Beauty wellness

Smagliature: cosa sono e perché si formano

Smagliature: cosa sono e perché si formano
Ultima modifica 25.01.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Smagliature: cosa sono?
  2. Come si presentano
  3. Smagliature: cause
  4. Cosmetici antismagliature

Smagliature: cosa sono?

Smagliature: compaiono su pancia, fianchi e seno. In alcuni casi, sono un ricordo poco piacevole della gravidanza, altre volte rappresentano la conseguenza di diete dimagranti molto restrittive. Tra gli inestetismi cutanei, le smagliature sono considerate le più difficili da gestire: nonostante siano disponibili cosmetici, trattamenti dermatologici e massaggi specifici, una volta comparsi questi segni sono quasi impossibili da eliminare. Per affrontare correttamente il problema, quindi, è fondamentale la prevenzione.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2024/01/25/smagliature-orig.jpeg Shutterstock

Cosa sono le smagliature?

Le smagliature (o strie distensae) sono atrofie dermo-epidermiche, ossia vere e proprie lesioni lineari che decorrono parallelamente tra loro, dovute alla rottura delle fibre elastiche a livello del derma, lo strato più profondo della pelle.

Questi "strappi" della cute sono si presentano come cicatrici, più o meno sottili, lunghe anche diversi centimetri, ben delimitate e separate da tratti di cute sana.

Le zone di elezione per la loro comparsa sono il seno, le braccia, l'addome, i fianchi, i glutei e le cosce.

Le smagliature colpiscono entrambi i sessi, anche se sono più frequenti nelle donne. Nei soggetti di sesso femminile, inoltre, si riscontra una comparsa precoce, soprattutto in concomitanza con pubertà e gravidanza.

Come si presentano

Smagliature: aspetto e caratteristiche

Le smagliature assumono caratteristiche diverse in base allo stadio evolutivo in cui si trovano:

  • Lunghezza e larghezza rimangono relativamente costanti nel tempo e sono difficilmente generalizzabili (da 1-10 mm di larghezza fino a svariati centimetri di lunghezza), mentre la pigmentazione può variare dall'iniziale rosso-violaceo al bianco brillante tipico dello stadio avanzato.
  • Anche la forma, generalmente lineare, fusata e simmetrica, è variabile, tanto che in non rari casi le smagliature assumono contorni frastagliati ed irregolari. Spesso si raggruppano a coppie o triadi ed il loro decorso segue, in genere, le linee di tensione.
  • Alla palpazione, le smagliature hanno una consistenza flaccida e si lasciano facilmente pinzettare, segno evidente della perdita di elasticità cutanea che sta alla base della loro comparsa.

Colore delle smagliature

  • Striae rubre (fase infiammatoria): all'inizio, le smagliature appaiono come striature rossastre. L'epidermide, infatti, si riduce nello spessore, atrofizzandosi lentamente e lasciando intravedere lo strato sottostante (il derma). In questa prima fase, la comparsa delle smagliature si associa a manifestazioni di carattere infiammatorio. Talvolta, nella sede d'insorgenza della lesione si riscontra una sensazione di tensione e prurito.
  • Striae albae (fase cicatriziale): nel giro di alcuni mesi, l'aspetto eritematoso scompare progressivamente; le linee assumono l'aspetto di lievi depressioni che tendono ad incresparsi lungo l'asse longitudinale. Le smagliature, ora, presentano una sfumatura bianco-perlacea, segno che nella porzione di cute interessata dalla smagliatura il sangue non circola più, proprio come nelle cicatrici. Inoltre, lungo la depressione cutanea la secrezione sebacea si arresta ed i peli si atrofizzano fino a scomparire.

Da ricordare: il colore delle smagliature dipende dalla fase evolutiva: appena formate sono di colore rosso-violaceo ed appena rilevate, per diventare poi, nel giro di qualche mese, bianco perlacee e più sottili.

Smagliature: cause

Perché si formano le smagliature?

Dal punto di vista istologico, le smagliature derivano da un danno connettivale che si verifica a livello del derma, associato a processi infiammatori e cicatriziali.

