Proteine delle Alghe

Da pochissimi anni è iniziata la produzione (acquacoltura) di micro alghe ricchissime di proteine. Le analisi chimiche e gli studi nutrizionali hanno dimostrato che i peptidi algali sono di buona qualità, paragonabile alle proteine vegetali convenzionali.

Ad oggi, la maggior parte delle preparazioni che includono le micro alghe sono commercializzate nella categoria degli alimenti dietetici, nei cosmetici o per l'alimentazione animale.

Una piccola ricerca ha esaminato le proteine isolate ottenute dalle alghe verdi (Scenedesmus obliquus) coltivate in condizioni controllate. Ha determinato il peso molecolare dei peptidi algali frazionati mediante “Elettroforesi su gel di poliacrilammide”, rivelando un ampio spettro di pesi molecolari compresi tra 15.000 e 220.000. Il punto isoelettrico delle proteine dissociate era nel range di 3,95-6,20.

La composizione in amminoacidi delle proteine algali isolate rispetta gli standard della FAO (Food and Agricolture Organization). Si evince un alto contenuto di aminoacidi essenziali quali: leucina, valina, fenilalanina e lisina. Questa caratteristica rende le proteine algali isolate un componente di alta qualità nutrizionale.

Per ottimizzare la rimozione dei lipidi algali (peraltro, anch'essi di altissima qualità) e dei pigmenti, è stata utilizzata la “estrazione con biossido di carbonio supercritico” (con e senza etanolo come cosolvente). L'aggiunta di etanolo all'anidride carbonica supercritica facilita la rimozione dei lipidi algali, determinando un miglior recupero di proteine (maggior resa totale). L'isolato proteico estratto dalla miscela di cui sopra ha una migliore solubilità in acqua rispetto a quello ottenuto per mezzo di altri sistemi.

Tuttavia, a causa degli elevati costi di produzione e alle difficoltà tecniche per le preparazioni alimentari destinate all'uomo, la diffusione delle proteine algali può essere considerata ancora in “incubazione”.

Immagini simili