Dolore alle ovaie - Cause e Sintomi
Ultima modifica 02.05.2019

Articoli correlati: Dolore alle ovaie

Definizione

Il dolore alle ovaie è un sintomo riferibile al lato inferiore sinistro e/o destro dell'addome.
In età fertile, questa manifestazione è abbastanza frequente in prossimità dell'ovulazione, quando il follicolo sta rilasciando la cellula uovo giunta a maturazione, per renderla disponibile all'eventuale fecondazione. In tal caso, si verificano circa a metà del ciclo delle fitte a livello pelvico, che si associano ad altri sintomi, come la perdita di muco cervicale di aspetto filamentoso e trasparente.
Il dolore alle ovaie può ripresentarsi prima dell'arrivo delle mestruazioni, per la presenza del corpo luteo. Questo sintomo si può avvertire anche nella prima fase della gravidanza.
Entro certi limiti, quindi, il dolore ad una sola o ad entrambe le ovaie può essere considerato un fastidio innocuo. Tuttavia, qualora dovesse persistere, diventare molto intenso o associarsi a perdite vaginali di muco o di sangue, sarà necessario consultare il proprio medico ginecologo per accertarne la causa. In alcuni casi, infatti, il dolore alle ovaie potrebbe segnalare una gravidanza extrauterina o un aborto spontaneo.

Il disturbo può insorgere anche in presenza di sindrome dell'ovaio policistico e torsione ovarica o tubarica. Il dolore alle ovaie non correlato al ciclo mestruale ed alla gravidanza, inoltre, può essere causato da endometriosi, malattia infiammatoria pelvica, rottura di una cisti ovarica, degenerazione di un fibroma uterino e tumore alle ovaie.

Possibili Cause* di Dolore alle ovaie

* Il sintomo - Dolore alle ovaie - è tipico di malattie, condizioni e disturbi evidenziati in grassetto. Cliccando sulla patologia di tuo interesse potrai leggere ulteriori informazioni sulle sue origini e sui sintomi che la caratterizzano. Dolore alle ovaie può anche essere un sintomo tipico di altre malattie, non incluse nel nostro database e per questo non elencate.

La presente guida non intende in alcun modo sostituirsi al parere di medici o di altre figure sanitarie preposte alla corretta interpretazione dei sintomi, a cui rimandiamo per ottenere una più precisa indicazione sulle origini di qualsiasi sintomo.