Molte sono i fattori che concorrono a determinare la comparsa di tale inestetismo. Oltre ad una predisposizione genetica legata ad una scarsa elasticità cutanea, la possibilità che questo inestetismo compaia aumenta in tutte quelle situazioni in cui tessuti vengono sottoposti ad una trazione meccanica eccessiva. Una brusca distensione, infatti, può "stirare" le strutture del derma e favorire la rottura delle fibre elastiche, come accade di fronte a repentine variazioni di peso che sottopongono la pelle ad un forte stress, specie se la cura quotidiana della pelle viene trascurata. Per questo motivo, le smagliature decorrono in linee parallele tra di loro, perpendicolarmente al senso di trazione delle forze che tendono la cute.

L'insorgenza delle smagliature può essere favorita da cambiamenti di peso e volume del corpo tipici della pubertà (la fase dello sviluppo porta a cambiamenti in punti del corpo come fianchi e seno) e della gravidanza (soprattutto livello del basso ventre, a partire dal quarto mese di gestazione). Allo stesso modo, la comparsa dell'inestetismo è favorita dalla distensione dell'addome secondaria a condizioni patologiche quali obesità, ascite e tumori addominali.

Anche le sollecitazioni troppo intense e ripetute che interessano il tessuto sottocutaneo in alcune attività sportive (es. body-building) possono favorire piccole lacerazioni che nel tempo possono evolvere in smagliature.

Smagliature: qual è il ruolo degli ormoni?

Un fattore determinante nella comparsa delle smagliature è rappresentato dalle variazioni ormonali tipiche della gravidanza, della menopausa e della pubertà. In questi periodi, infatti, alcuni ormoni ad alte concentrazioni - in particolare, i corticosteroidi prodotti dalle ghiandole surrenali - riducono la di sintesi dei fibroblasti e inducono l'atrofia di alcuni componenti presenti nel derma, tra cui le fibre elastiche e il collagene che assicurano sostegno e resistenza alla pelle. Il danno si manifesta con cedimenti cutanei in superficie insieme alla comparsa delle antiestetiche smagliature.

Cosmetici antismagliature

La prevenzione è la migliore strategia per evitare l'insorgere delle smagliature. Una volta assunto l'aspetto perlaceo (fase cicatriziale definitiva), infatti, è praticamente impossibile ottenere miglioramenti significativi e visibili con prodotti cosmetici.

Prima che si formino

La strategia cosmetica per prevenire le smagliature deve essere messa in pratica soprattutto nelle fasi "critiche" (come pubertà e inizio della gravidanza) e nei periodi di oscillazione di peso.

I cosmetici specifici antismagliature sono pensati per agire in modo mirato sull'elasticità e sulla compattezza della pelle. Ecco perché vanno usati quando le smagliature non si sono ancora formate, con l'obiettivo di contrastarne la comparsa.

La routine di bellezza deve prevedere, quindi, l'applicazione quotidiana dei prodotti cosmetici. A giorni alterni, questa pratica può essere preceduta da un'esfoliazione leggera che consenta di eliminare le cellule devitalizzate e le impurità, oltre a stimolare la pelle e renderla più ricettiva al trattamento.

Quando sono appena comparse

Se è già comparsa qualche smagliatura ed è ancora di colore rosso, è importante intervenire nella primissima fase infiammatoria, scegliendo prodotti cosmetici ad azione intensiva. Questi trattamenti sono grado di stimolare la rigenerazione di collagene ed elastina, quindi limitare l'evoluzione degli inestetismi esistenti e renderli meno evidenti. Per attenuare e contrastare le smagliature appena formate, è importante che la costanza nell'applicazione del trattamento non venga meno. Il prodotto va applicato mattina e sera, massaggiando il prodotto trasversalmente rispetto le linee cutanee, fino al completo assorbimento.

Altri articoli su 'Smagliature'

  1. Trattamento delle Smagliature
  2. Prevenzione delle Smagliature
CONDIVIDI:

Autore

Dott.ssa Giulia Bertelli

Dott.ssa Giulia Bertelli

Biotecnologa Medico-Farmaceutica
Laureata in Biotecnologie Medico-Farmaceutiche, ha prestato attività lavorativa in qualità di Addetto alla Ricerca e Sviluppo in aziende di Integratori Alimentari e Alimenti Dietetici