Alcune curiosità sull’anatomia del cuore

È risaputo che il cuore possiede quattro cavità (gli atri e i ventricoli), quattro valvole (due atrioventricolari e due semilunari), un grosso vaso arterioso in uscita (l'aorta) e un rivestimento muscolare particolare (il miocardio).

Tuttavia, il cuore presenta tante altre interessanti caratteristiche anatomiche, che in alcuni casi sono anche oggetto di confusione o inesattezze.

Per esempio…

  • Dal ventricolo destro parte un vaso sanguigno che trasporta sangue povero d'ossigeno, chiamato arteria polmonare, mentre all'atrio sinistro giungono dei vasi sanguigni che conducono sangue ossigenato, chiamati vene polmonari. Per molte persone, ciò potrebbe sembrare un'anomalia, in quanto associano le arterie ai vasi che trasportano il sangue ossigenato e le vene ai vasi che trasportano il sangue povero d'ossigeno.
    In realtà, però, sono arterie tutti i vasi che dipartono dal cuore e sono vene tutti i vasi che giungono al cuore, indipendentemente dal tipo di sangue contenuto.
  • A 5 cm circa dal cuore, l'aorta presenta una parte ricurva, nota come arco aortico, dalla quale prendono origine tre arterie importantissime: l'anonima, la succlavia sinistra e la carotide comune di sinistra.
  • Le coronarie, cioè i vasi che nutrono il miocardio, derivano da due ramificazioni dell'aorta ascendente. L'aorta ascendente è il primo tratto dell'aorta, prima del sopraccitato arco aortico.
  • In alcune persone l'atrio destro e l'atrio sinistro comunicano per mezzo di un orifizio, chiamato forame ovale pervio. Questo difetto congenito del cuore è, nella maggior parte dei casi, privo di conseguenze.

Immagini simili