Narcolessia e celebrità

La narcolessia è una patologia cronica, probabilmente legata a un problema di tipo neurologico, che causa improvvisi attacchi di sonnolenza diurna (ovvero durante il giorno).

Questi particolari "attacchi di sonno" avvengono anche in momenti assai attivi della giornata: può capitare, infatti, che l'individuo narcolettico si addormenti mentre sta mangiando, durante l'attività lavorativa o durante una conversazione.

Inoltre, chi è affetto da narcolessia avverte una stanchezza persistente e di cui fatica a liberarsi; perde il controllo dei propri muscoli, manifestando cataplessia e paralisi notturne; soffre di disturbi notturni del sonno – dovuti, secondo gli studi più recenti, a un'errata alternanza tra la fase REM e la fase NON-REM del sonno – e talvolta denuncia allucinazioni.

Le precise cause della narcolessia sono, per il momento, ancora poco chiare.
Recentemente è stata proposta una teoria che vede per protagonista un peptide del cervello (N.B: un peptide è una proteina molto piccola), chiamato orexina o ipocretina.

L'orexina è un neurotrasmettitore che regola le fasi REM e NON-REM del sonno.

Nelle persone narcolettiche, pare che la quantità di ipocretina sia molto ridotta, il che provoca un dissesto delle suddette fasi del sonno.

PERSONE FAMOSE CON LA NARCOLESSIA

La narcolessia è una malattia grave, fastidiosa e talvolta molto pericolosa (si pensi per esempio a un narcolettico alla guida di un auto).

Tuttavia, la sua insorgenza (o presunta tale) in alcune persone non ha impedito a queste di passare comunque alla storia e diventare famose.
Gli individui narcolettici di una certa celebrità, a cui ci si sta riferendo, sono:

  • Winston Churchill (1874-1965). Inglese, fu un grande politico, ma anche uno storico e un giornalista di livello. Guidò la Gran Bretagna, col ruolo di primo ministro, durante la Prima Guerra Mondiale e vinse il Premio Nobel per la Letteratura nel 1953.
  • Thomas Edison (1847-1931). Statunitense, appartiene a lui l'invenzione della lampadina. Oltre a essere un grande inventore, fu anche un noto imprenditore.
  • Louis Braille (1809-1852). Nato in Francia, è noto per l'ideazione dell'alfabeto per i non-vedenti, ovvero l'alfabeto Braille. 
  • Harriet Tubman (1822-1913). Statunitense e schiava, fu una famosa attivista per la libertà della popolazione afroamericana negli Stati Uniti.
  • Franck Bouyer. Nato in Francia nel 1974, è stato un famoso ciclista professionista per quasi un ventennio, precisamente dal 1995 al 2013. Nel 2004, è stato squalificato in maniera temporaneo, proprio a causa dell'uso di un farmaco per la narcolessia (o meglio la cataplessia indotta dalla narcolessia), il cosiddetto Modafinil.

N.B: su Churchill, Edison, Braille e Tubman non si hanno prove certe, poiché gli strumenti diagnostici del tempo non erano abbastanza all'avanguardia.

Altri personaggi famosi, ma meno noti dei precedenti (o noti solo a certi appassionati), sono: l'ex attore Arthur Lowe (1915-1982), l'ex portiere di calcio Aaron Flahavan (1975-2001) e il giocatore di football Sergio Kindle (1987).

Immagini simili