizione comporta manifestazioni quali pallore della cute e delle mucose (cianosi), iperventilazione e dispnea, oltre a generare uno stato di confusione e spaesamento. Spesso, l'ipossiemia si associa ad ipossia, cioè a una carenza di ossigeno disponibile nei tessuti.
Le cause sono attribuibili a disturbi di ventilazione e di ossigenazione, quali apnee notturne, polmonite, embolia polmonare ed insufficienza respiratoria. Queste condizioni patologiche comportano, infatti, un'ipoventilazione alveolare, ossia l'aria che lascia i polmoni è meno ricca di ossigeno rispetto alla norma. Ciò può accadere anche quando le alte vie respiratorie sono occluse, quindi impediscono il passaggio dell'ossigeno. Chiaramente, tale deficit provoca un danno correlato alla durata dello stesso evento ipossico: dalla diminuita sintesi di ATP, alla morte cellulare.

Valori Normali e Patologici

La percentuale di emoglobina satura di ossigeno in condizioni normali è maggiore del 95%, con valori ottimali intorno al 97-98%.
Tuttavia, in presenza di alcune malattie, principalmente polmonari, una percentuale inferiore di globuli rossi lega e trasporta ossigeno all'organismo; di conseguenza, la saturazione d'ossigeno scende al di sotto del 95% e, raggiunti valori inferiori al 90%, si parla di ipossiemia, ovvero di una ridotta quantità di ossigeno nel sangue.
Un valore inferiore all'80% testimonia uno stato ipossico grave.


Contenuto sponsorizzato: My-personaltrainer.it presenta prodotti e servizi che si possono acquistare online su Amazon e/o su altri e-commerce. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, My-personaltrainer.it potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati. Vi informiamo che i prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo, vi invitiamo quindi a verificate disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati.

Autore

Giulia Bertelli
Laureata in Biotecnologie Medico-Farmaceutiche, ha prestato attività lavorativa in qualità di Addetto alla Ricerca e Sviluppo in aziende di Integratori Alimentari e Alimenti Dietetici