Come Aprire e Pulire il Cocco

Quante volte c'è capitato di riposare tranquillamente in spiaggia e di venir improvvisamente disturbati da grida strillanti, continue e chiare del tipo “Cocco…cocco bello! Lo diceva anche Letizia che il mio cocco è una delizia! Rispondeva anche Giulia: il tuo cocco è una goduria!”.
Per bacco, un po' di contegno! Per 2 euro a pezzo, quel cocco dev'essere impastato con l'oro!
Ma chissà poi com'è possibile ottenere delle fettine così perfette… il pensiero del cocco e della sua rottura mi continuava a ronzare per la testa, quando finalmente un giorno ho deciso di provare anche io a rompere il cocco! Ma come potevo fare? Come?
Scopriamolo insieme!


Carta di Identità della Ricetta

DIFFICOLTÀ: difficile

PER QUANTE PERSONE: 6 persone

COSTO: basso

CALORIE PER 100 GRAMMI: 364,00 KCal

TEMPO DI PREPARAZIONE:


139 CommentiClicca per leggerli

Categoria Ricetta

Categoria Ricetta: Ricette Senza Glutine / Ricette Vegane / Ricette per Vegetariani / Ricette per Diabetici / Preparazioni di Base / Come Aprire e Pulire il Cocco

Ingredienti

Materiale occorrente

  • Canovaccio
  • Martello
  • Caccavite, cavatappi o altri oggetti appuntiti
  • Bicchiere
  • Colino
  • Garze sterili oppure carta assorbente resistente
  • Pellicola trasparente per la conservazione
  • Ciotola

Preparazione

  1. Con un cavatappi, forare due dei tre occhi posizionati in un’estremità della noce di cocco.
  2. Rivoltare la noce di cocco e far uscire tutto il liquido (detto “acqua di cocco”).

Lo sapevi che…
Il liquido estratto dal cocco può trasformarsi in un’ottima bevanda rinfrescate. Prima però è necessario filtrare il liquido per rimuovere tutte le impurità: per questo, si consiglia di filtrare il liquido attraverso un colino a maglie strette, protetto a sua volta da una garza oppure da un foglio di carta assorbente resistente.

  1. Procedere poi con la rottura della noce di cocco: con il martello, esercitare dei colpetti rigirando la noce di cocco. I colpi devono essere piuttosto decisi: il cocco si romperà facilmente.
  2. Per rompere i pezzi ottenuti in parti più piccole, procedere con altri colpi di martello.
  3. Con un coltello, staccare la polpa dal guscio esercitando una certa pressione, dunque lavare i pezzi in acqua fredda.
  4. Per la conservazione, si consiglia di immergere i pezzi di cocco nello stesso liquido estratto dalla noce. In alternativa, coprire il cocco con acqua fresca e conservare in frigo (cambiano l’acqua ogni giorno) per 3-4 giorni.


Il commento di Alice - PersonalCooker

Ecco il nostro cocco perfettamente aperto e pulito. Ora potete conservarlo in frigorifero ben coperto con la stessa acqua estratta dal cocco oppure con semplice acqua fresca. Potete conservarlo per 3-4 giorni! Spero che vi siate divertiti in mia compagnia, in questo buffo video dei metodi più bizzarri per aprire il cocco.

Valori nutrizionali e Commento Salutistico sulla ricetta

Il cocco è un frutto altamente energetico il cui utilizzo dovrebbe assimilarsi più a quello della frutta secca rispetto al consumo di frutta fresca. Apporta prevalentemente lipidi (saturi), anche se possiede il vantaggio di fornire soprattutto acidi grassi a media catena (facilmente metabolizzabili e senza impatto negativo sul rischio cardiovascolare). I carboidrati sono presenti in medie quantità e le proteine paiono quasi irrilevanti. Non si possiedono informazioni dettagliate sull'apporto di fibra alimentare.



VALORI NUTRIZIONALI (100 g)

Calorie: 364 Kcal

Carboidrati: 9.40 g

Proteine: 3.50 g

Grassi: 35.00 g

di cui saturi: 30.90g
di cui monoinsaturi: 2.38g
di cui polinsaturi: 0.61 g

Colesterolo: 0.00 mg

Fibre: 0.00 g



Commenti da Youtube

Ricette correlate