Spirulina: il Colorante Azzurro Naturale

Uno dei coloranti più dibattuti in merito ai potenziali pericoli per la salute è l'azzurro. In particolare, sul banco degli imputati sono saliti più volte i coloranti artificiali  Blue Patent V (E 131) e Brilliant Blue (E133). 

L'assenza di valide alternative naturali a questi coloranti ha persino spinto la Nestlé a ritirare, qualche anno or sono, gli Smarties blu dal mercato.

Recentemente, tuttavia, gli studiosi sono riusciti ad isolare un promettente colorante azzurro dall'alga Spirulina.

La sua tonalità azzurra dipende da alcuni pigmenti che fanno parte della ficocianina, un complesso proteico coinvolto assieme alla clorofilla nella fotosintesi. Tali pigmenti abbondano nei Cyanobacteria (alghe verdi-azzurre), di cui la spirulina fa parte, così come l'alga klamath (Aphanizomenon flos-aquae).

Il colorante azzurro da ficocianina è già una realtà commerciale, usato dall'industria in chewing gum, gelati, ghiaccioli, caramelle, bibite, prodotti lattiero-caseari e wasabi. Uno dei nomi commerciali è Lina Blue ® (Spirulina blu), prodotto sviluppato dalla giapponese Dainippon Ink & Chemicals (DIC).

Altri coloranti azzurri naturali sono offerti dagli antociani, abbondanti soprattutto nei mirtilli e in altri frutti di bosco.

Immagini simili