Patologie dell’arco aortico

L'arco aortico, o arco dell'aorta, è quella porzione ricurva di aorta, che, in ogni rappresentazione del cuore umano, si nota portarsi dietro l'organo cardiaco e proseguire con l'aorta discendente.

Punto d'origine di tre arterie fondamentali per l'ossigenazione della testa e degli arti superiori, l'arco aortico può presentarsi, in alcuni individui, con deformazioni o disposto in anomale posizioni.
Questi difetti di forma o di posizione derivano da un errore durante lo sviluppo embrionale, pertanto sono considerati delle vere e proprie patologie congenite, cioè presenti fin dalla nascita.

Precisando che per anomalie dell'arco aortico ci si riferisce anche a difetti che possono interessare le tre ramificazioni dell'arco stesso, le varianti dell'arco dell'aorta più note e studiate sono:

  • L'arco aortico doppio
  • L'arco aortico destro con una ramificazione a immagine speculare
  • L'arco aortico destro con una ramificazione anomala
  • L'arco aortico sinistro con una ramificazione anomala
  • L'arco aortico cervicale

Trattandosi di difetti congeniti (quindi insiti a livello del DNA), i ricercatori hanno cercato di individuare quale potrebbe essere la spiegazione genetica di tali malattie e hanno scoperto che, su 100 persone portatrici di un difetto dell'arco aortico, 20 presentano una mutazione genetica nel cromosoma 22.

Dal punto di vista epidemiologico, i difetti dell'arco dell'aorta sono patologie alquanto rare. Inoltre, secondo alcune stime, rappresenterebbero circa l'1% delle possibile anomalie cardiache congenite a carico dell'essere umano.

Immagini simili