Tumore ai testicoli: alcuni miti da sfatare

Come accade per moltissime altre malattie, anche sul tumore ai testicoli molte persone sono male informate o lo conoscono in maniera approssimativa.

Alcune delle più comuni inesattezze che riguardano tale patologia sono:

  • Il tumore ai testicoli è un tumore tipico delle persone anziane.
    È esattamente il contrario: il tumore ai testicoli è un tumore tipico dei giovani e degli adulti giovani. Infatti, colpisce maggiormente le persone di età compresa tra i 15 e i 35 anni.
    Fortunatamente, il tumore testicolare è una delle neoplasie maligne che meglio si riescono a curare con successo.
  • Aver utilizzato a lungo e continuativamente la bicicletta favorisce la comparsa del tumore ai testicoli.
    È falso, perché non c'è nessuna prova scientifica che attesti che praticare ciclismo ad alti livelli predisponga a una neoplasia testicolare.
  • L'intervento chirurgico per la rimozione del tumore ai testicoli diffonde la neoplasia altrove.
    È sbagliato, perché l'operazione chirurgica prevede l'orchiectomia, cioè la rimozione totale del testicolo affetto. Quindi, il pericolo di una diffusione o una permanenza di alcune cellule tumorali è praticamente nullo.
    L'unica situazione che potrebbe portare a una dispersione, in altri distretti del corpo, di qualche cellula neoplastica è l'esecuzione di una biopsia pre-operatoria. Tuttavia, la biopsia viene eseguita solo in casi molto rari e per motivi specifici.
  • Qualsiasi rigonfiamento del testicolo è un tumore ai testicoli.
    È errato, perché nella maggior parte dei casi la presenza di un gonfiore testicolare è legata ad altri stati morbosi, come per esempio varicocele, ematocele, orchite ecc.
    In termini numerici, alcune ricerche hanno dimostrato che solo 4 casi di testicolo gonfio su 100 sono espressione di un tumore testicolare.
  • Avere i testicoli grandi favorisce la comparsa di tumore testicolare.
    È falso, perché nessuna ricerca scientifica ha mai dimostrato che chi ha testicoli grandi sia più a rischio di tumore testicolare.
  • Aver sofferto di criptorchidismo porta, prima o poi, a sviluppare un tumore ai testicoli.
    Più che sbagliato è inesatto, perché il criptorchidismo – ovvero la mancata discesa nello scroto di uno o entrambi i testicoli – è soltanto un fattore favorente, non un fattore scatenante.
  • Il tumore ai testicoli pregiudica la vita sessuale di un individuo.
    È errato, perché in genere i tumori testicolari interessano un solo testicolo.
    L'asportazione di soltanto un testicolo non compromette la produzione di spermatozoi e non riduce la libido.

Immagini simili