Encefalite giapponese: dove e quando rappresenta un rischio per i viaggiatori?

L'encefalite giapponese è diffusa in quasi tutta l'Asia e in alcune regioni dell'Oceania. Il rischio di contrarre l'infezione è generalmente limitato per la maggior parte dei viaggiatori, tuttavia bisogna tenere in considerazione la destinazione, il periodo di permanenza e le attività svolte durante il soggiorno.

Le aree a rischio sono soprattutto le zone rurali e agricole, in particolare quelle destinate alla coltivazione del riso, nelle quali la malattia è endemica. Non sono comunque rari i casi in prossimità o all'interno dei centri urbani, se esistono condizioni favorevoli allo sviluppo di zanzare.

Nel sud-est asiatico, il rischio di ammalarsi attraverso la puntura di zanzare infette è presente tutto l'anno, con accentuazioni in corrispondenza delle piogge monsoniche fino all'inizio della stagione secca; nelle regioni temperate della Cina, del Giappone e della penisola coreana, invece, la trasmissione è maggiore da maggio a settembre (periodo di maggiore attività dei vettori). In occasione di viaggi nelle zone endemiche, può essere raccomandata la vaccinazione.

Immagini simili