Grassi saturi nel cocco

Il cocco fresco è uno degli alimenti più ricchi di grassi saturi. Basti pensare che ne contiene quasi il triplo del salame cacciatore: in 100 grammi di cocco ce ne sono infatti 31g conto gli 11g presenti in un'analoga quantità dell'insaccato tipico italiano.

Va precisato, tuttavia, che gli acidi grassi saturi del cocco sono prevalentemente a media catena (MCT).

L'impatto di questi acidi grassi sul metabolismo umano sembra nettamente migliore rispetto a quello degli acidi grassi saturi a lunga catena (tipici degli alimenti animali): a differenza di questi ultimi, infatti, gli MCT non aumentano i livelli di colesterolo nel sangue, sono rapidamente assorbibili e, secondo alcuni studi aiuterebbero addirittura a smaltire gli eccessi caloricici stimolando l'ossidazione dei grassi e sopprimendo l'appetito.

Immagini simili