Diarrea del viaggiatore: quali sono i fattori di rischio?

In chi viaggia, la flora batterica abitualmente presente nel tratto intestinale può subire un rapido cambiamento, venendo a contatto con germi "sconosciuti" che tentano di colonizzarlo. La prima causa della diarrea del viaggiatore, infatti, è rappresentata da agenti patogeni quali batteri, virus e parassiti, capaci di superare le barriere di difesa e di infettare il nostro organismo. Tuttavia, altri fattori possono aumentare la possibilità di sperimentare la diarrea del viaggiatore.

La diarrea del viaggiatore può presentarsi a causa del cambiamento nel clima e nella temperatura, dello stress del viaggio e dalla diversa alimentazione. Di solito, è più probabile contrarre questo disturbo in ambienti caldo-umidi, caratterizzati da scarse condizioni igienico-sanitarie. Durante il soggiorno nelle zone a maggior rischio, si devono prendere le adeguate precauzioni nel consumare acqua, bevande e alimenti che potrebbero essere contaminati. Le mosche, inoltre, possono fungere da vettori passivi degli agenti infettivi portandoli da un alimento all'altro. Attenzione anche alla balneazione ed a non usare acqua del rubinetto, neppure per lavarsi i denti. Anche le caratteristiche del viaggiatore sono determinanti, quali l'età e le condizioni patologiche pregresse. In particolare, coloro che sono immunodepressi o in terapia con farmaci che diminuiscono l'acidità gastrica (es. ranitidina, omeprazolo ecc.) risultano più esposti al rischio di contrarre infezioni di questo tipo.

Immagini simili