Olio di babasso

L'olio di babasso è un olio tropicale di colore giallo chiaro. Si ottiene per spremitura e/o per estrazione con solventi dai semi della palma babassu (Attalea speciosa Mart., detta anche Orbignya Oleifera), nativa dell'Amazzonia.

Il contenuto in olio della mandorla (seme racchiuso nel frutto carnoso) varia dal 63 al 70%.

Trattandosi di un olio fisso non essiccante, cioè che non evapora e non indurisce a contatto con l'aria, l'olio di babasso viene ampiamente impiegato in cosmetologia. Del resto, similmente al burro di cacao, l'olio di semi di babasso tende ad essere solido a temperatura ambiente, perciò può essere applicato sulla pelle come un burro semisolido che si scioglie a contatto con la cute, procurando una sensazione rinfrescante. In cosmetologia, l'olio di babasso viene usato come emolliente, lubrificante e protettivo.

L'olio di babasso trova anche importanti applicazioni alimentari. Dal punto di vista nutrizionale, come tutti gli oli tropicali, presenta elevate concentrazioni di acidi grassi saturi; del resto è proprio l'alto contenuto di acido laurico e miristico a renderlo semisolido a temperatura ambiente.

Il profilo accidico dell'olio di babasso è simile a quello dell'olio di cocco, per cui presenta un abbondanza di acidi grassi a media catena. Caratteristica principale è l'altissima percentuale di acido laurico.

Composizione accidica dell'olio di babassu

Acido grasso Quantità (%)
Acido caprilico 4-6%
Acido caprico 6-7%
Acido laurico 44-46%
Acido miristico 15-20%
Acido palmitico 6-8%
Acido stearico 3-5%
Acido oleico 12-18%
Acido linoleico 1.4-2.8%

Immagini simili