Senna siamea: Senna come Alimento

Esiste una tipologia di Senna utilizzata a scopo alimentare, si tratta della Senna siamea.

Questa, conosciuta anche come albero di Kassod (o di Cassod) ed erroneamente come albero di Cassia, è una leguminosa appartenente alla sottofamiglia delle Caesalpinioideae.

E' originaria del Sud e del Sud-Est asiatico, anche se la zona precisa non è ancora ben nota.

L'albero della Senna siamea è di medie dimensioni, sempreverde, produce dei fiori gialli e cresce fino a 18m di >altezza.

E' spesso utilizzata come albero ombreggiante nelle piantagioni di cacao, caffè e tè. In Thailandia rappresenta l'albero simbolo della provincia di “Chaiyaphum”.

Le foglie della Senna siamea sono attaccate ad un sottile asse centrale per mezzo di piccoli steli. Sono alterne, pennate, color verde-rossastro ed arrotondate alle estremità.

Questa pianta ha un valore medicinale e contiene una molecola chiamata barakol. Le foglie, i baccelli ed i semi sono commestibili, ma devono essere necessariamente bolliti scartando l'acqua. Si tratta di prodotti comunemente utilizzati nella cucina birmana e thailandese; in quest'ultima, la preparazione più famosa è chiamata “Kaeng khilek”.

Altri usi della Senna siamea sono: foraggero, intercolturale e frangivento.

Il barakol è una molecola dagli effetti sedativi ed ansiolitici impiegata nella medicina tradizionale a base di erbe anche se, recentemente, queste applicazioni sono state scoraggiate a causa di un presunto effetto epatotossico nell'uomo.

Immagini simili