Procaina: Cos'è? Come Agisce? Indicazioni, Effetti Collaterali e Controindicazioni di I.Randi

Generalità

La procaina è un principio attivo dotato di azione anestetica locale.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/01/11/procaina---struttura-chimica-orig.jpeg
Procaina - Struttura Chimica (fonte: Redazione)

Dal punto di vista chimico, la procaina è un amminoestere derivato dall'acido para-amminobenzoico.

In passato, la procaina rientrava nella composizione di formulazioni farmaceutiche adatte alla somministrazione sia parenterale che topica. Tuttavia, ad oggi (gennaio 2019), i medicinali a base di procaina disponibili in commercio sono solo per uso topico (crema cutanea, gocce auricolari, soluzione dentale e gocce odontologiche). Tali medicinali sono classificati come farmaci da banco (OTC), pertanto, ne è consentita la libera vendita in farmacia e parafarmacia.

Nei farmaci che la contengono, la procaina è normalmente presente in forma di procaina cloridrato e in alcuni di essi si trova in associazione ad altri principi attivi, come il fenazone (dotato di azione antinfiammatoria), la benzocaina (dotata anch'essa di azione anestetica) e l'8-ossichinolina solfato (dotata di proprietà antisettiche).

Esempi di Specialità Medicinali contenenti Procaina

  • Cerulisina Dolore® (in associazione a fenazone)
  • Dentosedina® (in associazione a benzocaina)
  • Lenident®
  • Otalgan® (in associazione a fenazone)
  • Otomidone® (in associazione a fenazone)
  • Ustiosan® (in associazione a lidocaina e 8-ossichinolina solfato)

Indicazioni Terapeutiche

Quando è Indicato l'Uso della Procaina?

In funzione della forma farmaceutica all'interno della quale si trova, la procaina è indicata nei seguenti casi:

  • Trattamento del dolore della bocca e del dolore dentale causato, ad esempio, da carie, periodontiti e pulpopatie (soluzione dentale in flacone spruzzatore o gocce odontalgiche);
  • Trattamento del dolore nelle affezioni dell'orecchio (ad esempio, otiti) senza perforazione timpanica (gocce auricolari);
  • Trattamento del dolore e dei sintomi causati da ferite superficiali, escoriazioni, punture di insetti, ustioni minori, eritemi solari e irritazioni cutanee provocate da agenti chimici o fisici (crema cutanea).

Lo sapevi che…

La procaina - sempre in forma di procaina cloridrato - è utilizzata anche all'interno di farmaci per uso veterinario per indurre anestesia locale, anestesia epidurale e anestesia della conduzione nervosa. Tuttavia, in questi casi, il principio attivo si trova all'interno di medicinali adatti alla somministrazione per via parenterale (soluzioni iniettabili).

Avvertenze

Avvertenze e Precauzioni per l'uso della Procaina

Avvertenze e precauzioni possono variare in funzione della forma farmaceutica contenente procaina utilizzata. Ad ogni modo, indipendentemente dal tipo di farmaco utilizzato, l'uso della procaina dovrebbe essere effettuato solo per brevi periodi di tempo. Se dopo qualche giorno dall'inizio del trattamento non si notano miglioramenti, o al contrario, se si notano dei peggioramenti, è necessario contattare il medico che fornirà le giuste indicazioni sul da farsi.

Procaina in soluzione dentale e gocce odontalgiche

La soluzione dentale e le gocce odontalgiche contenenti procaina dovrebbero essere utilizzate con cautela in pazienti affetti da tireotossicosi, insufficienza renale e/o epatica e patologie cardiovascolari.

Procaina in gocce auricolari

La procaina in gocce auricolari non deve essere utilizzata in caso di perforazione del timpano, accertata o presunta che sia.

Procaina in crema cutanea

La crema cutanea a base di procaina non deve essere utilizzata su aree estese di cute e/o in presenza di lesioni (di qualsiasi tipo) di grave entità.

Nota Bene

A scopo precauzionale, prima di assumere medicinali a base di procaina, è sempre opportuno informare il medico o il farmacista delle proprie condizioni di salute e dell'eventuale presenza di qualsivoglia tipo di disturbo o malattia.

Interazioni Farmacologiche

Interazioni fra Procaina e Altri Farmaci

La procaina potrebbe interferire negativamente con l'azione terapeutica di altri farmaci, quali ad esempio i sulfamidici.

Per questo motivo, prima di utilizzare qualsiasi tipo di medicinale a base di procaina, è bene informare il medico se si stanno assumendo - o sono stati da poco assunti - farmaci o prodotti di qualsiasi tipo, inclusi i medicinali senz'obbligo di prescrizione medica (SOP), altri farmaci da banco (OTC), i prodotti erboristici e fitoterapici e i prodotti omeopatici.

Effetti Collaterali

Effetti Collaterali Causati dall'Assunzione della Procaina

Se correttamente utilizzati, i medicinali contenenti procaina sono normalmente ben tollerati.
Tuttavia, non si può escludere l'insorgenza di reazioni allergiche, anche gravi, in individui sensibili.

Inoltre, qualora i medicinali a base di procaina vengano applicati su cute e mucose fortemente danneggiate (ad esempio, timpano perforato, gravi lesioni cutanee, gravi lesioni delle gengive o della mucosa della bocca, ecc.), il principio attivo potrebbe essere assorbito a livello sistemico e potrebbe portare alla comparsa di effetti collaterali anche gravi, quali:

Infine, si ricorda che l'uso di farmaci per via topica per lunghi periodi di tempo potrebbe portare alla comparsa di reazioni di sensibilizzazione.

