Retto dell'addome
Ultima modifica 20.10.2020
INDICE
  1. Generalità
  2. Cos'è
  3. Anatomia
  4. Funzione
  5. Significato Clinico
  6. Allenamento

Generalità

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2020/10/19/retto-addominale-orig.jpeg Shutterstock

Il retto addominale è il muscolo più rappresentativo della parete addominale anteriore.
Lungo e superficiale, questo muscolo è un elemento anatomico pari, che si estende in verticale al centro dell'addome, ai lati della linea alba.
Il retto addominale origina a livello della cresta pubica e s'inserisce sul processo xifoideo dello sterno e sulle cartilagini costali della 5a, della 6a e della 7a costa.
A caratterizzare l'anatomia del retto addominale è la presenza, sulla sua superficie anteriore, di alcune strisce di tessuto connettivo orizzontali che, incrociandosi con la linea alba, dividono il muscolo stesso in vari compartimenti quadrangolari; nelle persone in forma e con una ridotta percentuale di tessuto adiposo, questi compartimenti quadrangolari sono ben visibili esternamente e costituiscono quello che gli amanti della palestra chiamano six pack (o tartaruga addominale).
Le funzioni del retto addominale vanno ben oltre il semplice aspetto estetico: tale muscolo, infatti, contribuisce a contenere gli organi dell'addome, flettere il tronco in avanti, stabilizzare il bacino e controllare i movimenti della colonna vertebrale; inoltre, interviene nel meccanismo di innalzamento della pressione intra-addominale ed è implicato nell'espirazione forzata.

Cos'è

Retto Addominale: Cos’è?

Il muscolo retto dell'addome, o semplicemente retto addominale, è il più importante muscolo della parete addominale antero-laterale.

Il retto addominale è noto soprattutto a chi è dedito all'allenamento in palestra, in quanto è il muscolo target per l'ambita tartaruga addominale o, in termini anglosassoni, six pack.

Origini e Inserzioni dei Muscoli: un breve ripasso

muscoli del corpo umano presentano sempre due estremità: un'estremità chiamata prossimale, che corrisponde alla loro origine, e un'estremità denominata distale, che corrisponde alla loro inserzione terminale (o semplicemente inserzione).
In corrispondenza delle suddette estremità, tutti i muscoli presentano uno o più tendini, i quali sono le bande di tessuto connettivo fibroso deputate alla loro connessione all'apparato scheletrico (ossia alle ossa).

Anatomia

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2020/10/19/retto-addominale-anatomia-orig.jpeg Shutterstock

Il retto addominale è un muscolo pari, lungo e superficiale, che si estende in verticale, al centro dell'addome, disponendosi ai lati della cosiddetta linea alba.

La linea alba è una sottile banda di tessuto connettivo che percorre verticalmente la porzione mediana dell'addome, dallo sterno alle ossa del bacino.

La superficie del retto addominale si caratterizza per la presenza di strisce di tessuto connettivo a decorso orizzontale, chiamate più propriamente intersezioni tendinee; quest'ultime, incrociandosi con la linea alba, suddividono il muscolo stesso in più compartimenti di forma quadrangolare.
I compartimenti risultanti dalla presenza delle intersezioni tendinee sono visibili anche sulle cute esterna nelle persone particolarmente in forma e con una bassa percentuale di tessuto adiposo; in genere, in questi soggetti, se ne riescono a contare da quattro ad anche dieci.

Assieme al muscolo piramidale (un altro elemento muscolare della parete laddominale antero-laterale), il muscolo retto dell'addome è racchiuso all'interno di una guaina di rivestimento, denominata guaina del muscolo retto; la guaina del muscolo retto è una derivazione delle tre aponeurosi che coprono i muscoli trasverso dell'addome, obliquo esterno dell'addome e obliquo interno dell'addome (l'aponeurosi è una sottile fascia fibrosa che ricopre i muscoli e contribuisce alla loro inserzione ossea a livello tendineo).

