Cos'hanno in comune il sangue e il Ketchup?

Colore a parte, ketchup e sangue hanno la caratteristica di essere entrambi dei fluidi non newtoniani. Questi fluidi, infatti, mostrano una certa resistenza a fluire quando vengono scarsamente sollecitati, mentre quando a spingerli c'è una forte intensità scorrono piuttosto facilmente. In altre parole, la loro viscosità non è costante, ma varia in base ai tipi e a alle intensità delle forze a cui sono sottoposti.

Il sangue, ad esempio, diminuisce la propria viscosità quando scorre nei capillari, grazie alla deformabilità dei globuli rossi. Queste cellule, responsabili di gran parte della viscosità ematica, possono deformarsi naturalmente, mettendosi in fila indiana e allungandosi quando penetrano nei capillari. In tali condizioni il sangue risulta meno viscoso (scorre meglio), mentre tende via via ad aumentare la propria viscosità in funzione del diametro del vaso (fino a valori di circa 300 µm di diametro).

Per quanto riguarda il ketchup, è esperienza comune incontrare una certa difficoltà nel farlo uscire dal tubetto, salvo poi lamentarsi per la sua fuoriuscita dirompente una volta oltrepassata una certa soglia di pressione. La caratteristica dei fluidi non newtoniani è appunto questa, cioè quella di essere più vicini ai solidi fino a certi valori di stress applicati, per poi assumere caratteristiche più simili a quelle dei liquidi oltre una certa soglia. Quindi, per far fuoriuscire il ketchup occorre decisione: o si concentra la pressione assestando un forte clpo deciso, oppure lo si scuote con minore intensità ma più a lungo.

Immagini simili