I suoni “lub” e “dub” del cuore

Durante la sua azione di pompaggio del sangue, il cuore emette in serie due suoni particolari che, se li si ascolta attentamente, assomigliano a "lub" e "dub".

"Lub" è il risultato della turbolenza che le valvole mitrale e tricuspide producono quando si chiudono, poco dopo l'inizio della fase di sistole.
Si ricorda che la sistole è la fase di contrazione delle cavità cardiache, cioè il momento in cui il miocardio si comprime per spingere il sangue, prima, dagli atri verso i ventricoli e, poi, dai ventricoli verso i vasi sanguigni.

In altre parole, "lub" – che è considerato, per convenzione, il primo suono del ciclo cardiaco – rappresenta l'inizio dello svuotamento di atri e ventricoli.

Passando a "dub", questo è prodotto dal movimento di chiusura delle valvole aortica e polmonare alla fine della sistole e all'inizio della diastole (per l'esattezza la diastole ventricolare).
Si ricorda che la diastole è la fase di espansione e riempimento delle cavità cardiache, ovvero il momento in cui il miocardio si rilascia per accogliere nuovamente il sangue di ritorno.

In altre parole, "dub" – che, secondo convenzione, consiste nel secondo suono del ciclo cardiaco – rappresenta l'inizio del rilasciamento dei ventricoli.

Immagini simili