Mediamente, in termini di spessore, il muscolo retto addominale misura 10 millimetri; in alcune categorie di atleti, però, può raggiungere anche i 20 millimetri.

Lo sapevi che...

L'aspetto a guscio di tartaruga che caratterizza il muscolo retto dell'addome e che si può notare nelle persone particolarmente in forma (six pack) dipende dalla presenza delle intersezioni tendinee che incrociano la linea alba.

Muscolo Retto Addominale: Dove si Trova?

Il muscolo retto dell'addome si estende verticalmente lungo la porzione mediale della parete addominale antero-laterale.

Rispetto alla linea alba (la linea che percorre in verticale la porzione mediana dell'addome), il retto addominale si trova in posizione appena laterale.

È interessante segnalare la posizione delle tre principali (e maggiormente visibili) intersezioni tendinee: una transita all'altezza dell'ombelico; un'altra allo stesso livello del processo xifoideo dello sterno; l'ultima tra le due precedenti.

Confini e Relazioni del Retto Addominale

A definire i limiti del retto addominale sono:

  • La linea alba e il muscolo retto dell'addome controlaterale, in posizione mediale;
  • La linea semilunare, in posizione laterale. La linea semilunare è una striscia di tessuto connettivo molto simile alle intersezioni tendinee, che funge da elemento di separazione tra il retto dell'addome e i muscoli obliquo interno e obliquo esterno dell'addome;
  • La cresta pubica, inferiormente;
  • Il processo xifoideo e le cartilagini costali dalla 5a alla 7a, superiormente.

Retto Addominale: Origine

Il tendine d'origine del retto addominale risiede sulla cresta pubica del bacino.

Retto Addominale: Decorso delle Fibre Muscolari

A partire dalla loro origine, le fibre muscolari del retto addominale si sviluppano verso l'alto, con orientamento longitudinale, proiettandosi verso losterno e la gabbia toracica, dove risiede il punto di aggancio per l'inserzione terminale del muscolo.

Retto Addominale: Inserzione

L'inserzione terminale del retto addominale si distribuisce tra il processo xifoideo dello sterno e le cartilagini costali della 5a, della 6a e della 7a costa.

Retto Addominale: Innervazione

L'innervazione del muscolo retto dell'addome spetta ai nervi toraco-addominali che derivano dai nervi intercostali T7, T8, T9, T10 e T11.

Retto Addominale: Irrorazione

L'apporto di sangue ossigenato al retto addominale dipende, principalmente, dall'arteria epigastrica inferiore e dall'arteria epigastrica superiore, e, soltanto marginalmente, dalle ultime sei arterie intercostali.

Retto Addominale: Varianti

In alcuni individui, a livello del petto è presente un ulteriore muscolo oltre a quelli canonici pettorale maggiore, pettorale minore, dentato anteriore e succlavio: si tratta del cosiddetto muscolo sternale.

Quando presente, il muscolo sternale può essere una variante anatomica del pettorale maggiore o del retto addominale.
Nelle persone in cui è una variante del retto dell'addome si collega a questo a livello del processo xifoideo.

Funzione

A Cosa Serve il Retto Addominale: le Funzioni

Assieme agli altri muscoli addominali, il retto addominale partecipa al contenimento degli organi dell'addome.

Esso, poi, contribuisce al movimento del tronco, agendo da flessore anteriore della colonna vertebrale (piega il rachide in avanti); è implicato nell'espirazione forzata, in quanto ha capacità di abbassare le costole; interviene nell'aumentare la pressione intra-addominale, durante, per esempio, circostanze come la defecazione, il sollevamento di pesi o il parto.

Il retto addominale, infine, ha anche un ruolo posturale e nella cosiddetta core stability: esso, infatti, concorre alla stabilità del bacino e della colonna vertebrale (preservandola da movimenti pericolosi), durante la camminata, la corsa ecc.

