Ciambella di Pasqua - Scarcedda

Oggi vorrei rinnovare la festività Pasquale con un dolce caratteristico della Basilicata e del Sud Italia: vi propongo una ciambella tipica, nota con il nome “Scarcedda”. Si tratta di un dolce rituale preparato con un numero dispari di uova, variabile da 1 a 21 che, secondo la tradizione, viene dato in dono ai bambini e ai fidanzati nel giorno della Santa Pasqua.


Carta di Identità della Ricetta

DIFFICOLTÀ: facile

PER QUANTE PERSONE: 8 persone

COSTO: basso

CALORIE PER 100 GRAMMI: 309,00 KCal

TEMPO DI PREPARAZIONE:

NOTE: 15 minuti per la preparazione; 30 minuti per la cottura; 30 minuti di riposo

Categoria Ricetta

Categoria Ricetta: Ricette Pasquali / Ricette Regionali / Ricette per Vegetariani / Dolci e Dessert / Ciambella di Pasqua – Scarcedda

Ingredienti

Per l'impasto

Per pennellare

Per decorare

Materiale occorrente

  • Ciotola
  • Bilancina pesa alimenti
  • Teglia da forno
  • Carta da forno
  • Grattugia per il limone
  • Setaccio
  • Pennello
  • Ciotolina

Preparazione

  1. Setacciare la farina bianca in una ciotola. Unire il lievito, lo zucchero ed il sale.
  2. Aromatizzare le polveri con la scorza grattugiata di un limone bio.

L'idea giusta
Personalizzando il dolce, è possibile sostituire la scorza di limone con del limoncello (meglio se fatto in casa).

  1. Sgusciare le uova e dividere i tuorli dagli albumi. Unire i tuorli al mix di farina, insieme al latte e all'olio di semi.

Lo sapevi che…
In molte ricette della Scarcedda si consiglia l'utilizzo dell'olio d'oliva. Qui viene invece consigliato l'impiego dell'olio di semi perché più delicato. Ognuno può scegliere se utilizzare un olio dal sapore più importante (es. olio d'oliva) oppure un olio di semi.

  1. Mescolare per bene il tutto con le mani fino ad ottenere un impasto sodo, ma non appiccicoso (la consistenza è simile a quella di una pasta frolla). Avvolgere il panetto nella pellicola trasparente e lasciar riposare 30 minuti.
  2. Dopo mezz'ora, riprendere la pasta ed ottenere 3 pezzi uguali (dal peso approssimativo di 250-260 g) ed uno più piccolo (circa 50 g).
  3. Lavorare ora i 3 pezzi più grandi. Con le mani, ottenere 3 cordoncini lunghi circa 55 cm. Intrecciare i cordoncini, dunque unire le due estremità per formare una ciambella.
  4. Collocare le 2 uova crude (con il guscio) su due punti della ciambella.
  5. Con il pezzo di pasta rimanente, formare 2 piccole treccine e disporle a croce (oppure singolarmente) sulle due uova crude.
  6. Pennellare l'intera superficie con l'uovo leggermente sbattuto ed ultimare con zucchero in granella.
  7. Cuocere la Scarcedda in forno caldo, preriscaldato a 210°C, per circa 30 minuti (riducendo, se necessario, la temperatura del forno durante la cottura).
  8. Lasciar raffreddare e servire.


Il commento di Alice - PersonalCooker

Potete preparare tante piccole ciambelle e donarle ai bambini e ai ragazzi, oppure potete realizzare una grande ciambella da trasformare in un centro tavola decorativo e rustico per Pasqua. So che esistono varie versioni della Scarcedda, spero che anche la mia proposta possa esservi gradita.

Valori nutrizionali e Commento Salutistico sulla ricetta

La Ciambella di Pasqua è un dolce abbastanza energetico e ricco di colesterolo. Le calorie sono apportate prevalentemente dai carboidrati, mente le proteine sono poco significative; i grassi hanno un'importanza di medio rilievo e le fibre non sono molte. La Scaredda non è un alimento che si presta all'alimentazione contro il sovrappeso, il diabete mellito tipo 2, l'ipertrigliceridemia e l'ipercolesterolemia. La porzione media di Ciambella è di circa 35g (110kcal).



VALORI NUTRIZIONALI (100 g)

Calorie: 309 Kcal

Carboidrati: 46.00 g

Proteine: 8.30 g

Grassi: 11.50 g

di cui saturi: 2.40g
di cui monoinsaturi: 4.00g
di cui polinsaturi: 5.10 g

Colesterolo: 123.00 mg

Fibre: 1.10 g

Ricette correlate