Caffeina nei Farmaci

Oltre a trovare ampio spazio all'interno di energy drink e integratori per il controllo del peso, la caffeina rientra nella formulazione di vere e proprie specialità medicinali.

Tale sostanza si è infatti rivelata utile:

  • nel trattamento e nella prevenzione della displasia broncopolmonare in neonati prematuri. In queste circostanze, l'impiego di caffeina aiuta a migliorare l'aumento di peso durante la terapia e a ridurre l'incidenza di paralisi cerebrale e di ritardi nello sviluppo cognitivo e del linguaggio. D'altra parte, lievi effetti collaterali sono possibili in caso di impiego a lungo termine.
  • Nel trattamento primario (ma non nella relativa prevenzione) dell'apnea in neonati prematuri (es. Peyona ®).
  • Nel trattamento dell'ipotensione ortostatica (brusco calo della pressione quando si assume la pressione eretta).

La caffeina è presente anche all'interno di alcuni farmaci da banco per il controllo del dolore e del mal di testa, garantendo una maggior efficacia del principio attivo caratterizzante e un suo più rapido assorbimento.

Spesso, all'interno dei farmaci la caffeina è presente sotto forma di caffeina citrato, che garantisce una più rapida insorgenza del suo effetto terapeutico.

Immagini simili