Astinenza da Caffeina

INTRODUZIONE

In medicina, si parla di crisi di astinenza per indicare un insieme di segni e sintomi che insorge quando viene improvvisamente sospesa, o fortemente ridotta, l'assunzione di una sostanza precedentemente assunta a dosi elevate per un lungo periodo di tempo.

Le crisi di astinenza si osservano nei soggetti che soffrono di una qualche forma di tossicodipendenza, derivante dall'uso cronico e compulsivo di sostanze che creano dipendenza (alcol e droghe pesanti come morfina, eroina e cocaina, ma anche nicotina e alcuni farmaci a prescrizione medica).

La dipendenza - definibile come il bisogno patologico di assumere determinate sostanze che porta a un'assunzione impulsiva-compulsiva delle stesse - può essere legata a fattori metabolici e/o psicologici. Nel primo caso, l'astensione crea dei sintomi ben precisi (sintomi da astinenza), come vomito, prurito, sudorazione e tremori, mentre quando la dipendenza è solamente psicologica, alla sospensione non compaiono disturbi fisici particolari.

DIPENDENZA DA CAFFEINA

La caffeina possiede un'azione stimolante sul sistema nervoso centrale, dovuta al blocco reversibile dei recettori dell'adenosina. L'interazione di tali recettori con l'adenosina produce una sensazione di stanchezza e bisogno di dormire; pertanto, il blocco di questi recettori da parte della caffeina aiuta a contrastare la sonnolenza e aumenta i livelli di energia (grazie anche ad altri meccanismi d'azione che esulano dalla trattazione).

Il consumo prolungato di importanti quantità di caffeina porta ad una forma di lieve dipendenza psico-fisica, conosciuta anche come caffeinismo. Il rischio sembra concreto nel caso di massicce assunzioni quotidiane, nell'ordine dei 400 mg al giorno (l'equivalente di circa 5 tazze di caffè espresso), ma potrebbe insorgere anche in caso di assunzione abituale di quantità inferiori (anche un solo caffè al giorno). D'altronde è nota una spiccata differenza interindividuale circa la percezione degli effetti stimolatori della caffeina e dei relativi effetti collaterali.

I sintomi della sindrome da astinenza da caffeina comprendono mal di testa, dolori muscolari, letargia, umore depresso, nervosismo, irritabilità e agitazione. La durata di questi sintomi potrebbe variare dalle 12-24 ore fino ai nove giorni nei casi di dipendenza più gravi.

La sindrome di astinenza potrebbe spiegarsi con l'aumento dei recettori per l'adenosina in risposta all'assunzione continuativa di caffeina. Questo adattamento, oltre a creare tolleranza nei confronti della sostanza (da cui deriva la necessità di aumentare le dosi di assunzione per ottenere gli stessi effetti), rende l'organismo più suscettibile agli effetti dell'adenosina. Di conseguenza, quando l'assunzione di caffeina viene sospesa, l'adenosina si trova ad avere molti recettori a disposizione per espletare la propria funzione biologica, che ne uscirà evidentemente amplificata.

Immagini simili