Un cerotto per affrontare la nevralgia da Herpes zoster

A scatenare l'Herpes zoster è lo stesso virus che provoca la varicella (VZV): dopo la risoluzione dell'infezione primaria a carico della cute, l'agente virale non viene debellato, ma resta nell'organismo senza dare sintomi. In questa fase di latenza, il virus varicella-zoster rimane nascosto in uno o più gangli (principalmente nelle radici dorsali). Un calo delle difese immunitarie può portare alla riattivazione del virus, che si diffonde lungo le terminazioni nervose fino alla cute. Questo provoca una sofferenza del nervo e dell'area cutanea di pertinenza dei gangli infetti, la quale si riempie di vescicole.

Da qualche tempo, per contrastare il dolore neuropatico causato dall'Herpes zoster è disponibile anche in Italia un cerotto transdermico. Essendo localizzato e superficiale, infatti, la nevralgia da infezione erpetica può essere affrontato con un trattamento topico.

Il cerotto medicato, da applicare direttamente sulla parte dolente, contiene lidocaina al 5%, un anestetico locale in grado di fornire un buon sollievo sintomatico. Il profilo di tollerabilità è buono, anche nell'uso prolungato; gli effetti collaterali sono minimi. Il cerotto di lidocaina si applica per 12 ore, ma offre sollievo per un giorno intero.

Immagini simili