Probiotici: Benefici, Cibi Probiotici e Modo d'Uso

Effetti Benefici

Effetti positivi associati all'uso di probiotici

Indicazioni terapeutiche*

CERTE PROBABILI
Diarrea associata ad antibiotici Diarrea del viaggiatore
Enterite e diarrea da Rotavirus Helicobacter pylori
Rinforzamento delle difese
immunitarie intestinali
Malattie intestinali infiammatorie (M. CrohnColite ulcerosa)
Intolleranza al lattosio Prevenzione del tumore al colon
  Malattia diverticolare e sindrome del colon irritabile
Allergie alimentari
Colesterolo alto
Stitichezza cronica
Vaginite battericaCandida
Carie dentale ed altre affezioni del cavo orale
Infezioni delle vie urinarie

*L'efficacia dei probiotici può comunque variare in relazione al tipo di batteri utilizzati e alla risposta individuale.

Alcuni ceppi, per esempio, possono essere indicati in presenza di determinate patologie e rivelarsi inutili o addirittura dannosi in altre situazioni. Per questo motivo è buona regola consultare il proprio medico prima di assumere alimenti arricchiti con probiotici, soprattutto in presenza di disturbi gastrointestinali. Bisogna inoltre considerare che i probiotici commerciali (venduti al supermercato) sono destinati alla popolazione sana, mentre quelli liofilizzati commercializzati in farmacia presentano una concentrazione microbica nettamente superiore (sono quindi considerati un vero e proprio presidio terapeutico). Vedi anche l'articolo sui possibili effetti collaterali dei Probiotici.


Alimenti Probiotici

Quali sono gli alimenti probiotici?

Piccole quantità di probiotici sono presenti nei latticini, in modo particolare nei latti fermentati (yogurt e kefir); non mancano derivati vegetali come il miso, il tempeh, il tofu, il kombucha, i crauti e i cetriolini acidi.
alimenti probioticiNonostante questi alimenti siano comunque utili per il nostro benessere (il latte e i derivati del latte sono ottime fonti di calcio e fosforo, quelli della soia contengono fitosteroli e omega 3 ecc.), la quantità di probiotici in grado di superare l'azione digestiva è del tutto insufficiente per ottenere gli stessi effetti benefici legati all'utilizzo di supplementi specifici. Per questo motivo sono stati studiati e commercializzati prodotti fortificati con probiotici, soprattutto yogurt, frutto della ricerca interna delle aziende produttrici e contenenti spesso ceppi batterici che differiscono leggermente da un prodotto all'altro, anche per quanto riguarda gli effetti benefici (alcuni regolarizzano la funzionalità intestinale, altri stimolano soprattutto le difese immunitarie).
Prima di ricorrere a integratori o ad alimenti fortificati con probiotici è comunque bene seguire alcune regole utili per normalizzare la propria flora batterica e migliorare di riflesso le funzioni intestinali e il benessere generale. Questi benefici sono ottenibili seguendo una dieta ricca di fibre, che eviti gli eccessi (soprattutto di alcol, zuccheri e proteine) e che apporti le giuste quantità di latticini (in modo particolare di yogurt e formaggi magri).

Infine, è bene ricordare che l'iperproliferazione di patogeni a discapito dei ceppi probiotici è favorita anche da una serie di elementi sfavorenti quali: sedentarietà, abuso di farmaci, additivi vari presenti negli alimenti e ritmi di vita irregolari e frenetici.

Assunzione

Come assumere i probiotici?

Per garantire l'efficacia dell'integrazione con probiotici è anzitutto necessario scegliere correttamente il dosaggio, che prevede una singola assunzione giornaliera di circa un miliardo di unità.
Un altro fattore determinante è il periodo di trattamento. Non ha senso seguire una terapia a base di probiotici per un arco di tempo inferiore a 20-30 giorni.
E' anche necessario assicurarsi che la barriera acida dello stomaco (difesa naturale dell'organismo contro i patogeni) non uccida i microorganismi, che ricordiamo vengono assunti per via orale.

Poiché lo stomaco secerne la maggior parte dei succhi gastrici in corrispondenza dei pasti, è necessario assumere i probiotici a stomaco vuoto. Evitando questo inconveniente aumentano le probabilità che i batteri raggiungano l'intestino crasso rinforzando la flora batterica fisiologica.


Leggi l'approfondimento: Probiotici: quali scegliere e come utilizzarli