Nota Bene

Quando la procaina è utilizzata in associazione ad altri principi attivi, potrebbero manifestarsi anche effetti collaterali dovuti a questi ultimi. Per conoscerli, si consiglia la lettura del foglietto illustrativo della specialità medicinale che s'intende utilizzare.

Sovradosaggio e Ingestione Accidentale

Utilizzando in maniera corretta la procaina in forma di gocce auricolari o crema cutanea, il sovradosaggio è un'evenienza piuttosto rara. Tuttavia, l'ingestione accidentale delle suddette formulazioni farmaceutiche a base di procaina può causare sintomi come diarrea, vertigini e cianosi.

Per quanto riguarda l'assunzione di procaina in forma di soluzione dentale o gocce odontologiche, invece, vi è un possibile rischio di sovradosaggio in caso di utilizzo di dosi eccessive e/o di ingestione accidentale. In una simile situazione possono manifestarsi sintomi, quali:

Pertanto, in caso di sovradosaggio e/o ingestione accidentale di procaina in qualsiasi forma farmaceutica, è necessario recarsi immediatamente in ospedale - se possibile, portando con sé la confezione del medicinale assunto - dove verrà somministrato l'antidoto specifico, ovvero il blu di metilene.

Meccanismo d'azione

Come agisce la Procaina?

La procaina è dotata di azione anestetica locale. Analogamente agli altri principi attivi dotati di quest'attività, la procaina è in grado di espletare la sua azione attraverso l'interazione con i canali del sodio voltaggio-dipendenti presenti sulle membrane delle cellule nervose. Grazie a questa interazione, la procaina inibisce la permeabilità della membrana cellulare al sodio, ostacolandone l'ingresso all'interno della cellula nervosa. In questo modo, viene impedita l'eccitazione della cellula nervosa e la trasmissione dello stimolo doloroso.

Modalità d'uso e Posologia

Come Assumere la Procaina

Modo d'uso e posologia variano in funzione della forma farmaceutica a base di procaina che si necessita utilizzare.

Procaina in soluzione dentale o gocce odontalgiche

La dose di procaina in forma di soluzione dentale o gocce odontologiche abitualmente consigliata è di 1-2 spruzzi o 1-2 gocce (a seconda del medicinale utilizzato) da applicare direttamente in corrispondenza del dente o dell'area della bocca interessata dal dolore. Le applicazioni possono essere effettuate al bisogno oppure secondo prescrizione medica. Il liquido così somministrato dovrebbe essere mantenuto "in situ" per qualche minuto e in seguito espulso e non deglutito. Per informazioni più dettagliate, chiedere consiglio al medico o al farmacista.

Procaina in gocce auricolari

Quando si utilizzano le gocce auricolari a base di procaina, la posologia abitualmente utilizzata può variare in funzione della specialità medicinale impiegata e della concentrazione di principio attivo contenuta. Generalmente, la dose consigliata varia dalle 3 alle 8 gocce da instillare nel condotto uditivo esterno 2-4 volte al giorno.

In qualsiasi caso, il trattamento non dovrebbe mai superare i 10 giorni di durata e se non si notano miglioramenti dopo uno o due giorni, è necessario contattare il medico.

Nota: prima di instillare le gocce, è consigliabile scaldare il flacone con il calore delle mani al fine di evitare la fastidiosa sensazione di freddo.

Procaina in crema cutanea

Quando si utilizzano creme cutanee a base di procaina, solitamente, si consiglia di applicare 1-2 centimetri di prodotto direttamente sulla porzione di cute interessata, una o due volte al dì. Se necessario, è possibile coprire quest'area con garza sterile e cerotto adesivo.

Gravidanza e Allattamento

La Procaina può essere Assunta in Gravidanza e durante l'Allattamento?

L'uso della procaina in forma di soluzione dentale o gocce odontalgiche potrebbe essere sconsigliato durante la gravidanza e l'allattamento, poiché non è noto il grado di assorbimento del principio attivo quando somministrato a livello di denti e bocca. In questi casi, pertanto, si raccomanda di leggere con attenzione il foglietto illustrativo del medicinale che si deve utilizzare e di chiedere informazioni al farmacista o al proprio medico.

Per quanto riguarda la procaina in forma di gocce auricolari e crema cutanea, invece, l'uso durante la gravidanza e l'allattamento al seno dovrebbe essere effettuato solo se assolutamente necessario e solo sotto lo stretto controllo del medico.

In conclusione, nonostante i medicinali a base di procaina attualmente disponibili siano farmaci da banco, le donne in gravidanza e le madri che allattano al seno devono chiedere il parere del proprio medico prima di farne uso.

Controindicazioni

Quando la Procaina Non deve essere Utilizzata

L'utilizzo della procaina è controindicato in caso d'ipersensibilità nota alla stessa procaina e/o ad uno o più dei principi attivi e/o ad uno o più degli eccipienti contenuti all'interno della specialità medicinale che si intende utilizzare.

L'uso di farmaci a base di procaina dovrebbe essere evitato anche in caso di ipersensibilità nota ad altri anestetici locali (ad esempio, bupivacaina).

La procaina in forma di gocce auricolari non deve essere utilizzata in presenza di perforazione timpanica.

Inoltre, in funzione della specialità medicinale utilizzata, anche l'uso nei bambini potrebbe risultare controindicato.

Nota Bene

Per informazioni più approfondite in merito a indicazioni, avvertenze e precauzioni, interazioni, effetti collaterali, uso in gravidanza e durante l'allattamento e controindicazioni dei diversi medicinali a base di procaina, si consiglia di consultare il proprio medico e di leggere con attenzione il foglietto illustrativo della specialità medicinale che si deve utilizzare.

Ilaria Randi

L'autore

Ilaria Randi

Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’Abilitazione alla Professione di Farmacista