Tofu Fatto in Casa con Nigari

Ultima modifica 18.07.2019
/5

Ma secondo voi, il tofu può reggere il confronto nutrizionale con altri alimenti proteici?
Per chi ancora non lo conoscesse abbastanza, il tofu è uno degli alimenti vegetali derivati dalla soia più conosciuti in assoluto: è stato battezzato anche “formaggio di soia” per il particolare metodo di preparazione che rispecchia, per certi versi, quello del formaggio animale. Il tofu è apprezzato non solo da chi segue una dieta priva di alimenti animali, ma anche da chi è intollerante al lattosio oppure soffre di disturbi legati all'ipercolesterolemia. È un alimento povero di grassi, privo di lattosio e colesterolo, e ricco di vitamine del gruppo B e proteine vegetali.
Vediamo come preparare il tofu con il nigari, un agente coagulante inorganico estratto dal sale marino.

Video della Ricetta

 Problemi con la riproduzione del video? Ricarica il video da youtube.

Carta di Identità della Ricetta

Categoria Ricetta: Preparazioni di Base / Ricette dietetiche Light / Ricette per Vegetariani / Ricette Vegane / Tofu Fatto in Casa con Nigari

Ingredienti

Per 230-250 g di tofu

Materiale Occorrente

  • Casseruola
  • Colino
  • Cucchiaio di legno
  • Canovaccio
  • Stampo per tofu o fuscella

Preparazione

Nota bene
L'ingrediente di base del tofu è il latte di soia, dunque per questa ricetta abbiamo preparato il latte di soia in casa. Ripassiamo la preparazione!
Riunire 200 g di semi di soia gialla in una ciotola e riempire con acqua tiepida: lasciare in ammollo la soia per almeno 6 ore, cambiando eventualmente l'acqua.
Scolare la soia, sciacquarla per eliminare i fitati ed altri elementi antinutrizionali. Portare a bollore due litri di acqua, aggiungere un pizzico di sale ed un pezzo di alga kombu: lessare la soia per un'ora o fino a quando i semi saranno morbidi.
Quando la soia è pronta, introdurre il mixer ad immersione e frullare fino ad ottenere un liquido denso. In alternativa, frullare con il mixer a bicchiere.
Filtrare il liquido denso così ottenuto attraverso un canovaccio per separare il latte di soia dall'okara (legume esaurito).
Raccogliere il latte di soia (sotto al canovaccio), pesarne 1 litro, ed utilizzarlo per preparare il tofu.

  1. Versare il latte di soia naturale (non dolcificato) in una casseruola e portare alla temperatura di 80-85°C.
  2. Trasferire il latte in una ciotola di vetro o di plastica: l'acciaio potrebbe infatti incidere negativamente sulla resa del prodotto finale.
  3. Nel frattempo, sciogliere il nigari nell'acqua calda, mescolando con un bastoncino di legno.

Lo sapevi che…
Il nigari è un particolare caglio naturale composto da cloruro di magnesio ed altri oligoelementi presenti nel sale marino: si tratta della sostanza che rimane dopo aver estratto il cloruro di sodio dall'acqua marina.

  1. Versare lentamente l'acqua con l'agente coagulante nel latte di soia caldo, in più riprese, continuando a mescolare per una decina di secondi. Unire anche un cucchiaino di succo di limone: servirà per favorire la coagulazione delle proteine della soia.
  2. Coprire con pellicola trasparente e lasciar coagulare le proteine della soia per 10 minuti.
  3. Foderare un colino oppure uno stampo rettangolare per tofu con un canovaccio pulito, che non odori da detersivo. Collocare il colino (o lo stampo) sopra ad un piccolo contenitore rovesciato, all'interno di una ciotola capiente. Versare lentamente la cagliata, strizzando delicatamente per rimuovere il siero: in questa fase, si raccomanda che il siero che gocciola non venga a contatto con il tofu racchiuso nel contenitore. Salare a piacere oppure aromatizzare con spezie.
  4. Lasciar gocciolare la cagliata per un'oretta.

Il consiglio OK
Per agevolare lo scolo, si consiglia di collocare un peso sopra al tofu: in questo modo, il siero si separerà più velocemente dalla cagliata.

  1. Rimuovere il panetto di tofu e consumare a piacere. Il siero si può utilizzare per impastare polpette o biscotti, oppure per conservare lo stesso tofu: il formaggio vegetale va consumato entro 3-4 giorni, e conservato in frigo.

Il commento di Alice - PersonalCooker

Con il suo sapore neutro, il tofu si presta alla realizzazione di numerosissimi piatti, spaziando dai più classici (es. tofu con verdure) ai più elaborati (es. cannelloni vegetali). Si conserva in frigo per 3-4 giorni, meglio se immerso nel proprio siero oppure in acqua.

Valori nutrizionali e Commento Salutistico sulla ricetta

ATTENZIONE! Trattandosi di un alimento ricavato dall'estrazione chimica delle proteine, è pressoché impossibile stabilirne indirettamente il profilo chimico esatto. Per questo motivo, nella tabella qui a fianco non vengono riportati i valori riferiti ai nutrienti specifici.
Il tofu è un prodotto di origine vegetale. Contiene le proteine del latte di soia coagulate per mezzo dell'aggiunta di nigari. Dovrebbe avere un apporto energetico inferiore a quello dei formaggi di origine animale, con un contenuto di proteine superiore e di lipidi nettamente inferiore. Il colesterolo è assente e gli acidi grassi dovrebbero risultare prevalentemente insaturi.
Fibre e carboidrati rappresentano una componente marginale.
La porzione media è piuttosto generosa; sicuramente più elevata di quella riferita ai formaggi tradizionali.

Valori nutrizionali (100 g)

  • Carboidrati: 0.00 g
  • Proteine: 0.00 g
  • Grassi: 0.00 g
    • di cui saturi: 0.00g
    • di cui monoinsaturi: 0.00g
    • di cui polinsaturi: 0.00 g
  • Colesterolo: 0.00 mg
  • Fibre: 0.00 g
Foto Tofu Fatto in Casa con Nigari

Autore

Alice Mazzo

Alice Mazzo

Presentatrice di Ricette di Alice
Creatività e perseveranza, con un pizzico di follia: il mix d’ingredienti perfetto che definisce Alice, presentatrice del programma Ricette di Alice, su My-personaltrainerTV. Il suo cuore batte per la cucina salutistica: appassionata di alimentazione, la sua mission è trasmettere la passione per la cucina sana, trasformando bombe caloriche in bocconcini leggeri, senza rinunciare al gusto