Liquore di Topinambur

Incredibile ma vero, un liquore al gusto di topinambur!
Sbalorditivo si… ma non per tutti. A Baden-Württemberg, in Germania, oltre il 90% dell'ormai noto “Carciofo di Gerusalemme” è destinato alla produzione di un superalcolico detto “Alcol di Topinambur” o “Topi” o “Rossler”. Sembra che la prima bevanda a base di questo tubero, comparsa a cavallo del XIX secolo, fosse “badeniana” e conosciuta proprio col nome di “Brandy di Topinambur” o “Erdäpfler” o “Borbel”.
Il sapore del superalcolico a base di topinambur è tipicamente fruttato e certi sentori ricordano vagamente la nocciola; il retrogusto è terroso ma gradevole.
La produzione del liquore di topinambur inizia col lavaggio dei tuberi, successivamente asciugati in forno, poi fermentati e distillati. La lavorazione può anche svilupparsi ulteriormente con l'aggiunta di Potentilla erecta (pianta erbacea) e/o ribes, ricavando il “Red Rossler”, più amaro e astringente del primo.
La bevanda ha funzioni digestive e sembra che possa favorire il miglioramento della diarrea e/o dei crampi addominali.

Immagini simili