Aumento della pressione intra-addominale: a cosa serve?

L'aumento della pressione intra-addominale garantito dal muscolo retto addominale e da altri muscoli addominali è un meccanismo fisiologico di supporto alla postura e alla decompressione della colonna vertebrale, la quale in questo modo risulta alleggerita di carichi che potrebbero pregiudicarne la salute.

Per approfondire: Muscoli Addominali: Anatomia e Funzione

Significato Clinico

Infortunio del Retto Addominale

Gli infortuni del retto addominale, quali strappi o stiramenti, sono eventi rari, tuttavia possibili.
Le persone colpite maggiormente da tali problematiche sono gli sportivi professionisti, in particolare i tennisti, i ginnasti e coloro che praticano salto con l'asta.

Gli infortuni al retto dell'addome provocano dolore acuto, che peggiora se il paziente contrae il muscolo; inoltre, si caratterizzano per una sensazione di indolenzimento locale.  

Per recuperare da un infortunio al retto addominale, è fondamentale stare a riposo fino alla scomparsa del dolore; l'assenza di dolore, infatti, è il principale indicatore delle guarigione delle fibre muscolari lesionate.
I tempi di recupero da un infortunio del retto dell'addominale si aggirano, in genere, attorno alle due o tre settimane; in casi severi, però, potrebbero allungarsi in modo non trascurabile.

Retto Addominale e Diastasi Addominale

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2020/10/19/retto-addominale-significato-clinico-orig.jpeg Shutterstock

In medicina, l'espressione "diastasi addominale" identifica la separazione dei retti addominali a livello della linea alba.
La diastasi addominale è una condizione che interessa soprattutto i neonati e le donne incinte; nei neonati, si deve a uno scarso sviluppo dei retti addominali, tale per cui questi non risultano ben saldati a livello della linea alba; nelle donne incinte, invece, è dovuta al feto in accrescimento che spinge sulla parete interna del retto addominale.

Per approfondire: Diastasi Addominale: Cos'è, Cause, Sintomi e Rimedi

Retto dell’Addome ed Ernia Addominale

L'ernia addominale è la fuoriuscita di un viscere contenuto nell'addome.

In genere, all'origine dell'ernia addominale c'è un cedimento della parete muscolare anteriore dell'addome, parete di cui il retto addominale è uno dei principali rappresentanti.

Esistono vari tipi di ernia addominale; tra questi si segnalano:

Per approfondire: Ernia Addominale: Definizione e Tipologie

Allenamento

Al di là dei risvolti estetici, l'allenamento e il conseguente rinforzo del retto addominale e degli altri muscoli dell'addome ha un ruolo chiave nel preservare la salute della colonna vertebrale (quindi la schiena) e nel migliorare l'assetto posturale; questi muscoli, infatti, contribuiscono al controllo motorio e alla stabilità di tronco, bacino e colonna vertebrale, durante i movimenti del corpo.

Esercizi per il Retto Addominale

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2020/10/19/retto-addominale-allenamento-orig.jpeg Shutterstock

In palestra, gli esercizi migliori per allenare il retto addominale sono:

  • Il crunch e le sue innumerevoli varianti;
  • Il sit up e le sue diverse varianti;
  • Il plank, il side plank e le loro diverse varianti (N.B: il side plank è un esercizio ideale per l'allenamento degli addominali obliqui e del muscolo trasverso dell'addome; il coinvolgimento del retto addominale è minore);
  • Il leg raise e le sue varianti.

Si ricorda ai lettori che per ottenere un retto addominale visivamente evidente l'allenamento non basta: occorre, infatti, curare la dieta.

Per approfondire: I Migliori Esercizi per gli Addominali Per approfondire: Addominali Scolpiti: Come Ottenerli?

Autore

Dott. Antonio Griguolo
Laureato in Scienze Biomolecolari e Cellulari, ha conseguito un Master specialistico in Giornalismo e Comunicazione istituzionale della scienza