Eugenolo e denti - Impieghi dell'eugenolo in odontoiatria

In una celebre scena del film "Il maratoneta" un ex-dentista nazista usa l'olio di chiodi di garofano per dare sollievo alla propria vittima, dopo averla sottoposta a mutilazioni dentali per estorcerle informazioni.

L'utilità dei chiodi di garofano nell'alleviare il mal di denti è nota all'uomo ormai da alcuni secoli, e continua ad essere sfruttata dalla medicina moderna. Oggi, tuttavia, si preferisce ricorrere all'impiego dell'eugenolo, un composto aromatico idrossilato estratto dall'olio essenziale di chiodi di garofano.

L'eugenolo viene utilizzato in ambito odontoiartrico in molteplici circostanze, anche se un po' meno rispetto al passato.

Anzitutto, per le già ricordate attività antalgiche e per la modesta attività antibatterica, l'eugenolo rientra in molti prodotti per l'igiene orale e in palliativi da banco contro il mal di denti (in quest'ultimo caso il prodotto va applicato direttamente sul dente dolorante). Chiaramente l'eugenolo è solo un sollievo temporaneo al mal di denti e non può sostituirsi alle cure del dentista.

Assieme all'ossido di zinco, l'eugenolo viene utilizzato nelle otturazioni provvisorie, grazie alla discreta azione antalgica per i denti sensibili e per l'infiammazione della polpa dentale.

Oltre che per restauri provvisori, fino a qualche anno fa l'eugenolo veniva impiegato anche come sottofondo per le otturazioni definitive in amalgama d'argento.

Immagini simili