Che cos'è il diaframma e che funzione svolge?

Che cos'è il diaframma e che funzione svolge?
Ultima modifica 04.06.2024
INDICE
  1. Com’è fatto il diaframma?
  2. Come funziona il diaframma?
  3. Malattie del diaframma
  4. Importanza del diaframma nell'allenamento della forza
  5. Respirazione diaframmatica

Il diaframma toracico, o semplicemente il diaframma (greco antico: διάφραγμα, romanizzato: diáphragma, letteralmente traducibile come "partizione"), è un muscolo scheletrico appiattito, con forma a cupola (in sezione, sembra una "C con la gobba verso l'alto"), posizionato internamente tra la cavità toracica e quella addominale, presente sia nell'uomo che in altri mammiferi.

Negli esseri umani, il diaframma è leggermente asimmetrico: la sua metà destra è più alta rispetto alla sinistra, quale adattamento all'ingombro del fegato (destra) e alla posizione del cuore (centro-sinistra).

Il diaframma è il muscolo più importante della respirazione polmonare, ed ha principalmente mansione inspiratoria. Quando si contrae crea una pressione negativa e il volume della cavità toracica aumenta.

Dal punto di vista cito- e istologico, il diaframma si caratterizza per la spiccata tendenza al metabolismo aerobico, proprietà resa possibile dall'elevata densità mitocondriale e dal vasto letto capillare. Ciò si rende estremamente utile alla sua funzione, poiché viene attivato ad ogni atto respiratorio nel corso della vita (dalle 16 alle 20 al minuto).

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/03/13/diaramma-orig.jpeg Shutterstock

Com’è fatto il diaframma?

La superficie superiore della "C" diaframmatica denota il pavimento della cavità toracica, mentre la superficie inferiore il tetto della cavità addominale.

Il diaframma si inserisce su varie strutture che compongono la parete addominale e quella toracica. Le fibre muscolari di queste inserzioni possono essere suddivise in tendini vertebralicostalisternali e centrali, e convergono in un tendine centrale, che forma la cresta della cupola.

La parte vertebrale del diaframma origina dalla crura e dai legamenti arcuati.

I crus destri derivano dai corpi vertebrali L1-L3 e dai loro dischi intervertebrali.

I crus di sinistra sono più piccoli, derivano dai corpi vertebrali L1, L2 e dai loro dischi intervertebrali.

Il legamento arcuato mediale nasce dall'ispessimento della fascia tra L2 e L1, attraversando il corpo del muscolo grande psoas.

Il legamento arcuato laterale origina dal processo trasverso delle vertebre L1 ed è attaccato lateralmente alla dodicesima costola. Il legamento arcuato laterale deriva anche dall'ispessimento della fascia che copre il muscolo quadrato dei lombi.

Il legamento arcuato mediano origina dalle parti fibrose della crura destra e sinistra, passando dietro l'aorta toracica discendente.

Nessun muscolo diaframmatico origina dal legamento arcuato mediano.

Entrambe le ghiandole surrenali si trovano vicino alla crus diaframmatica e al legamento arcuato.

La parte costale del diaframma origina dalle quattro costole inferiori (da 7 a 10) delle cartilagini costali.

Il tendine centrale del diaframma è un'aponeurosi sottile ma forte, e si trova vicino al centro del muscolo, più vicino alla parte anteriore che alla parte posteriore del torace. La parte centrale del tendine è attaccata sopra al pericardio.

Entrambi i lati delle fibre posteriori sono attaccati alla curvatura delle costole, subito prima dei corpi vertebrali.

Aperture diaframmatiche

Nel diaframma si trova una serie di aperture attraverso le quali passano le strutture poste tra il torace e l'addome. Ci sono tre grandi aperture:

  • una per l'aorta;
  • una per l'esofago;
  • una per la vena cava inferiore (l'apertura cavale);

più una serie di aperture inferiori più piccole.

