Quanti tipi di lacrime esistono?

La lacrimazione può essere sempre presente (componente basale) o scaturire da reazioni fisiologiche ed emotive (componente riflessa).

Le lacrime basali mantengono le superfici congiuntivali umettate, riducono l'attrito, rimuovono i detriti, ostacolano le invasioni batteriche e forniscono nutrimento e ossigeno all'epitelio congiuntivale.

Il pianto fisiologico è una reazione ad un'anomalia nell'ambiente oculare. Ne sono esempi un aumento improvviso della luminosità, un trauma, un'infezione o un'irritazione dell'occhio dovuta alla penetrazione di corpi estranei. La lacrimazione fisiologica, quindi, ha la funzione principale di proteggere, pulire e lubrificare l'occhio.

Il pianto emotivo, invece, rappresenta la risposta a stress psicologico o emozioni troppo intense. I meccanismi, in tal caso, sono più complessi e non coinvolgono solamente l'apparato lacrimale (ad esempio, il cuore accelera il battito e la respirazione aumenta, così come l'ossigenazione del sangue).

Immagini simili