Rimedi per l'Herpes Nasale

L'herpes nasale è un disturbo di origine infettiva provocato dal virus Herpes simplex di tipo 1, lo stesso responsabile dell'herpes labiale e talvolta di quello genitale.
Herpes NasaleL'herpes nasale colpisce la pelle e le mucose del naso. Si manifesta con la formazione di vesciche sierose che, una volta rotte o riassorbite, diventano delle croste fragili e sanguinanti.
I sintomi che preavvisano la comparsa dell'herpes nasale sono: prurito, calore, tensione e gonfiore, localizzati nella zona in cui da lì a poco compariranno le vescicole.
L'herpes nasale è una malattia cronica e rimane latente fino al momento delle acuzie. L'agente infettivo, infatti, non può essere debellato e si ripropone, moltiplicandosi, quando le difese naturali vengono compromesse (ad es. a causa di stress mentale, fisico generale e localizzato).
L'herpes nasale si accompagna spesso a quello labiale; più raramente all'herpes oculare.


Il materiale pubblicato ha lo scopo di permettere il rapido accesso a consigli, suggerimenti e rimedi di carattere generale che medici e libri di testo sono soliti dispensare per il trattamento dell'Herpes Nasale; tali indicazioni non devono in alcun modo sostituirsi al parere del medico curante o di altri specialisti sanitari del settore che hanno in cura il paziente.

Cosa Fare

Per evitare l'herpes nasale è necessario intervenire su due fronti:

  • Prevenire il contagio.
  • L'herpes nasale viene contratto soprattutto con il passaggio diretto. I virus sono diluiti nel liquido sieroso delle vesciche e si espandono al momento della rottura. E' da evitare assolutamente il contatto diretto con portatori di herpes nasale in fase di acuzie.
  • In base alla statistica, sarebbero più rari i casi di trasmissione quando la malattia è latente. Tuttavia, la maggior parte dei portatori afferma di non aver avuto contatti con persone colpite da herpes nasale in fase di acuzie. Ciò significa che i portatori devono essere in grado di riconoscere tempestivamente l'insorgenza dei sintomi e interrompere precocemente i contatti fisici.
  • Bisognerebbe evitare di scambiarsi alcuni oggetti personali come: asciugamani, saponette, fazzoletti, rasoi, spazzolini da denti, depilatori ecc.
  • Non è da escludere che la suscettibilità ai virus dell'herpes sia geneticamente determinata. In tal caso, la prevenzione è indipendente dai fattori ambientali e comportamentali.
  • In caso di contagio avvenuto, l'unico rimedio (temporaneo) è tentare di prevenire le acuzie e curare precocemente i sintomi:
  • Se possibile, ridurre i periodi di eccessivo stress psicologico (lavoro, famiglia ecc).
  • Ridurre la frequenza di altre infezioni sistemiche o locali (ad esempio l'influenza).
  • Ridurre lo stress chimico e fisico (scottature solari, abrasioni ecc)
  • Adottare una nutrizione equilibrata.
  • Curare attentamente l'apporto di molecole e sali minerali che supportano il sistema immunitario: vitamina C, vitamina D, magnesio, ferro, zinco e selenio.
  • Favorire l'introito di molecole antiossidanti (di qualunque genere): oltre alla vitamina C, anche la vitamina A, la vitamina E, i polifenoli ecc. Questi nutrienti ed elementi nutrizionali ostacolano i radicali liberi e migliorano la condizione ossidativa generale.
  • Garantire l'apporto di acidi grassi essenziali omega 3: vantano una funzione antinfiammatoria e stimolante la produzione di anticorpi.
  • Fare uso di cibi probiotici e prebiotici: la flora batterica intestinale partecipa al trofismo del sistema immunitario, ragion per cui è necessario che rimanga numerosa e in equilibrio.
  • Assicurare l'apporto di amminoacido lisina che sembra avere un effetto preventivo sull'infezione (anche se le ragioni non sono conosciute).
  • Praticare sport con costanza e ragionevolezza: livelli moderati e costanti di attività motoria migliorano le difese immunitarie e l'efficienza dell'organismo. Al contrario, un eccesso tende a indebolire il corpo (per eccesso si intendono condizioni estreme, le stesse che scatenano il sovrallenamento).
  • Assumere i farmaci solo dopo aver consultato il medico, soprattutto quelli che richiedono la prescrizione medica (talvolta in avanzo da terapie passate).
  • Prevenire le screpolature imputabili al freddo, le ustioni solari e qualunque abrasione o altra irritazione.
  • Utilizzare i farmaci ad uso topico (pomate e creme) ai primissimi sintomi.