La vena cava inferiore passa attraverso l'apertura cavale, un'apertura quadrilatera sita in prossimità della giunzione dei lembi destro e medio del tendine centrale; i margini sono tendinei.

L'apertura si dilata ogni volta che si verifica un'ispirazione, consentendo un maggior ritorno di sangue al cuore. L'aorta non perfora il diaframma ma passa dietro di esso, tra il crus sinistro e quello destro.

Le altre strutture che passano attraverso il diaframma sono:

  • nervo frenico sinistro, attraverso il tendine centrale;
  • nervi splancnico maggiore, minore e toracico inferiore, attraverso la crura bilaterale;
  • vasi linfatici, che penetrano in tutto il diaframma, specialmente dietro il diaframma.

Innervazione del diaframma

Il diaframma è innervato principalmente dal nervo frenico, che è formato dai nervi cervicali C3, C4 e C5. Mentre la porzione centrale del diaframma invia afferenze sensoriali attraverso il nervo frenico, le porzioni periferiche del diaframma inviano afferenze sensoriali attraverso i nervi intercostali (T5-T11) e subcostali (T12).

Irrorazione sanguigna del diaframma

Il diaframma riceve e cede sangue tramite le arterie e le vene superiori e inferiori.

Il diaframma riceve sangue:

  • dai rami delle arterie toraciche interne, vale a dire l'arteria pericardiacofrenica e l'arteria muscolofrenica;
  • dalle arterie freniche superiori, che originano direttamente dall'aorta toracica;
  • dalle arterie intercostali interne inferiori;
  • dalle arterie freniche inferiori.

Il diaframma riversa il sangue:

  • nelle vene brachiocefaliche;
  • nelle vene azygos;
  • nelle vene che drenano nella vena cava inferiore;
  • nella vena surrenale sinistra.

Variazioni del diaframma

Alcune anomalie del diaframma comprendono:

  • mancata porzione sternale del muscolo;
  • difetti nella parte laterale del tendine centrale o delle fibre muscolari adiacenti.

Come funziona il diaframma?

Il diaframma è il principale muscolo inspiratorio.

Durante l'inspirazione, il diaframma si contrae e si abbassaaumentando il volume della cavità toracica e riducendo la pressione intratoracica (partecipano anche i muscoli intercostali esterni), ed espandendo i polmoni.

Il processo avviene in due diverse modalità:

  • Quando il tendine centrale è mobile e le coste inferiori stabili, la contrazione del diaframma porta il tendine centrale verso l'inserzione e spinge la cavità inferiore verso il bacino. Questo processo è chiamato respirazione diaframmatica o addominale;
  • Quando il tendine centrale è stabilizzato e le costole inferiori sono mobili, la contrazione solleva le costole verso il tendine centrale, lavorando in sinergia ad altri muscoli per consentire alla cavità toracica di espandersi lateralmente e verso l'alto.

Al rilassamento del diaframma (ritorno verso l'alto), l'aria viene espirata dal processo passivo elastico del polmone e dei tessuti che rivestono la cavità toracica. Coadiuvando questa funzione con l'azione dei muscoli intercostali internimuscoli addominali si ottiene un'azione antagonista di espirazione forzata.

Il diaframma è coinvolto anche nelle funzioni non respiratorie.

  • aiuta ad espellere il vomito, le feci e l'urina dal corpo aumentando la pressione intra-addominale;
  • favorisce il parto;
  • previene il reflusso acido esercitando pressione sull'esofago nello iato esofageo.

Malattie del diaframma

Paralisi

Se il nervo frenico, il rachide cervicale o il tronco cerebrale rimangono danneggiati, si interrompe l'innervazione del diaframma.

Il danno più comune al nervo frenico è dovuto al cancro bronchiale, che di solito colpisce solo un lato del diaframma. Altre cause includono la sindrome di Guillain-Barré e il lupus eritematoso sistemico.

Ernia

L'ernia iatale, comune negli adulti, consiste nel passaggio di alcune parti dell'esofago inferiore o dello stomaco - che normalmente si trovano nell'addome - attraverso il diaframma nel torace.

