Donuts non fritti

Avete visto Homer…mi sta inseguendo e adesso non so più cosa fare. Perché dovete spere che gli ho rubato i donuts, le sue ciambelle preferite e me le sono mangiate tutte. Che disastro! Va beh, errore mio: adesso devo rimediare. Vi va di farmi compagnia e di prepararle insieme a me? Così poi gliele restituisco e mi faccio perdonare. Però, insomma, visto che Homer è un po' cicciottello, non dovrebbe mangiare tutti quei donuts fritti. Quindi io glieli restituirò al forno, così magari si snellisce un po'!


Carta di Identità della Ricetta

DIFFICOLTÀ: abbastanza facile

PER QUANTE PERSONE: 10 persone

COSTO: basso

CALORIE PER 100 GRAMMI: 352,00 KCal

TEMPO DI PREPARAZIONE:

NOTE: 15 minuti per l’impasto; 40 minuti per la prima lievitazione; 2 ore per la seconda lievitazione; 40 minuti per la terza lievitazione; 15 minuti per la cottura; 15 minuti per la glassatura


154 CommentiClicca per leggerli

Categoria Ricetta

Categoria Ricetta: Ricette dietetiche Light / Ricette per le Festività / Ricette di Carnevale / Pane, Pizza e Brioche / Donuts non fritti

Ingredienti

Per la glassa al cioccolato

Per il lievitino

Per la glassa colorata

Per l'impasto principale

Materiale occorrente

  • Ciotolina per il lievitino
  • Ciotola capiente per la lievitazione
  • Spianatoia
  • Matterello
  • Stampi rotondi da 7 cm e da 3 cm per la preparazione delle ciambelle
  • Piastre da forno
  • Carta da forno (utile anche per far asciugare le ciambelline glassate)
  • Pentolini per preparare la glassa
  • Cucchiaini

Preparazione

Per preparare i donuts è necessario ritagliarsi un bel po' di tempo da dedicare: per ottenere un ottimo risultato, sono infatti necessarie tre lunghe lievitazioni, seguite poi dalla fase finale di glassatura.

  1. PREPARAZIONE DEL LIEVITINO

Per prima cosa, preparare il lievitino. Sciogliere il lievito di birra in poco latte intiepidito ed addolcito con un cucchiaino di zucchero. Versare il liquido nella farina ed amalgamare per bene il tutto fino a formare una pallina compatta, elastica e lucida. Si consiglia di lavorare l'impasto a lungo per ottenere un miglior prodotto finale e facilitare la formazione del glutine, che renderà le ciambelline molto morbide. Lasciar lievitare il lievitino in un posto tiepido per circa 40-50 minuti, fino a quando la pallina avrà raddoppiato il suo volume.

  1. PREPARAZIONE DELL'IMPASTO PRINCIPALE

Trascorso il tempo necessario alla prima lievitazione, iniziare a preparare l'impasto principale. In una ciotola, unire la farina, il latte intiepidito, il burro sciolto, il tuorlo d'uovo, lo zucchero ed il sale. Dopo aver amalgamato in modo grossolano gli ingredienti, aggiungere il lievitino, che nel frattempo si sarà gonfiato moltissimo.
Lavorare l'impasto a lungo, fino ad ottenere un composto estremamente elastico e compatto. Lasciar riposare il tutto, in un ambiente tiepido, per circa 1.5-2 ore.

Luogo ideale per la lievitazione
Gli impasti con il lievito di birra lievitano bene e più facilmente se lasciati riposare in un ambiente tiepido-umido. A tale scopo, si consiglia di riporre la ciotola con l'impasto vicino ad un termosifone oppure in forno precedentemente intiepidito.

  1. PREPARAZIONE DELLE CIAMBELLE

Spolverizzare la spianatoia con pochissima farina, in modo che l'impasto non s'incolli al piano di lavoro. Dopo 2 ore, la pasta sarà diventata molto gonfia e soffice. A questo punto, stendere e spianare la pasta sulla spianatoia infarinata - prima con le mani, poi con il matterello - fino a formare un disco dallo spessore di circa 9-10 mm. Con uno stampo rotondo dal diametro di 7 cm, realizzare tanti dischetti. Nella parre centrale di ogni disco, verrà poi realizzato un cerchio più piccolo (diametro 3 cm), che sarà il buco della ciambellina.
Disporre dunque tutte le ciambelline in due o tre piastre da forno foderate con la carta oleata, mantenendole comunque ben distanziate tra loro in modo che queste non si appiccichino durante la successiva lievitazione.
Lasciar dunque lievitare le ciambelline per 30-40 minuti.

Con i ritagli di pasta…
Tagliando la pasta a forma di ciambella è inevitabile che rimangano dei ritagli: non buttateli! Si possono comunque reimpastare, anche se sarà un po' più difficile stenderli e formare un disco di pasta liscio. Anche i piccoli dischetti centrali, che vengono rimossi per formare il buco della ciambella, possono essere recuperati e cucinati insieme ai donuts: poi si possono ricoprire con la glassa formando dei bocconcini golosi!

  1. COTTURA

Quando le ciambelle si saranno gonfiate, è arrivato il momento di cuocerle i forno (la novità della ricetta sta proprio nella cottura! I donuts, infatti, verranno cucinati al forno e NON FRITTI!). Si consiglia di infornarle quando il forno ha già raggiunto la temperatura di 180°C: cuocere dunque per 12-15 minuti.

  1. GLASSATURA

Dopo la cottura, lasciar intiepidire le ciambelle per una decina di minuti. Nel frattempo preparare le glasse. Per la glassa colorata: sciogliere il latte ed il burro in un pentolino. Versare il liquido ottenuto nello zucchero e velo, ed aggiungere poche gocce di colorante. A questo punto, intingere la ciambella nella glassa, lasciarla gocciolare qualche istante, poi decorare a piacere con codette, granella di zucchero od altro.
Per la glassa al cioccolato bianco/fondente: sciogliere il latte, il cioccolato bianco/fondente ed il burro in un pentolino. Versare la crema nello zucchero a velo, dunque Intingere le ciambelle come spiegato sopra.
Prima di servire, lasciar riposare i donuts per far in modo che la glassa si rapprenda.

Consiglio…
Per spunti interessanti sulle decorazione dei donuts, si consiglia di far riferimento al video.



Il commento di Alice - PersonalCooker

Irresistibili Donuts!! Chissà se mi sono fatta perdonare da Mr. Homer: beh, con un risultato così sono certa che chiuderà un occhio per il piccolo furto di prima. Buona merenda a tutti!

Valori nutrizionali e Commento Salutistico sulla ricetta

I Donuts sono ciambelle americane ma, contrariamente alla ricetta d'oltreoceano, quelli di Alice NON sono fritti! Ciò nonostante, i Donuts rappresentano un alimento fortemente calorico e ricco di acidi grassi saturi, di colesterolo e di saccarosio, il che li rende inadatti al consumo in caso di sovrappeso e/o malattie del metabolismo. Per gli altri, il consumo “una tantum” dovrebbe comunque limitarsi a 60-70g per volta e possibilmente lontano dai pasti principali.



VALORI NUTRIZIONALI (100 g)

Calorie: 352 Kcal

Carboidrati: 55.30 g

Proteine: 9.00 g

Grassi: 11.80 g

di cui saturi: 6.30g
di cui monoinsaturi: 4.10g
di cui polinsaturi: 1.40 g

Colesterolo: 256.40 mg

Fibre: 2.00 g



Commenti da Youtube

Ricette correlate