Perché si continua a vaccinare per malattie che non sono più diffuse in Italia?

In Italia, per effetto delle campagne vaccinali di massa, alcune malattie - come la difterite o la poliomielite - sono praticamente scomparse. Tuttavia, si continua a vaccinare contro alcune di queste patologie, in quanto sono ancora presenti in numerosi Paesi e potrebbero essere reintrodotte nel territorio nazionale colpendo le persone non immunizzate attivamente.

Per effetto della globalizzazione, infatti, i viaggiatori internazionali e il traffico delle merci potrebbero agevolare il ritorno di malattie che in Italia non esistono da tempo, oltre a facilitare la diffusione di patologie che non sono mai state presenti.

Immagini simili