L'ernia iatale è implicata nello sviluppo della malattia da reflusso gastro-esofageo (GERD), poiché tende ad annullare l'angolo tra il cardias dello stomaco e l'esofago. Tuttavia, non tutte le ernie iatali causano sintomi, sebbene quasi tutte le persone con esofago di Barrett o esofagite abbiano un'ernia iatale.

Le ernie possono anche verificarsi a causa di una malformazione congenita.

Importanza del diaframma nell'allenamento della forza

Durante l'esercizio fisico avviene una respirazione più profonda, per facilitare un maggiore assorbimento di ossigeno.

Durante questo processo, il diaframma adotta una posizione più bassa all'interno del nucleo corporeo.

Oltre al suo ruolo primario, il diaframma svolge anche un ruolo secondario di rafforzamento posturale del core. Ciò è particolarmente evidente durante la respirazione profonda, quando la sua posizione aumenta la pressione intra-addominalestabilizzando la colonna lombare.

La chiave per una reale stabilizzazione del core è mantenere un'aumentata pressione addominale durante i normali cicli respiratori. Il diaframma svolge quindi la sua funzione in una posizione più bassa.

Pertanto, se la posizione del diaframma è più bassa, respirando profondamente, l'intero nucleo rimane più compatto. Questo può essere di grande aiuto nell'allenamento della forza e in altre forme di sforzo. Ecco perché si consiglia di fare un respiro profondo o adottare una respirazione più profonda prima di qualsiasi alzata o sollevamento.

Respirazione diaframmatica

Nonostante il diaframma sia il principale muscolo inspiratorio, molto spesso non viene attivato correttamente. Questo accade soprattutto come conseguenza di scorrette abitudini legate allo stile di vita moderno e a vari fattori di stress.

Respirare prevalentemente con la porzione superiore, ovvero con il medio-alto torace, ha come diretta conseguenza una sorta di "blocco inspiratorio" o di "solo parziale respirazione".

Questo atteggiamento non è positivo, perché tende ad innescare tensioni e rigidità che, alla lunga, influiscono negativamente sulla postura e sulla salute muscolare e osteo-articolare.

Ciò è dovuto all'eccessiva attivazione di alcuni muscoli inspiratori secondari: sternocleidomastoideo, scaleni, piccolo e grande pettorale, gran dentatogran dorsale, elevatore della scapola e trapezio. Poiché la maggior parte di questi muscoli si inserisce sul collo, si potranno accusare cervicalgie e dolori diffusi a livello circostante. Questi  muscoli, che al lato pratico dovrebbero intervenire solo in caso di sforzi fisici, entrano in gioco praticamente sempre a causa di una scorretto stile di vita.

Non solo; il diaframma ha un'importante e positiva influenza vascolarenervosa e viscerale.

Come insegnano alcune filosofie e discipline orientali, l'uso adeguato del diaframma promuove una serie di effetti positivi che, in termini "moderni", possono essere così riassunti:

Come imparare ad usare il diaframma?

E' sufficiente ritagliare dieci minuti nella giornata per imparare ad usare correttamente il muscolo diaframmatico.

Iniziamo col precisare che l'uso del diaframma non può prescindere da una corretta propriocezione ed attivazione dell'intero cingolo addominale. Pertanto, anche se l'esercizio che illustreremo è più o meno alla portata di tutti, una "respirazione consapevole" richiede qualche "sforzo in più" (si fa per dire).

Questo perché abbassare ripetutamente (nella giornata) e forzatamente (con molta intensità) il diaframma, senza avere il controllo della cintura addominale (muscoli trasversi, obliqui e retti, oltre al pavimento pelvico ecc.), potrebbe anche avere ripercussioni "discutibili", come la protrusione dell'addome e un leggero scompenso posturale di iperlordosi.

