Tumore ai testicoli: lo stile di vita dopo la terapia

Tra i vari quesiti che un individuo con un tumore ai testicoli pone al proprio medico, ci sono anche alcune delle seguenti domande:

  • "A terapie concluse, dovrò apportare delle modifiche allo stile di vita? Se sì, che cosa è meglio fare?"
  • "Dopo le terapie, dovrò sottopormi a controlli periodici? Se sì, per quanto tempo?"

Vediamo, sinteticamente, quali sono le risposte dei medici e degli esperti del settore a questi dubbi…

STILE DI VITA

Una volta terminata la fase terapeutica, i medici consigliano ai pazienti di adottare una dieta particolarmente sana, tenersi in movimento e rinunciare ad alcune brutte abitudini come per esempio il fumo di sigaretta (se, ovviamente, il paziente è un fumatore).

Per quanto concerne la dieta, le raccomandazioni principali sono:

Per quanto riguarda l'esercizio fisico, i consigli più importanti sono:

  • Iniziare con calma e da attività allo stesso tempo piacevoli e non pericolose.
  • Se si vuole migliorare il proprio rendimento, procedere in maniera graduale.
  • Dare continuità al lavoro fisico.

Infine, in merito alla brutte abitudini, i suggerimenti vanno dalla già citata rinuncia del fumo a quella degli alcolici e ovviamente delle droghe.

CONTROLLI PERIODICI

Poiché il 25-30% dei pazienti operati di tumore ai testicoli va incontro a una ricaduta, è opportuno sottoporsi a controlli periodici preventivi. Nella fattispecie:

  • Quattro controlli, durante il primo anno post-intervento.
  • Due, durante il secondo anno post-intervento.
  • Uno, a partire dal terzo anno post-intervento.

Inoltre, in aggiunta ai suddetti esami, si consigliano anche delle autovalutazioni, così da individuare con ancora maggiore tempestività eventuali anomalie.

Immagini simili