Sudore che puzza di ammoniaca? Colpa dell'Helicobacter Pylori

L'odore ammoniacale del sudore può dipendere da un'infezione gastrica da parte del batterio Helicobacter pylori.

Ricordiamo come tale batterio sia uno dei maggiori imputati nello sviluppo dell'ulcera peptica, oltre a rappresentare la causa principale di gastrite cronica nell'uomo.

La singolare capacità dell'Helicobacter pylori di colonizzare l'ambiente acido dello stomaco si deve in buona parte alla sua capacità di sintetizzare l'enzima ureasi. Tale enzima è in grado di idrolizzare l'urea in ammoniaca, la quale neutralizza l'acidità gastrica creando, in questo modo, un microambiente favorevole allo sviluppo del batterio.

L'ammoniaca prodotta dall'Helicobacter Pylori viene quindi assorbita a livello gastro-intestinale → specie in caso di scarsa funzionalità epatica, si può avere di riflesso un sensibile aumento dell'ammoniaca presente nel sangue → gli elevati livelli plasmatici di ammoniaca aumentano la concentrazione della sostanza nel sudore, facendogli assumere uno sgradevole sentore ammoniacale.

Anche una dieta iperproteica può associarsi ad un odore corporeo ammoniacale. Similmente a quanto visto per l'Helicobacter Pylori, infatti, anche il metabolismo delle proteine in eccesso produce una grande quantità di ammoniaca, poi convertita in urea a livello epatico per essere eliminata dai reni (nei quali è attivo un ulteriore sistema di eliminazione dell'ammoniaca incorporata nella glutammina).

Se la sintesi di ammoniaca è abbondante - specie quando il fegato e/o i reni sono sovraccaricati - questa sostanza aumenta le proprie concentrazioni nel plasma e nel sudore, facendogli assumere un odore ammoniacale.

Immagini simili