Torniamo al nostro esercizio che, se fatto per pochi minuti, anche quotidianamente, non ha alcun effetto collaterale:

  1. Sdraiatevi supini, gambe piegate, rilassatevi e cominciate a respirare lentamente e profondamente;
  2. Mettete una mano sulla pancia e una sul petto - l'utilizzo delle due mani serve per prendere coscienza del movimento e capire se state lavorando con la pancia o se state facendo intervenire le coste durante la respirazione;
  3. Cercate di inspirare con il naso gonfiando solo la pancia, lasciando fermo il torace;
  4. Espirate con la bocca aperta, lasciando che la pancia si sgonfi da sola;
  5. Ripetere per almeno 150 volte (o 10 minuti consecutivi).

Bibbliografia

  • mslimb-012—Embryo Images at University of North Carolina
  • Campbell, Neil A. (2009). Biology: Australian Version (8th ed.). Sydney: Pearson/Benjamin Cumings. p. 334.
  • Spencer's pathology of the lung (5th ed.). New York: McGraw-Hill. 1996. p. 1. ISBN 0071054480.
  • "Medical Illustrations and Animations, Health and Science Stock Images and Videos, Royalty Free Licensing at Alila Medical Media".
  • Arráez-Aybar, Luis-Alfonso; Bueno-López, José-L.; Raio, Nicolas (March 2015). "Toledo School of Translators and their influence on anatomical terminology". Annals of Anatomy - Anatomischer Anzeiger. 198: 21–33.
  • Drake, Richard L.; Vogl, Wayne; Tibbitts, Adam W.M. Mitchell; illustrations by Richard; Richardson, Paul (2005). Gray's anatomy for students. Philadelphia: Elsevier/Churchill Livingstone. pp. 134–135.
  • Ryan, Stephanie (2011). "Chapter 3". Anatomy for diagnostic imaging (Third ed.). Elsevier Ltd. p. 117.
  • Moore, Keith (2014). Clinically Oriented Anatomy (7 ed.). Baltimore: Walters Kluwer. p. 306.
  • Perrier, Nancy Dugal; Boger, Michael Sean (5 December 2005). "2: Surgical Anatomy". Adrenal Glands: Diagnostic Aspects and Surgical Therapy (PDF). Springer Science & Business Media. Archived from the original (PDF) on 3 March 2022. Retrieved 3 March 2022.
  • Nason, Laura K.; Walker, Christopher M.; McNeeley, Michael F.; Burivong, Wanaporn; Fligner, Corinne L.; Godwin, J. David (March 2012). "Imaging of the Diaphragm: Anatomy and Function". RadioGraphics. 32 (2): E51–E70.
  • Mazumdar, M.D. "Stage II Of Normal Labour". Gynaeonline. Retrieved June 12, 2018.
  • Nicki R. Colledge; Brian R. Walker; Stuart H. Ralston, eds. (2010). Davidson's principles and practice of medicine (21st ed.). Edinburgh: Churchill Livingstone/Elsevier. pp. 644, 658–659, 864.
  • Hay, William W., ed. (2011). Current diagnosis & treatment: pediatrics (20th ed.). New York: McGraw-Hill Medical. p. 602.
  • Chandrasekharan, Praveen Kumar; Rawat, Munmun; Madappa, Rajeshwari; Rothstein, David H.; Lakshminrusimha, Satyan (2017-03-11). "Congenital Diaphragmatic hernia – a review". Maternal Health, Neonatology and Perinatology. 3:6.
  • Nguyen, L; Guttman, F M; De Chadarévian, J P; Beardmore, H E; Karn, G M; Owen, H F; Murphy, D R (December 1983). "The mortality of congenital diaphragmatic hernia. Is total pulmonary mass inadequate, no matter what?". Annals of Surgery. 198 (6): 766–770.
  • "Diaphragm function for core stability" Hans Lindgren DC".

Autore

Dott. Riccardo Borgacci

Dott. Riccardo Borgacci

Dietista e Scienziato Motorio
Laureato in Scienze motorie e in Dietistica, esercita in libera professione attività di tipo ambulatoriale come dietista e personal trainer