Stretching e Prevenzione

L'infortunio muscolare è uno dei disagi principali che affliggono gli atleti, sia dilettanti che professionisti.

Le lesioni muscolari scheletriche rappresentano oltre il 30% dei danni registrati nelle cliniche di medicina dello sport. E' quindi indispensabile sfruttare il sistema più efficace nella prevenzione di questo genere di lesioni

Tuttavia, vi sono opinioni contrastanti per quel che riguarda l'impiego del riscaldamento e dello stretching muscolare quali metodi di riduzione dell'infortunio.

In un articolo pubblicato nel 2007, sono state valutate le potenzialità del riscaldamento e/o dello stretching nel prevenire gli infortuni muscolari durante l'attività fisica. Il lavoro, intitolato “Warm-up and stretching in the prevention of muscular injury”, esamina una serie di studi riguardanti il riscaldamento, lo stretching e l'infortunio muscolare. Molte delle differenze tra i risultati delle ricerche pubblicate erano dovute a definizioni contrastanti tra loro. L'articolo si interessa anche a questo problema, esaminando la bibliografia sulle lesioni muscolari, sugli adattamenti fisici all'infortunio e all'allenamento.

Il lavoro fornisce prove contraddittorie nei confronti dei precedenti articoli di revisione. Alcuni hanno concluso affermando che: i sistemi di riscaldamento e/o di stretching non hanno impedito il riscontro di lesioni. Altri definiscono che: certe tecniche e protocolli hanno mostrato un'efficacia positiva nel prevenire le lesioni.

In definitiva, sia il riscaldamento, sia il protocollo di stretching dovrebbero essere attuati prima dell'attività fisica e, per ottenere il massimo del beneficio, questa routine andrebbe svolta nei 15 minuti precedenti.

Rimane da capire quale potrebbe essere il protocollo ottimale finalizzato alla prevenzione, tenendo bene a mente che non dovrebbe incidere negativamente sulla prestazione sportiva.

Immagini simili