Cosa NON fare

Possono favorire il contagio dell'herpes nasale alcuni comportamenti quali:

  • Entrare in contatto fisico diretto con le vescicole di una persona malata (anche se in questo soggetto l'herpes ha colpito le labbra, gli occhi, i genitali ecc).
  • Ignorare i primi sintomi dell'herpes nasale e non avvisare le persone che potrebbero entrare in contatto diretto con la zona interessata.
  • Usare gli oggetti personali altrui, soprattutto sapendo che soffrono di herpes nasale.
  • Trascurare l'igiene, soprattutto nelle attività a stretto contatto con altre persone (operatori sanitari o pubblici ecc).

I fattori che aumentano la possibilità di ricaduta dell'herpes nasale sono:

  • Periodi di stress mentale eccessivo: anche se limitati, compromettono il sistema immunitario e permettono l'insorgenza di herpes nasale.
  • Trascurare le infezioni: per quanto innocue, creano una situazione ideale per la riacutizzazione delle patologie latenti.
  • Non curare il mantenimento del trofismo del sistema immunitario, a causa di:
    • Deficit vitaminico e salino specifico degli elementi coinvolti direttamente nella sintesi immunitaria.
    • Mancanza di antiossidanti, non solo vitaminici e salini, ma anche polifenolici.
    • Presenza di cibi allergizzanti o responsabili di intolleranza alimentare. Tendono ad aumentare i livelli di infiammazione e promuovere lo stress ossidativo.
    • Dieta carente di prebiotici e probiotici che di norma favoriscono il mantenimento del sistema immunitario.
  • Fare uso di integratori alimentari a base di arginina; non è chiaro il motivo ma alcuni studi suggeriscono che questo amminoacido possa favorire l'insorgenza di acuzie dell'herpes nasale.
  • Ignorare i tempi di recupero e la debilitazione fisica di programmi allenanti erroneamente pianificati.
  • Abusare di antibiotici e altri farmaci.
  • Non proteggere la pelle del naso; in particolare dal freddo invernale e dai raggi UV (nei mesi più caldi).

Cosa Mangiare

Non esiste un rimedio alimentare contro l'herpes nasale; tuttavia, può essere utile curare vari aspetti nutrizionali che incidono direttamente e indirettamente sull'efficacia e sull'efficienza del sistema immunitario:

Cosa NON Mangiare

Devono essere evitati comportamenti alimentari scorretti come:

  • Diete monotematiche.
  • Dieta vegana fai da te
  • Dieta priva di ortaggi e verdure.
  • Diete basate esclusivamente su:
    • Cibi cotti.
    • Cibi conservati.
  • Integratori alimentari di arginina.

Cure e Rimedi naturali

Alcuni prodotti sono i grado di agire positivamente sul sistema immunitario o contrastare l'infezione; tuttavia, non vengono considerati rimedi veri e propri:

Cure Farmacologiche

Non esistono rimedi farmacologici che guariscono dall'herpes nasale eliminando definitivamente i virus; vengono considerati una soluzione provvisoria.
Le terapie sono palliative e utilizzate per:

  • Ridurre i sintomi.
  • Bloccare la proliferazione virale.
  • Facilitare la cicatrizzazione.

Nello specifico, vengono impiegati prevalentemente:

  • Aciclovir (o simili) in crema a uso topico o in compresse a uso orale: riduce la capacità replicativa dei virus.
  • Zinco e/o eparina in crema a uso topico: riduce il tempo dell'eruzione cutanea.
  • Interferone: potente azione antivirale.
  • Immunostimolanti: soprattutto ormoni timici naturali o sintetici.
  • Antistaminici: contro il prurito.

Prevenzione

Abbiamo già specificato che il rimedio più efficace contro l'herpes nasale è la prevenzione, che si suddivide in:

  • Prevenzione verso il contagio:
    • Richiede attenzione da chi teme di contrarre il virus, che deve attenersi ai vincoli di contatto fisico e igiene nei momenti di potenziale contagio.
    • Richiede impegno da chi è affetto dalla malattia, che deve rispettare un livello igienico superiore e tenersi lontano dalle persone sane, specie se bambini.
  • Prevenzione verso le acuzie:
    • Mantenendo basso lo stress generale.
    • Garantendo il funzionamento del sistema immunitario (compreso lo stato nutrizionale).
    • Evitando di ammalarsi ripetutamente o di lesionare la parte interessata (naso o mucose).

Trattamenti medici

Ad oggi non si conoscono rimedi definitivi contro il virus Herpes simplex. Ciò significa che l'herpes nasale non può essere curato.
Ogni trattamento è finalizzato a diminuire la sintomatologia in caso di acuzie.
Oltre alla prevenzione del contagio, alla prevenzione delle manifestazioni ed eventualmente all'utilizzo di farmaci, non si conoscono altri rimedi efficaci contro l'herpes nasale.